“Lo Stato Sociale” in concerto, unica ed ultima data in Sicilia e Calabria

Lo hanno ribattezzato “Gran Fenomeni Tour” ed è il celeberrimo ultimo tour de Lo Stato Sociale, l’irriverente band bolognese che continua a riempire le piazze italiane. Dopo l’esordio del 4 giugno scorso a Milano con oltre 5000 presenze, sabato 1 agosto al Qubba di Catania, la band più forte del momento si esibirà nell’ultimo concerto siciliano prima di una lunga pausa. 

Lo Stato Sociale è uno dei fenomeni musicali di questi ultimi anni, una delle band più osannate e criticate allo stesso tempo, i cinque ragazzi bolognesi sono indipendenti, ma fanno numeri da major, come confermano i concerti da tutto esaurito che li hanno portati a percorrere l’Italia, da Nord a Sud. Sabato 1 Agosto, Qubba, la masseria sonora di contrada Cubba, alle porte di Catania, ha il piacere di ospitare l’unica e ultima data del loro “sold out tour” in Sicilia, a partire dalle ore 22, all’interno della serata targata Matrioska.

Il “Gran Fenomeni” tour chiude il percorso che la band bolognese ha iniziato nel 2014 con l’uscita de “L’Italia peggiore”, tra gli album indipendenti più venduti dell’anno, con il singolo “C’eravamo tanto sbagliati” rimasto in prima posizione nella classifica Itunes per una settimana. Il tour della band-fenomeno ha toccato più volte l’Europa (Bruxelles, Amsterdam, Londra, Parigi e Berlino) ed ha contato 20 sold-out su 20 concerti. In mezzo c’è stato anche il “primo” primo maggio per Lo Stato Sociale, in diretta tv in prima serata, sul palco di Piazza San Giovanni a Roma, oltre ad innumerevoli altre partecipazioni in programmi televisivi e radiofonici di primo piano.

Dopo l’esordio del 4 giugno scorso al Carroponte di Milano con oltre 5000 presenze, quella di sabato 1 agosto al Qubba di Catania sarà l’unica ed ultima data della band in Sicilia, prima di un lungo periodo di pausa.

Sarà l’ultimo concerto in Sicilia per un anno e mezzo sicuro. Abbiamo deciso di prenderci una pausa per lavorare bene sul nuovo disco – racconta Alberto, il frontman del gruppo – A settembre interrompiamo il tour, ma la data conclusiva è fissata per sabato 21 novembre al Paladozza di Bologna in cui non mancheranno ospiti speciali e sorprese. E’ il primo palasport della nostra vita, e abbiamo deciso di chiudere così questi 4 anni di attività live forsennata. Una chiusura con il botto, in un luogo storico che significa molto per noi. Poi lavoreremo a cose nuove. senza farci correre dietro da nessuno. Il concerto al Qubba sarà più ricco rispetto alla data invernale che abbiamo fatto in Sicilia e sarà decisamente più ricco. Avremo un diverso allestimento luci, con parecchie innovazioni, una scaletta più equilibrata, un best off dei due dischi”.

Gran Fenomeni” mette in campo una nuova scaletta con tutti i singoli della band e nella quale tutti e 5 i componenti della band si mettono in gioco cantando. Il palco sarà dominato da 4 totem luminosi che, su ruote, durante il concerto cambieranno più volte posizione. Ci sarà una nuova scenografia ed un vero e proprio cannone sparacoriandoli per inondare la platea di colori.

A seguire serata Matrioska, un nuovo contenitore musicale della Boogie Crew che propone un prodotto assolutamente ibrido e innovativo, basato sul mashup di suoni pop, soul, rock ed elettronici.

BIO – LO STATO SOCIALE

 

Lo Stato Sociale è un gruppo musicale elettro-pop bolognese nato nel 2009 da tre DJ di Radiocittà Fujiko di Bologna: Alberto Cazzola, Lodovico Guenzi e Alberto Guidetti. Nel 2011 la formazione a tre viene ampliata a quintetto con l’ingresso di Enrico Roberto e Francesco Draicchio. Hanno esordito con l’EP autoprodotto Welfare Pop nel 2010, seguito l’anno successivo da un secondo EP intitolato Amore ai tempi dell’Ikea, inaugurando la collaborazione con la Garrincha Dischi che dura fino ad oggi. Nel 2012 esce il loro primo album, Turisti della democrazia, al quale fa seguito un tour di 200 concerti in Italia ed in Europa. 

Nel 2013, ad un anno dalla prima pubblicazione, Turisti della democrazia viene ripubblicato in edizione deluxe, in formato doppio CD. Il primo CD presenta la tracklist originale mentre il secondo CD comprende tutti gli 11 brani del disco originale coverizzati da 11 artisti, oltre a tanti remix e inediti. Alla ripubblicazione dell’album, segue un lungo tour dello spettacolo di teatro-canzone Tronisti della democrazia, nel quale le canzoni dell’album d’esordio sono alternate a monologhi e sketch a formare “un minicorso in 5 atti di buone maniere”.

Con Turisti della democrazia, tra i più discussi album usciti in ambito indie rock in Italia, la band bolognese ha ricevuto la Targa Giovani Mei e il Premio SIAE “Miglior Giovane Talento dell’Anno” e altri riconoscimenti. Il 14 aprile 2014 viene pubblicato in esclusiva su iTunes il singolo C’eravamo tanto sbagliati, anticipazione dal secondo album della band. Il brano si posiziona subito in testa alla classifica dei più venduti sulla piattaforma sorpassando Happy di Pharrell Williams.

L’1 maggio esce il secondo singolo “Questo è un grande paese” con la collaborazione di Piotta e Max Collini degli Offlaga Disco Pax, il cui video, realizzato dall’illustratore Sio (Scottecs tv) è stato per oltre una settimana tra i clip più popolari su Youtube, superando le 200.000 visualizzazioni in meno di 10 giorni. Il 2 giugno, Festa della Repubblica, esce il secondo album, “L’Italia Peggiore” a cui segue un lungo (32 date) tour estivo nei principali festival e città in Italia che registra oltre 70.000 presenze. Il tour che segue nell’inverno 2014 e nella primavera 2015 de Lo Stato sociale tocca più volte l’Europa (Bruxelles, Amsterdam, Londra, Parigi e Berlino) e nei club conta 20 sold-out su 20 concerti, e porta la band sul palco del Primo Maggio di Roma , in diretta televisiva, e la partecipazione in diversi programmi televisivi e radiofonici di primo piano.

 

 

Formazione:

ALBERTO CAZZOLA – basso, tastiere e voce

LODO GUENZI – chitarra, ukulele, basso e voce

ALBERTO GUIDETTI – drum machine e voce

ENRICO ROBERTO – Synth, piano e voce

FRANCESCO DRAICCHIO – Synth, ukulele e voce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *