Notizia “spaziale” di Luca Parmitano

A cena con i “Polaretti”

 

RIPOSTO (CT). Dolfin, l’azienda dolciaria siciliana produttrice dei ghiaccioli Polaretti e delle uova di pasqua, ha una notizia “spaziale”.

Il suo Sorbetto Senso Freddo ai Limoni di Sicilia è stato infatti scelto da Altec, la società italiana di servizi ingegneristici e logistici per le missioni di esplorazione planetarie, per la “cena spaziale” organizzata lo scorso 22 giugno sulla stazione spaziale orbitante dove, nell’ambito della Missione Volare, dal mese di maggio è impegnato Luca Parmitano, primo astronauta italiano nello spazio. Parmitano, è un astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) e pilota sperimentatore dell’Aeronautica Militare Italiana.

Nel corso della cena spaziale organizzata da Altec, Parmitano e l’equipaggio internazionale della Missione Volare hanno gustato un pasto ispirato, per gusto e qualità, alla migliore cucina italiana. Un pastoper il quale Altecaveva selezionato sul mercato prodotti d’eccellenza sotto il profilo salutistico e dietetico, oltre che pratico per le esigenze connesse al confezionamento, alla spedizione e, infine, alla consumazione in assenza di gravità. Ha concluso la cena il Sorbetto Senso Freddo Dolfin, molto apprezzato dai quattro astronauti durante le degustazioni fatte nei mesi di addestramento sulla Terra, tanto che ognuno di loro ne aveva chiesto una scorta per uso personale.

Uno straordinario scatto digitale della Nasa [vedi foto] documenta questa inedita esperienza sensoriale: in assenza di gravità, i quattro astronauti galleggiano nello spazio della loro navicella, gustandosi fino in fondo il sorbetto ai limoni di Sicilia e quello ai frutti rossi della Dolfin refrigerati, per una breve deroga di due ore, nel frigorifero detto “Merlin” utilizzato a bordo, di norma, per gli esperimenti con campioni biologici.

L’immagine, condivisa da Parmitano sui suoi profili Twitter e Facebook e pubblicata sul sito di Altec, ha fatto il giro del mondo ed è anche stata utilizzata da prestigiose riviste e magazine (come il mensile italiano FOCUS) per servizi dedicati al “cibo spaziale” che deve rispondere a determinati requisiti dietetici e calorici. Ad esempio avere un contenuto ridotto di grassi e calorie (proprio un punto di forza del sorbetto Senso Freddo Dolfin: zero grassi e poche calorie) e, nel caso di cibi salati, contenere pochissimo cloruro di sodio. Pare infatti che la percezione del sale, in orbita, sia esagerata alterando il sapore dei cibi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *