Museo Scienza e Tecnologia, Samantha Cristoforetti in visita

Ieri mattina l’astronauta ha visitato l’esposizione Spazio del Museo e raccontato al pubblico la sua avventura sulla Stazione Spaziale Internazionale

Ieri Samantha Cristoforetti, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), protagonista della missione FUTURA dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, ha visitato in forma privata l’esposizione dedicata allo Spazio del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano e la mostra “Il mio Pianeta dallo Spazio – Fragilità e Bellezza”.
Con lei, i colleghi della Expedition 42/43, Terry Virts della NASA e Anton Shkaplerov della Roscosmos, tutti rientrati sulla Terra lo scorso 11 giugno.

Samantha Cristoforetti, l’americano Terry Virts e il russo Anton Shkaplerov sono rimasti particolarmente affascinati da alcuni oggetti esposti nell’area Spazio, dal frammento di roccia lunare portato a terra dall’ultima missione umana sulla Luna, alla tuta uguale a quella che hanno indossato a bordo del vettore spaziale Soyuz, alla rarissima tuta Krechet che avrebbero dovuto utilizzare i cosmonauti russi negli anni ’60 per il progetto poi abbandonato di sbarco sulla Luna.
I tre astronauti hanno potuto ammirare le affascinanti immagini della mostra “Il mio Pianeta dallo Spazio – Fragilità e Bellezza”, progetto espositivo aperto al pubblico fino al 10 gennaio 2016 che, attraverso immagini satellitari e videoinstallazioni, conduce nei luoghi più belli e remoti della Terra, evidenziando l’importanza dei satelliti come strumento per la gestione delle risorse naturali e la protezione dell’ambiente.

Nell’Auditorium del Museo studenti, sostenitori della campagna di crowdfunding per l’esposizione del frammento di Luna, docenti universitari, ricercatori e alcuni fortunati visitatori del Museo hanno ascoltato con attenzione Samantha Cristoforetti raccontare la sua esperienza di 200 giorni a 400 chilometri di altezza a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. L’astronauta ha poi risposto con grande coinvolgimento alle domande e curiosità provenienti dal pubblico di tutte le età presente in sala.

L’incontro è stato introdotto da Giovanni Crupi, Direttore Sviluppo Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia,Roberto Battiston, Presidente ASI, Franco Ongaro, Direttore della Tecnologia e Qualità (D/TEC) e responsabile del Centro Europeo di Tecnologia dello Spazio(ESTEC) e Piero Serra, Colonnello Capo Ufficio Politiche Spaziali Aeronautica Militare.

Il tour post volo di Samantha Cristoforetti e colleghi sta attraversando l’Italia da Nord a Sud, lungo un asse che unisce idealmente i luoghi legati alla vita personale e professionale dell’astronauta, dal 4 all’11 ottobre. Da Trento, terra di adozione dell’astronauta, a Milano, sua a città natale, poi Bologna, Roma e infine la tappa conclusiva a Napoli, luogo di formazione aeronautica dell’astronauta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *