Nizami Ganjavi il Dante del Caucaso: poeta azero famoso ancora oggi dopo 880 anni

La pagina d'oro della letteratura mondiale: il pensatore e poeta azero Nizami Ganjavi. Quest'anno ricade l'880esimo anniversario della nascita, famoso in tutta la zona del Caucaso, Iran, Turchia, Azerbaigian, Turkmenistan, Kirghizistan, Kazakistan.

Scrivere sul mio connazionale è felicità e responsabilità! Nizami Ganjavi, una figura di spicco della letteratura mondiale, evento senza precedenti nella storia del pensiero artistico umano. La ricca opera del grande poeta e pensatore azero Nizami Ganjavi è diventata parte integrante della spiritualità del popolo azero da quasi nove secoli. La brillante eredità del poeta è la pagina d'oro della letteratura mondiale, la perla dei valori culturali incomparabili dell'Oriente. Nizami Ganjavi è nato a Ganja, l'antica città dell'Azerbaigian, conosciuta come un importante centro culturale del Vicino e Medio Oriente, dove ha vissuto tutta la sua vita. Il vero nome del poeta è Ilyas. Nizami ha studiato alla Madrasa di Ganja, occupandosi di scienze di quel tempo attraverso la lettura personale, soprattutto ha fatto conoscenza con la letteratura orale e scritta dei popoli del Medio Oriente. Può essere visto dalle sue opere quella del poeta, che parlava correntemente non solo il turco, ma anche l'arabo e persiano, conosceva la lingua greca e conosceva anche il greco antico storia e filosofia, astronomia, medicina e geometria. L'artista, che ha vissuto a Ganja fino alla fine della sua vita, rifiutò categoricamente di diventare un poeta di palazzo. Ha sposato un una donna di nome Afak intorno al 1169-1170, e suo figlio Muhammad nacque nel 1174. Durante lo scavo della tomba di Nizami Ganjavi nel 1947, venne trovata la sua stele. Da questa pietra è stato determinato che il poeta morì il 12 marzo 1209. Il grande pensatore ha arricchito la storia filosofico-sociale e artistico-estetico dell'Oriente con il suo potere poetico universale e miracoloso e innalzò la sua poesia ad altezze senza precedenti. Il famoso "Khamsa" di Nizami Ganjavi sta al vertice del pensiero poetico e filosofico del mondo e occupa un posto degno tra i capolavori della storia letteraria. Come tra le note del naturalista russo L.Klimovich si legge che i pensatori di tutti i tempi chiamavano le cinque poesie di Nizami un miracolo di poesia, le cinque perle. Le opere immortali del potente maestro della parola, che hanno aperto un nuovo splendore pagina negli annali del pensiero artistico dell'umanità, servono ancora lo spirituale e la morale nel miglioramento delle persone. Il poeta-pensatore ha creato una grande scuola letteraria, composta da molti seguaci, diversi nelle loro tradizioni. Il lavoro di Nizami, conosciuto in tutto il mondo come "Ganjali Genius" è un evento globale, perché non solo i valori letterari e culturali orientali e  occidentali, valori culturali hanno trovato una sintesi perfetta nell'eredità del poeta azero.

In effetti, il lavoro di Nizami può essere visto come una nuova tappa nel periodo classico in pieno senso della parola. Perché è nelle idee umanistiche di Nizami che ci risvegliamo dal misticismo del Medioevo e diventare testimoni di un razionale, logico approccio a eventi e oggetti, una persona, il significato e l'essenza della vita sociale a mente sana e sobria. Le idee principali che sono passate attraverso l'intero lavoro del grande pensatore come una linea brillante in seguito apparve nella letteratura mondiale nelle opere di artisti del Rinascimento Europeo. L'orientalista svedese Rudolf Gelpne collega l'eternità della creatività del poeta con la perfezione e la saggezza della sua personalità: Uno dei motivi del l'immortalità della creatività di Nizami sono i problemi sociali che tocca nella sua funziona, - secondo il poeta, un sovrano saggio e illuminato dovrebbe essere a capo di società, garantendo così relazioni armoniose tra le persone nella società. Dal momento che il sovrano è la persona responsabile dell'ambiente sociale, la salute di questo ambiente dipende in gran parte dalle sue qualità personali. Il problema principale di tutte le opere del poeta è che il capo dello stato deve adempiere ai suoi obblighi e non smettere mai di lavorare per il felicità e conforto dei suoi subordinati. Questo è l'unico modo per garantire il sviluppo armonioso delle persone nella società e realizzare gli obiettivi fissati da Dio quando creare l'uomo. L'immortale eredità letteraria di Nizami Ganjavi è la fonte dell'umanesimo, l'amore per persone, alta moralità, piacere estetico, educazione e conoscenza, profonda pensiero filosofico e saggezza. Il poeta ha iniziato la sua carriera con la poesia lirica. Il suo i testi si distinguono per l'alta abilità artistica, un atteggiamento secolare verso l'amore, pensieri umanistici sul destino dell'umanità. "Khamsa" ("Five"), composto da 5 poesie scritte da Nizami Ganjavi in ​​forma di prosa, è una preziosa perla della letteratura mondiale. Nizami Ganjavi ha introdotto una voce poetica e un respiro completamente nuovi nella letteratura mondiale con le sue cinque poesie immortali ("Il Tesoro dei Segreti", "Khosrov e Shirin", "Leyli e Machnun "," Seven Beauties "," Isgendername"). A differenza di altre poesie, la prima poesia di Nizami "Treasury of Secrets" (1174) non ha una vera e propria trama. Tuttavia, una varietà di storie e leggende sono state abilmente utilizzate e rappresentano molte delle questioni discusse qui. La poesia copre oltre 20 storie con la tradizionale introduzione. Con questa prima poesia, Nizami ha dimostrato di aver posato la fondazione per una tradizione epica completamente nuova nella letteratura del Vicino e Medio Oriente e ha gettato le basi per un'intera scuola letteraria dopo di lui.

La poesia "Khosrov e Shirin" (1180) è la poesia delle opere romantiche di Nizami, quella è, poesie basate sul romanzo. Per la prima volta nella letteratura orientale, Nizami Ganjavi ha creato un nobile concetto di amore, interpretando l'amore in senso filosofico. Nonostante il il fatto che il personaggio principale della poesia "Khosrov e Shirin" è una figura storica, il poeta fondamentalmente ha mostrato il potere dell'amore. Sebbene il tema dell'opera sia tratto dalla storia della dinastia sassanide in Iran, il poeta ha parlato degli eventi, delle personalità e dei problemi del suo nativo l'ambiente nel delineare molti problemi. Maggiore attenzione è riservata ai momenti di la vita del personaggio principale Khosrov Parviz in connessione con la principessa Shirin dell'Azerbaigian. È originale nella storia della letteratura mondiale come immagine di Shirin, donna fedele. Nella letteratura dell'Europa occidentale, non c'è quasi nessuna rappresentazione di donna intelligente, leale e pratica come Shirin. Alcuni degli eroi tradizionali di Dante, Beatrice, e Shakespeare possono esserlo.

La descrizione di Nizami Ganjavi e l'inno dell'amore sublime, esaltando una persona e perpetuare il suo nome, si riflettono nella poesia "Leyli e Mechnun" (1188), la terza opera di "Hamsa". Questa poesia è stata scritta per ordine di Shirvanshah Akshita. Di miracolo della sua arte, Nizami è riuscita a creare una storia d'amore immortale. Lui è anche conosciuto come il primo artista a scrivere una poesia sull'argomento nella letteratura mediorientale. I personaggi principali della poesia "Leyli e Mechnun" nella società, quale non vuole accettare l'idea di libertà umana, chiamata "pazza", diventata la incarnazione del desiderio umano di essere amato liberamente. Una delle maggiori sfide a il lavoro è una prospettiva completamente nuova sulla libertà delle donne. Il poeta si oppone al tradizioni marce che ostacolano la libertà e lo sviluppo della società e il individuale, propone e sostiene l'idea dell'importanza del razionale libertà umana nella società. Nel tragico finale della trama, Nizami incolpa i social-ambiene che circonda una persona, abitudini illogiche e istinti selvaggi che prevalgono in questo ambiente, e mette un ambiente naturale, natura selvaggia, contro il quale nessuno interferisce. Il poeta mostra che gli animali puri e puri, che non sono influenzati da relazioni sociali, capire meglio l'altezza e la grandezza di Mechnun e raccogliere intorno a lui. Il tema di quest'ultimo nella poesia di Nizami "Sette bellezze" (1197) e "Iskendername" (1203) è stato determinato dal poeta stesso ed è stato utilizzato come a strumento filosofico e poetico nella realizzazione artistica del suo ideale sociale. Sebbene entrambe le opere sono scritte sul tema della storia, Nizami ha usato la storia solo come un sfondo, adattando spesso la vera storia al suo ideale estetico. Da questo punto di vista, queste poesie possono essere viste come una continuazione logica l'una dell'altra. Il principale L'idea che Nizami vuole risolvere come artista umanista è la felicità umana e la ricerca per i modi per la felicità. Nel Medioevo, poiché la responsabilità principale per questo laici non con la società, ma con il sovrano, dovevano affrontare i requisiti di base in opere filosofiche e artistiche. In particolare, ha mostrato l'immagine di Iskender Nizami come un grande re illuminato e giusto ha avuto l'opportunità di agire per il bene e sviluppo armonioso della società. Da questo punto di vista, vediamo che le immagini del sovrano, creato da Nizami, migliorato da poesia a poesia e più corrispondeva ai desideri e alle esigenze della società. In questa poesia, il poeta ha riassunto il importanti idee socio-politiche e filosofiche che ha avanzato nel suo precedente lavori. In Iskendername, ha ricordato il coraggio, l'intelligenza, la lungimiranza e la capacità di difendere il paese di una governante donna così coraggiosa come Nushaba, e invocò i suoi contemporanei ad ascoltare questa gloriosa storia. La grandezza dell'arte di Nizami e la grandezza del suo ideale estetico hanno dato un potente impulso allo sviluppo della letteratura azera nei secoli successivi. Il rispetto della persona umana e del lavoro umano è uno dei temi portanti dell'opera del poeta. Nizami Ganjavi era anche un poeta-patriota. Ha collegato tutti gli eventi descritto con l'Azerbaigian e glorificato la sua patria. Nell'opera del poeta, il patriottismo si combina con l'idea dell'eroismo dei nativi. Nizami scrisse le sue opere in persiano secondo le esigenze del tempo. Ha spiegato il motivo per cui non ha scritto in turco in "Leyli e Machnun" e poi in "Seven Beauties" ha nuovamente sollevato la questione. La letteratura occidentale presentava Nizami Ganjavi come di origine persiana e iraniana. Era basato su quello che ha scritto in persiano. Tuttavia, scrivere in persiano era una tradizione all'epoca. Secoli dopo, pensatori come Khatai, Nasimi, Fizuli, Burhanaddin e Nawai scritto in turco. Dopo tutto, Nizami è un turco azerbaigiano, le sue opere riflettono la vita dei turchi: "La gloria dei turchi si è diffusa nel mondo, non sei turco, sei un indiano?'', "Le terre dei turchi fiorirono con giustizia'', "una volta che il lo stato turco è cresciuto come una montagna". Il poeta dichiara ripetutamente in "Khosrov e Shirin" che è turco: “Il mio turkmeno non raggiunge l'Abissinia''. Nella stessa storia della poesia, Mahinbanu racconta a Shirina che se Khosrov è un discendente di Keikhosrov, allora sei anche un discendente di Afrasiab. Essere un discendente di Afrasiab significa essere il Sovrano di Turan. "Anche se il mio turco ha lasciato la tenda, Dio, proteggi lui stesso il bambino turco", in questi versi, il poeta parla della morte di sua moglie Afak, lo chiama "Turkum" e di suo figlio Muhammad da Afag "bambino turco". Come si può vedere dalle sue opere, non si può dire che Nizami Ganjavi appartenga al Cultura persiana. La visione del mondo e la creatività di Nizami si sono formate in connessione con il folclore, la lingua, il dialetto e la letteratura del popolo azero. Questo è stato confermato da numerosi scienziati e ricercatori in tutto il mondo. Di nuovo in XV secolo, Samarcanda ha fornito informazioni nel libro "Tazkiratul-shuara" riguardo a libro di poesie di Nizami in turco. Lo storico americano Lev Slezkin, che era un membro della delegazione al 1° Congresso degli scrittori dell'URSS, Unione nel 1934, chiamato Nizami Ganjavi "un turco di Ganja". La Great Soviet Encyclopedia, preparata da Yevgeny Bertels, ha introdotto Nizami come un poeta azero nel 1939, e dopo il 1940 tutti gli studiosi sovietici riconobbero Nizami come un azero. Il 22 settembre 1947, il presidente dell'Unione degli scrittori del L'Unione Sovietica Nikolai Tikhonov ha scritto in un articolo sul quotidiano Pravda in risposta a coloro che hanno distorto lo status di Nizami Ganjavi come poeta azero: "È chiaro che Nizami ha scritto in persiano, e questa non è la prima volta che i nemici del Gli azeri ritraggono Nizami come un poeta persiano e che non ha niente da fare con il suo nativo Azerbaigian. Ma questa menzogna spudorata non ha ingannato nessuno''. Orientalisti come Hammer, Baxter, Rutter, Erdman, Atkinson, Duda, Wilson e Bland, così come lo scrittore tedesco Johann Sherr, ha detto che Nizami era un Turco azero. I critici letterari iraniani hanno anche ammesso che il lavoro del poeta è parte integrante del turco cultura, pensiero letterario e filosofico: "Nizami Ganjavi ha scritto in persiano, ma odora di turco". La vita e l'opera di Nizami Ganjavi sono state ampiamente studiate nella patria del poeta in Azerbaijan, in molti paesi del mondo, è stata creata la scienza. Significativi sono stati scritti lavori di ricerca e monografie sul poeta, e per il primo tempo nel mondo è stato preparato un testo scientifico-critico delle sue opere. Il suo lavoro ha avuto una grande influenza sullo sviluppo dei popoli del Medio Oriente, compreso Persiano, tagiko, turco, uzbeko, indiano, afghano, turkmeno. La creatività di Nizami Ganjavi ha sviluppato la letteratura dell'Europa occidentale. Le opere del poeta sono state tradotto in molte lingue del mondo e ha svolto un ruolo importante nel sviluppo dell'arte orientale, in particolare l'arte della miniatura. Manoscritti rari dei suoi le opere sono custodite come perle preziose nei fondi di famose biblioteche, musei e manoscritti in numerose città, tra cui Mosca, San Pietroburgo, Baku, Tashkent, Tabriz, Teheran, Il Cairo, Istanbul, Delhi, Londra, Parigi. Le miniature di Sultan Muhammad, Mirzaali e Mir Seyid Ali nel manoscritto Hamsa dal 1539 al 1543, conservati al British Museum, sono l'apice più grande di quest'arte. Artisti famosi azeri M. Abdullayev, K. Kazimzade, L. Kerimov e altri artisti hanno creato opere di arte, come illustrazioni, tappeti, mosaici basati sulle opere di Nizami Ganjavi. Opera, balletto, poesie sinfoniche sono state scritte sulla base delle poesie di Nizami Ganjavi, canzoni e romanzi sono stati scritti sulle sue poesie. Opere letterarie sul grande pensatore sono stati scritti, è stato girato un lungometraggio. Il ritratto del poeta è stato creato dall'artista Gazanfar Khalikov, e la statua è stata creata dallo scultore Fuad Abdurrakhmanov. Il mausoleo del poeta fu eretto nella sua città natale di Ganja, e le statue erano eretto a Baku, San Pietroburgo e Roma. Il Nizami Ganjavi Centre di Oxford l'università nel Regno Unito funziona con successo. Per perpetuare il nome di Nizami Ganjavi, uno dei quartieri e delle strade di Baku, a lui prendono il nome un cinema, una biblioteca, un museo e una stazione della metropolitana di Baku. Il Istituto di letteratura dell'ANAS e Museo nazionale della letteratura azera prendono il nome dal grande poeta.

Nel 2021 sarà celebrato l'880° anniversario della nascita del grande poeta e pensatore Nizami Ganjavi. A tal proposito, dall'Ordine del Presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev, il 2021 è stato dichiarato l'anno di Nizami Ganjavi nella Repubblica dell'Azerbaigian ed è stato preparato un piano d'azione. Come ha detto il poeta russo Nikolai Tikhinov, la voce di Nizami è stata ascoltata per otto secoli, e ora ci sentiamo come se il poeta fosse dietro di noi. Rispetto allo spirito del poeta Nizami Ganjavi

Leyla Rashid, Chairman of the International Communications and Media Center, Member of the Institute for International Economic and Political Studies Italy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *