Pallanuoto uomini, il Catania sfiora il pareggio

I rosso-azzurri, ancora a secco di vittorie, sprecano una ghiotta occasione in casa della Lazio e sono anche sfortunati nel centrare un palo sul finale

42090679_2273660876039291_8516676232480292864_n

Sesta sconfitta consecutiva per la Nuoto Catania, che in casa della Lazio spreca una preziosa occasione per conquistare il primo punto di questa stagione. Si sono infrante sul palo, colpito da Thomas Lucas, le speranze di portare a casa un pareggio. Finisce 7-6 per i padroni di casa.

Il primo quarto di gioco è di marca laziale con le reti di Leporale, Vitale e Ferrante che firmano e chiudono la prima frazione con un perentorio 3-0.

I rosso-azzurri vanno a segno poco dopo i due minuti di gioco della seconda frazione con Daniel Presciutti (3-1), rete che dà morale alla Nuoto Catania fino a quel momento poco concreta.

In apertura di terzo tempo la Lazio ritrova la via del gol con Giorgi (4-1), dopo una seconda frazione a bocca asciutta. I padroni di casa si sciolgono e approfittano del momento per andare a segno con Cannella (5-1) e poi di nuovo con Giorgi (6-1). A due minuti dalla fine della terza frazione gli etnei accorciano le distanze con Eugenio Russo (6-2). Da quel momento, fino alla fine del match, la Nuoto Catania cambia volto e spirito raggiungendo i padroni di casa e sfiorando il pareggio nei secondi finali.

Dopo la rete di Russo, è Jankovic a realizzare il gol del 6-3, poco dopo Cuccovillo serve capitan Kacar che mette a segno la palla del 6-4. La partita si riapre, nonostante la rete della Lazio con Cannella (7-4).

A due minuti dal termine Giorgio Torrisi segna il gol del 7-5, Jankovic accorcia ancora di più le distanze  (7-6), e a circa 18 secondi dalla fine del match, preziosa occasione per Thomas Lucas che in rovesciata, realizza un tiro che si infrange sul palo.

Questo il commento del tecnico etneo, Giuseppe Dato: «In ogni partita questa squadra dimostra di avere due volti, da una parte subisce, dall’altra combatte – spiega -. Ci sono dei limiti oggettivi ma a parer mio oggi il nostro è un problema emotivo e mentale, dal momento che atleticamente i ragazzi sono in forma. La squadra avrebbe bisogno di un’iniezione di fiducia, che sarebbe di certo arrivata se quella palla sul finale non si fosse infranta sul palo. Aldilà delle nostre problematiche in questo momento gli episodi non ci favoriscono, basti pensare alla gara con il Trieste persa a 5 secondi dalla fine e la gara di oggi con la rimonta e il pareggio sfiorato. Da lunedì torneremo a lavoro per preparare al meglio la gara di sabato pomeriggio contro Canottieri Napoli».

SS LAZIO NUOTO: Correggia, Ferrante 1, Colosimo, Sebastiani 1, Vitale, Antonucci, Giorgi 2, Cannella 2, Leporale 1, Narciso, Maddaluno, Marni, Garofalo. All. Sebastianutti

NUOTO CATANIA: Risticevic, Lucas, Jankovic 2, Buzdovacic, Catania, Russo 1, Torrisi 1, Scebba, Kacar 1, Riolo, Presciutti 1, Cuccovillo, Castorina. All. Dato

Arbitri: L. Bianco e Colombo

Parziali: 3-0, 0-1, 3-1, 1-4 
Note:
Spettatori 300 circa. Uscito per limite di falli Giorgi (L) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Lazio 3/9 e Catania 4/7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *