“MareFestival – Premio Troisi”, un successo collaudato

 V Edizione di “MareFestival – Premio Troisi “, un festival contraddistinto dall’inizio alla fine dalla sua briosità e spensieratezza: pubblico, ospiti e indotto, si sono sentiti come in una famiglia nella quale hanno trovato posto tutti.

fabiano, la malfa, greggio, cucinotta, lo schiavo, capone, cavaleri

Fabiano, La Malfa, Greggio, Cucinotta, Lo Schiavo, Capone, Cavaleri

Si è svolta fra Milazzo, Malfa e Santa Marina di Salina, la V Edizione di un Festival contraddistinto dall’inizio alla fine dalla sua briosità e spensieratezza.

Dal fior fiore di personaggi che il direttore artistico di Marefestival, Massimiliano Cavaleri, e la sua organizzazione, sono riusciti a portare anche in questa edizione, si potrà capire che tutto il festival ha meritatamente diritto ad un più ampio risalto.

MareFestival è stato patrocinato dai Comuni di Santa Marina Salina, Malfa, Milazzo e Messina, dalla Città Metropolitana di Messina, dalla Marina Militare, dalla Regione SicilianaAssessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo, dal CRAL della Città Metropolitana di Messina.

Alla prossima edizione, dopo il brillante appuntamento estivo di quest’anno, non si potrà tornare indietro; bisognerà riconfermarsi almeno a questo livello, ma le premesse per una sesta edizione con scintille ci sono tutte!

La semplicità, la professionalità riscontrate nell’organizzazione, dal primo conduttore all’ultimo collaboratore, ha fatto in modo che tutti, pubblico, ospiti e indotto, si sono sentiti come in una famiglia nella quale hanno trovato posto tutti.

Significativi, anche per questo, i Cinecoktail con gli ospiti ben orchestrati dalla giornalista e conduttrice Claudia Catalli, dove il pubblico ha potuto vedere da vicino, toccare quasi con mano i loro attori preferiti.

Preparazione e disinvoltura hanno mostrato, nella conduzione, le due giornaliste e presentatrici, Nadia La Malfa e Marika Micalizzi, i co-organizzatori Patrizia Casale e Francesco Cappello e l’esperto del Comune di Milazzo, Pierpaolo Ruello, ma brave, come ufficio stampa, Chiara Chiereleison e Caterina Mittiga e nella fotografia Giovanni Isolino e Rocco Papandrea.

MareFestival, si è svolto a Milazzo il 19 luglio e poi a Salina dal 20 al 24 luglio per un totale di sei giorni di appuntamenti.

Il 5 luglio si è tenuta, alla Marina del Nettuno, a Messina, la conferenza stampa di presentazione del programma sapientemente curato nei dettagli da Massimiliano Cavaleri, che, nel corso della quale, ha illustrato le novità di quest’anno.

Per l’occasione e per la prima volta, come anche nelle successive serate del festival, sono state esposte le prestigiose statuette dei cinque David di Donatello, gentilmente concesse dalla Città Metropolitana di Messina, destinate a celebri attori come Al Pacino, Liza Minnelli, Silvana Mangano, Yves Montand e Bob Fosse e mai ritirate.

E’ stata cura del Corpo di Polizia Provinciale della Città Metropolitana di Messina la presa in custodia, il trasporto e il servizio di sorveglianza alle pregiate statuette.

La Polizia Metropolitana di Messina, infatti, effettua anche servizio di vigilanza in occasioni di spettacoli culturali, mostre ed eventi, ma ricordiamo che, tramite appositi nuclei operativi, assolve ad altri importanti e gravosi incarichi istituzionali.

Polizia Metropolitana

La Polizia Metropolitana di Messina

La V edizione si è poi aperta, ufficialmente, nella serata dello stesso giorno con un Opening Event a Messina, nella Scalinata dell’Atrio di Palazzo Zanca, con la presenza di una guest star, il soprano di caratura internazionale, Chiara Taigi che, sulle note di Casta Diva e O mio babbino caro”, ha estasiato gli spettatori presenti.

Maria Grazia Cucinotta  è stata la madrina della manifestazione promossa dall’associazione “Prima Sicilia”, diretta da Massimiliano Cavaleri.

Nella suggestiva atmosfera delle isole Eolie si sono ben miscelate, oltre al cinema, anche la musica, la moda e altre componenti della cultura, rendendo “MareFestival Salina-Premio Massimo Troisi” una delle vetrine più attese del calendario eoliano.

Il Premio Troisi è stato realizzato dallo scultore Antonello Arena.

David di Donatello

David di Donatello

Ogni anno vengono consegnati i Premi MareFestival in ricordo di Massimo Troisi, i Premi MareFestival Salina e le Targhe Argento MareFestival.

Il Premio è stato istituito nel 2013 da Massimiliano Cavaleri e da Maria Grazia Cucinotta in ricordo di Massimo Troisi e assegnato, in questi anni, a illustri personaggi dello spettacolo come Matt Dillon a Sergio Castellitto.

Fra gli ospiti degli ultimi anni, oltre a quelli già citati, anche Sabina Guzzanti, Giovanni Veronesi, Margaret Mazzantini, Valeria Solarino, Serena Autieri.

Autorità istituzionali e militari presenti, Filippo Romano, Commissario della Città Metropolitana di Messina, il sindaco di Milazzo, Giovanni Formica, il sindaco di Santa Marina Salina, Massimo Lo Schiavo, il sindaco di Malfa, Salvatore Longhitano, l’assessore alla Cultura del Comune di Messina, Daniela Ursino, il comandante di MariSicilia, Nicola De Felice e il comandante della Base Navale Messina, Santo Le Grottaglie.

Il presidente e vicepresidente del CRAL Messina, rispettivamente Gaetano Antonazzo e Sergio Lanzafame, hanno dato il Premio Cral a Massimo Dapporto, a Giorgio Pasotti e a Maria Grazia Cucinotta.

Le Targhe “Argento MareFestival”, per quanto riguarda i premi, sono state date alla regista Alicia Maksimova, al regista Massimo Coglitore, all’attrice Giulia Andò, a Martina Caruso, alla cantante Elisabetta Macchiavello, alla cantautrice Alessandra Nicita, a Vincenzo Mola e Giovanni Gioia e al giornale “Oggi Milazzo”.

Il Premio “MareFestival Salina”, dello scultore Sergio Santamarina, è stato dato a Maria Grazia Cucinotta, a Leonardo Celi e agli attori Maurizio Marchetti e Turi Giuffrida che, con autorevolezza e convinzione, ha interpretato durante la sua carriera una figura importante, rimasta viva nel cuore di tutti, ovvero il generale Dalla Chiesa.

I Premi “MareFestival-Troisi” sono stati consegnati a Gabriella Germani, a Sandra Milo, a Chiara Taigi, a Roberto Andò, a Maurizio Costanzo, a Massimo Dapporto, a Enzo Decaro e a Ezio Greggio.

triolasmorfia_troisi-arena-decaro

Troisi, Arena, Decaro

E’ sempre toccante ricordare, anche con la consegna di premi a suo nome, il grande Massimo Troisi: proprio qui a Salina, l’attore napoletano girò l’indimenticabile film “Il Postino” che ogni anno viene celebrato per essere uno dei capolavori del Cinema italiano, tra le pellicole made in Italy più viste e apprezzate nel mondo, candidato a 4 Oscar e vincitore di quello per le musiche.

Massimo Troisi, con le sue espressioni di pacata semplicità e di ammirevole umiltà, ha lasciato nel mondo del cinema italiano un vuoto profondo, un segno indelebile che solo un grande personaggio come lui poteva trasmetterci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *