L’opera di Gomez consegnata alla città di Catania

 

La grande opera realizzata dallo Street Artist di fama internazionale Gomez in via Bonajuto, fortemente voluta da Salvatore Bonajuto, proprietario dell’omonima superba cappella bizantina, tra i pochissimi beni archeologici precedenti l’eruzione del 1669, per riqualificare l’ingresso del sito, sarà svelata ufficialmente alla città martedì 30 ottobre, alle ore 10. 

Cappella-Bonajuto-625x350

In una settimana è diventato uno dei luoghi più amati da turisti e curiosi. La grande opera realizzata dallo Street Artist di fama internazionale Gomez in via Bonajuto, fortemente voluta da Salvatore Bonajuto, proprietario dell’omonima superba cappella bizantina, tra i pochissimi beni archeologici precedenti l’eruzione del 1669, per riqualificare l’ingresso del sito, sarà svelata ufficialmente alla città martedì 30 ottobre, alle ore 10.

Alla presenza del sindaco di Catania, Salvo Pogliese e dell’assessore alla Cultura, Barbara Mirabella, sarà illustrato alla città il progetto che Salvatore Bonajuto ha intenzione di portare avanti per fare della Cappella e dell’intero quartiere della Civita, il centro artistico e culturale della città.

“L’affresco di Gomez, che ringrazio tantissimo così come ringrazio tutti quelli che hanno collaborato alla realizzazione di questa splendida opera d’arte – spiega Bonajuto – è un dono alla città, ma anche un simbolo. Quello del bello, che può salvare la nostra terra, fermando l’emorragia di giovani e meno giovani. Per questo ho deciso di inaugurare oggi, che è il compleanno di mio figlio – precisa: per dare un segnale che c’è ancora speranza e che questa può essere alimentata dalla bellezza, dall’arte e dalla passione di chi non si arrende”.

L’opera maestosa, in cui luci e ombre disegnano la prospettiva, ampliando visivamente la stretta viuzza del cuore storico della città, è dunque anche un simbolo di rinascita, è stata realizzata grazie al prezioso contributo di Angelo Bacchelli, appassionato, collezionista e tra gli ideatori dei progetti di riqualificazione dei silos al porto e di Amt Art Project (con cui ha toccato con mano il valore artistico dell’arte di strada e dell’arte urbana), e resa possibile grazie alla collaborazione di Giuseppe Stagnitta, appassionato di di progetti artistici per la riqualificazione dei territori, che con il Emergentce festival  porta in giro per l’Italia il concetto di arte pubblica, in cui i privati non più gli unici ai quali è concesso godere del bello che diventa collettivo. Fondamentale è stato il sostegno, logistico ed economico, di Giuseppe Campanella, consulente finanziario di Fineco Bank, main sponsor dell’evento.

All’inaugurazione saranno presenti anche Angelo Bacchelli, Giuseppe Stagnitta, rappresentanti della Sovrintendenza ai Beni culturali, alcuni abitanti ed esercenti del quartiere che hanno contribuito alla realizzazione dell’iniziativa, promotrici della raccolta di beneficienza dell’Airc e lo staff artistico della Cappella Bonajuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *