L’Italia vince ai Mondiali di Subbuteo Calcio Tavolo a Parigi

Otto titoli vinti su dodici: questo è il bottino portato a casa dagli azzurri ai Mondiali di Subbuteo Calcio Tavolo che si sono svolti il 2 e il 3 settembre a Parigi

IMG_1949

Le vittorie ottenute non fanno che riconfermare il ruolo dominante del nostro Paese, in uno sport che sempre di più riesce a coinvolgere anche i giovani. 8 titoli, tanti quanti quelli conquistati in Belgio nel 2016, sono stati salutati sul podio dalla numerosa delegazione italiana della FISCT (Federazione Italiana Sportiva Calcio Tavolo), guidata dal presidente Maurizio Cuzzocrea e dal Commissario Tecnico Paolo Finardi.

Più di 200 giocatori provenienti da ogni parte del mondo: oltre al Belpaese, con i suoi 35 giocatori, Belgio, Francia, Germania, Sudan, Tunisia, Grecia, Malta, Giappone, Russia e Usa, solo per citarne alcuni.

Nella competizione a squadre l’Italia ha vinto il titolo nel massimo torneo, quello Open, battendo in finale il Belgio. La nazionale, capitanata dal reggiano Saverio Bari, ha sbaragliato la concorrenza con una formazione giovane e rinnovata, che fa ben sperare per un lungo futuro al vertice mondiale.

Trionfo azzurro  anche nei Veterani, contro l’Austria e nel settore giovanile, dove gli azzurrini hanno conquistato il titolo Under 19 contro Malta e quello Under 15 e Under 12 contro il Belgio. Solo nella categoria Donne, il titolo è andato al Belgio che ha superato le azzurre in una finale thrilling conclusasi solo ai calci di rigore.

Gli azzurri hanno vinto, inoltre, il titolo individuale in tutte le competizioni del settore giovanile. I fratelli piemontesi Francesco e Nicola Borgo, sono stati i trionfatori nelle categorie Under 12 e Under 19, mentre nella Under 15 ha alzato la coppa il siciliano Claudio La Torre.

“L’impegno di giocatori e tecnici ci ha portato ancora una volta a risultati straordinari – ha dichiarato il Presidente Cuzzocrea – che non fanno che confermare il lavoro che stiamo portando avanti. I tempi sono maturi perché la Fisct possa richiedere al Coni il riconoscimento del calcio tavolo come disciplina sportiva.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *