Napoli: primi tre punti in Champions

Si sblocca anche in Europa il Napoli, che ieri sera ha trovato i primi tre punti nella fase a girone contro il Feyenoord Rotterdam 

4

La squadra di Maurizio Sarri trova la prima gioia anche in Champions League, dopo la sconfitta durante la prima giornata di questa fase a gironi, che ha visto i partenopei uscire sconfitti dal campo dello Shaktar Donetsk per 2-1.

Ieri tutt'altro Napoli è sceso sul terreno di gioco, una squadra quasi perfetta che vuole sempre migliorarsi ed essere migliorata dal proprio allenatore, per cercare di arrivare sempre più avanti in ogni competizione che il calendario offre.

Match sbloccato dopo soli sette minuti dal fischio d'inizio del direttore di gara da Lorenzo Insigne che scarica una bordata rasoterra che batte Jones e consente ai padroni di casa di portarsi in vantaggio. Primo tempo che vede sempre gli azzurri attaccare, con il solito Insigne che si divora il gol del 2-0 e, con un Feyenoord che difende con nove undicesimi di rosa. Prima frazione di gioco che si conclude con il punteggio parziale di 1-0. 

3

Secondo tempo che inizia esattamente come il primo, con il Napoli che raddoppia dopo soli quattro minuti, questa volta, però, con Mertens che davanti l'estremo difensore del Feyenoord lascia scivolare il pallone con un tocco a giro da destra verso sinistra, impossibile da parare.

Napoli in pieno controllo del match per tutta la durata dei novanta minuti ed ecco che al 70' minuto la chiude con Callejon, che su assist del numero 14 (Mertens), segna la terza rete partenopea della giornata, mettendo il risultato al sicuro a venti minuti dalla fine.

2

Arrivati allo scadere dei 90' minuti, ormai in "Zona Cesarini", il Feyenoord trova la rete della bandiera che accorcia il parziale sul 3-1. 

Partita quasi perfetta di un Napoli che continua a stupire, non solo in Europa ma soprattutto in campionato, dove, momentaneamente, occupa il primo posto in classifica a pari punti con la Juventus ed a punteggio pieno. Unica nota negativa della serata, trattata anche nel post-partita da Sarri, è stata, proprio, la marcatura avversaria arrivata allo scadere. Come il tecnico napoletano stesso ha riferito, deve essere un Napoli che nel momento migliore non deve cullarsi e lasciare spazio agli avversari.

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *