Il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia propone per il periodo estivo nuovi orari e visite guidate gratuite

Il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia è aperto al pubblico in una fase sperimentale, proponendo per il periodo estivo nuovi orari e visite guidate gratuite.

museo-nazionale-della-scienza-e-della-tecnologia-leonardo-da-vinci

Fino al 6 settembre infatti, è possibile accedere il giovedì dalle 15 con ingresso serale fino alle 21 e il sabato e la domenica dalle 10 alle 19. È consigliabile prenotare online ma è consentito anche l’acquisto in biglietteria in base alla disponibilità. È previsto l’ingresso di 30 persone ogni 30 minuti e non è indicato un tempo massimo di permanenza. Per garantire la sicurezza dei propri visitatori, il Museo è la prima istituzione culturale nei cui spazi verrà sperimentata un’applicazione di monitoraggio per il distanziamento Covid-19 su V-App grazie a telecamere Cisco Meraki. L’app è realizzata grazie al prezioso supporto di Cisco Italia , partner tecnologico del Museo, in cui ha sede il Cybersecurity Co-Innovation Center.
Sono inoltre previsti percorsi caratterizzati da speciale segnaletica di orientamento e dispositivi per garantire il distanziamento e la sicurezza durante la visita, che avverrà nelle Nuove Gallerie Leonardo, Spazio e Astronomia, Ferroviario e Aeronavale e nell’esposizione temporanea di immagini satellitari della Terra, Fragility and Beauty – Taking the pulse of our planet from space, promossa dall’Agenzia Spaziale Europea in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana.
Nei tre giorni di apertura settimanale sono proposte visite guidate gratuite per adulti, ragazzi e famiglie con bambini tra i 4 e gli 8 anni, alla scoperta di alcune icone delle collezioni esposte nei grandi spazi o all’aperto: spazio esterno Toti – il primo sottomarino costruito in Italia dopo la Seconda Guerra Mondiale; area antistante razzo Vega – il modello in scala 1:1 del primo vettore sviluppato dall’Agenzia Spaziale Europea e Avio; padiglione Aeronavale – la più importante testimonianza della tradizione industriale navale italiana e dell’aeronautica, dagli esordi del volo al futuro dell’aviazione; il padiglione Ferroviariola suggestiva stazione liberty italiana che racconta cento anni di evoluzione del trasporto su rotaia a partire dalla seconda metà dell’800.

Gli ampi spazi esterni offrono inoltre la possibilità di fare un insolito picnic al Museo, approfittando delle belle giornate e godendo dell’ombra degli alberi per consumare il pranzo al sacco all’aperto tra una visita e l’altra.
Infine, tra le proposte per la riapertura del Museo, sono tante le novità digitali pensate per arricchire la vista. Debuttano infatti il podcast Gallerie Leonardo da Vinci, dedicato alle Gallerie Leonardo da Vinci , la più grande esposizione permanente dedicata a Leonardo umanista, ingegnere e indagatore della natura, e Train Stories, la prima app in realtà aumentata del Museo per andare alla scoperta del Padiglione Ferroviario e, in particolare, della locomotiva Valigia delle Indie.

PROGRAMMA ESTIVO VISITE GUIDATE
La prenotazione della vista guidata gratuita è obbligatoria al momento dell’acquisto del biglietto e potranno accedervi fino a un massimo di 10 persone. La visita avrà una durata di 45 minuti. Il ritrovo di partenza per le visite è lo spazio Polene.

“C’era una volta il viaggio” – visita per famiglie con bambini dai 4 agli 8 anni
Ascoltiamo storie di viaggi avventurosi in giro per il mondo e andiamo alla scoperta dei mezzi di trasporto più sorprendenti della nostra collezione. Tra carrozze, locomotive a vapore, razzi e grandi navi, viaggiamo con l’immaginazione verso luoghi e tempi che non conosciamo.
Giovedì 15.15, 16.15, 17.15, 18.15,19.15, 20.15
Sabato e domenica 11.15, 12.15, 14.15, 15.15, 16.15, 17.15, 18.15

“In viaggio al Museo” – vista per adulti e ragazzi dai 9 anni
Visitiamo insieme affascinanti highlight del Museo. Entriamo in una stazione ricostruita di fine ‘800 e ripercorriamo cento anni di evoluzione del trasporto su rotaia. Scopriamo la storia della navigazione attraverso suggestivi oggetti storici delle nostre collezioni. Conosciamo da vicino il Sottomarino Enrico Toti e il Lanciatore spaziale Vega.
Giovedì 16, 17, 18, 19, 20
Sabato e domenica 11, 12, 14, 15, 16, 17, 18

PROGRAMMA ESTIVO VISITE DIGITALI
Il Museo rappresenta un luogo d’eccellenza tecnologica, ma intende essere anche voce autorevole nel panorama digitale ed è per questo che il suo ruolo in questo settore, continua a evolvere anche a seguito della riapertura e, anzi, non ha mai smesso di farlo. Proprio per questo, la riapertura di domani, coincide anche con il lancio di tante novità digitali che accompagneranno il Museo nei prossimi mesi.

Podcast Gallerie Leonardo da Vinci
Il Museo inizia una nuova produzione e distribuzione multimediale il cui primo contenuto è il podcast Gallerie Leonardo da Vinci dedicato alle Gallerie Leonardo da Vinci , la più grande esposizione permanente dedicata a Leonardo umanista, ingegnere e indagatore della natura, alla cui scoperta i visitatori saranno accompagnati dalla voce del curatore Claudio Giorgione. Diviso in 32 puntate che seguono il percorso espositivo, il podcast Gallerie Leonardo da Vinci nasce per accompagnare nella visita all’esposizione introducendo le diverse sale e raccontando alcuni dei principali nuclei tematici delle Gallerie.
Tutti i podcast sono fruibili attraverso le piattaforme Spotify, Apple Podcasts, Google Podcasts, iHeartRadio, Deezer, Soudcloud, Spreaker, Castbox, Podcast Addict, Podchaser, JioSaavn.

App in realtà aumentata Train Stories
Scaricando Train Stories, la prima App in realtà aumentata del Museo, sarà possibile arricchire l’esperienza di vista al Padiglione Ferroviario, scoprendo la storia della Valigia delle Indie, il convoglio ferroviario che collegava settimanalmente Londra a Bombay ed attraversava parte della Francia e della neo nata Italia tra la fine del 1800 e i primi anni del 1900, e, più in generale a tutti i pezzi storici presenti all’interno del Padiglione Ferroviario del Museo. Non solo, grazie alla realtà aumentata, si potrà passeggiare attraverso il lussuoso vagone ristorante , ricostruito come quello dove i passeggeri pranzavano nel 1870, e ammirare le porcellane e gli arredi dell’epoca. Partendo poi dalla mappa del Padiglione e scegliendo uno dei convogli, si potrà ascoltare il curatore Marco Iezzi che ne svelerà gli highlights, la storia e i segreti: dalla Locomotiva E 430 del 1900, la prima a trazione elettrica, alle motrici a vapore Gr 691 e 685 che hanno reso possibile i primi grandi movimenti di persone attraverso la penisola a partire dagli anni Venti, fino ai primi mezzi pubblici urbani, quali l’OMNIBUS e il Gamba de Legn, che portavano gli operai nelle fabbriche della nuova Milano industriale.
Train Stories è disponibile sia per piattaforma Android che iOS ed è sviluppata in collaborazione con DOING, l’agenzia digitale parte del gruppo Capgemini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *