Motori, addio a Mario Poltronieri

Si è spenta a 87 anni la voce storica della Formula 1 e della Rai

Mario-Poltronieri
Mario Poltronieri, storico telecronista dei maggiori campionati auto e moto, si è spento ieri nella sua casa di Milano all’età di 87 anni. Nato il 23 novembre del 1929, prima di iniziare la carriera televisiva fu pilota e poi collaudatore della Abarth, tra il 1954 e il 1957, collezionando record su record sulle curve del circuito di Monza.

Iniziò a lavorare in televisione nel 1961 occupandosi di baseball, per poi diventare dal 1971 la voce storica delle quattro ruote. Da lì centinaia di telecronache, non solo di Formula 1, anche di Motomondiale, raccontando nella sua carriera, assieme a Ezio Zermiani e Gianfranco Palazzoli, le gesta di grandi piloti, da Stewart a Schumacher, passando per i trionfi di Giacomo Agostini e Niki Lauda.

Divennero celebri le sue telecronache, forse un po’ lente, pacate e caratterizzate da lunghe pause, influenzate sicuramente dal fatto che ai tempi sui circuiti molti punti rimanevano letteralmente scoperti dalla copertura delle telecamere, e quindi era impossibile raccontare ciò che accadeva.
Fu lui a descrivere, il famoso duello del 1979 fra Villeneuve e Arnoux a Digione, con la Ferrari e la Renault si urtarono più volte, ingaggiando un duello memorabile, e che oggi avrebbe messo a repentaglio le coronarie dei telecronisti moderni.

Dopo l’esperienza in Rai iniziò a lavorare per Odeon Tv ed Eurosport, fino al 1996, quando andò in pensione.  I funerali saranno celebrati venerdì in forma privata.

(Fonte foto. formulapassion.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *