Meta C5, Rieti asfaltato al PalaCatania

Serata incredibile per la Meta Catania e tutti i suoi sostenitori, arriva un netto 4-1 ai danni della terza in classifica

02c2aae9-fe05-4a85-b108-783100258ab2

Sembrava una sfida equilibrata sulla carta, sia perché Rieti ha dimostrato di essere una delle prime forze di questa stagione di Serie A 2018/2019, sia perché la Meta Catania di mister Samperi ha dimostrato sul terreno di gioco di poter sfidare a viso aperto chiunque si trovi sul proprio cammino.

Meta Catania che comincia con Perez tra i pali, Ernani, Amoedo, Espindola e capitan Musumeci. Quest’ultimo insieme al compagno Azzoni, fresco di esperienza in maglia Azzurra. Gli ospiti della Real Rieti invece approcciano la gara con Putano in porta, Rafinha, Jefferson, Abdala e Chimanguinho.

Nelle prime fasi di gioco la Meta si dispone in campo con un assetto particolarmente largo, ma inizialmente incapace di riuscire a saltare la retroguardia avversaria a causa della stretta marcatura a zona adoperata dai ragazzi di Festuccia. I primi dieci minuti scorrono veloci sul cronometro, finché a meno di dieci minuti dalla fine della prima frazione di gioco, su una disattenzione del brasiliano Tres, è Chimanguinho a sbloccare il match ed a portare in vantaggio la Real Rieti. I detentori della Coppa della Divisione però non fanno i conti con un Catania agguerrito e capace di mantenere il controllo di gioco anche sullo svantaggio. Passano, infatti, solamente sei minuti ed Espindola riporta il risultato in pareggio (1-1) appoggiando in porta dai tre metri. Si va al riposo in perfetta parità.

Nella ripresa i rosso-azzurri entrano in campo più agguerriti che mai e, nonostante gli innumerevoli errori arbitrali commessi, riuscendo a mettere sotto scacco un Rieti mai entrato in partita nel corso dei secondi venti minuti. Gol lampo di capitan Musumeci dopo meno di due minuti dal secondo fischio d’avvio. Il Rieti prova a reagire, ma il Catania è troppo attento a non concedere spazio dietro alla compagine ospite. Altro dato importante da analizzare è il pressing espresso dagli etnei, il quale è stato perennemente alto anche successivamente il vantaggio conquistato con la seconda marcatura. A sette minuti dalla fine Espindola sigla la propria doppietta personale facendo esplodere letteralmente il pubblico del PalaCatania. Il Rieti le prova tutte inserendo sul terreno di gioco anche Jefferson come portiere di movimento, ma per fermare il Catania ci vuole ben altro e, ad un minuto e diciassette secondi dal suono della sirena arriva il gol del K.O. firmato Musumeci (4-1) a porta completamente sguarnita.

Adesso l’obiettivo sembra tracciato. La strada per i Play-Off è sempre più in discesa, e con una Meta Catania così in forma, chissà dove potrà arrivare la squadra di Samperi.

Rosso-azzurri che nel prossimo week-end affronteranno in trasferta la Feldi Eboli. Sfida che sarà valida per la diciassettesima giornata di Serie A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *