Pala San Teodoro, avviare un progetto articolato per recuperare l’intero impianto

Comune di Catania, associazioni sportive, municipalità. Per il Pala San Teodoro a Librino, serve la collaborazioni di tutti

thumbnail_campetto in erba sinteticaQuello che stanno compiendo “I Briganti”, all’interno di uno dei luoghi che per troppo tempo è stato in mano ai vandali e alla microcriminalità, è assolutamente encomiabile con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. A questo bisogna aggiungere l’iniziativa dei giovani architetti ed i lavori prossimi voluti fortemente dal Sindaco Bianco, attraverso il Patto per Catania, per il campo di rugby. La questione di fondo, però, resta quello di occuparsi dell’intero impianto.

thumbnail_le inferriater e protezioniPer queste ragioni Ersilia Saverino, vice presidente della commissione al Patrimonio, chiede al Primo Cittadino di Catania di attivarsi per creare una cabina di regia che veda anche la presenza di imprenditori che sul Pala San Teodoro vogliano scommetterci. In cambio di agevolazioni fiscali o esenzioni, anche le società sportive potrebbero adottare il campo in erba sintetica, le palestre, il bocciometro, gli spogliatoi e vari campetti di calcio. Fare il possibile per la struttura affinchè ritorni ai fasti dei primi anni ’90. Un primo tentativo era stato fatto nel 2009 senza grandi risultati.

thumbnail_biglietteria invasa dai rifiuti (2)Oggi il piano di lavoro da sviluppare deve prevedere anche il recupero dei vicini botteghini  letteralmente circondati da una enorme discarica abusiva. Il centro direzionale polivalente “San Teodoro”, che fa riferimento al “Piano Particolareggiato per la ricreazione e lo sport” a Librino, viene alla luce oltre vent’anni fa per ospitare le universiadi del ’97. thumbnail_biglietteria invasa dai rifiuti (1)

Quest’area di 60 ettari, costata alle casse comunali oltre 6 milioni di euro, rappresenta una enorme risorsa per Catania ma solo con la collaborazione dell’intero tessuto sano cittadino si può mettere fine ad anni di degrado ed abbandono cominciando a vigilare sull’intera area e facendo in modo che episodi come quello dello scorso gennaio non si ripetano più.

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *