Lions Catania Faro Biscari e Rotary Etna Sud Est. Banda Larga: fattore di crescita economica

IL MONDO DIGITALE E LA BANDA LARGA
FATTORI DI CRESCITA ECONOMICA E OCCUPAZIONALE”.
Questo il titolo dell’incontro tra Club Service Lions e Rotary svolto all’Hotel Nettuno di Catania. Presentato in anteprima il sistema di Teleporto del Mediterraneo

Le reti di telecomunicazioni sono il sistema nervoso di ogni nazione moderna. Una nazione non si ferma se si fermano i trasporti e neanche per uno sciopero generale. ma se le reti di telecomunicazioni si fermassero, sarebbero davvero poche le attività che oggi riuscirebbero a non fermarsi”.

Da qualche anno si sente insistentemente parlare di banda larga e della creazione di una sua  rete in tutto il territorio nazionale. Ma cos’è e a cosa serve la banda larga? A queste domande hanno risposto esaurientemente i relatori nel corso di un meeting organizzato dal Lions Catania Faro Biscari e dal Rotary Etna Sud Est

Il dott. Gioacchino Gaudioso di Saracina, Presidente del Rotary ha introdotto il tema presentando, quindi,  i relatori: l’ing. Tino Sciuto, Presidente CDA Mediaset e Telewave Sicilia, l’ing. Giuseppe Furnari, AMS Sud Italia El Tower Spa, il giornalista Turi Caggegi, coordinatore del dibattito, l’ing. Piero Vita, Direttore Sviluppo Satellitari SIELTE e l’ing. Giuseppe Mammana, Direttore Generale Telereading.
Il dott. Vincenzo Stroscio, Presidente del Lions ha messo in evidenza l’importanza della banda larga nella società moderna .La banda larga, in pratica, consente la trasmissione e la ricezione simultanea di dati, in quantità maggiore nello stesso cavo che sfrutta un’ampiezza di banda superiore agli attuali sistemi, trasmessi a banda stretta.
Furnari ha esordito chiedendo al numeroso pubblico presente se qualcuno si è mai domandato, quando telefoniamo, cosa c ‘è nel mezzo tra un telefono trasmittente e uno ricevente? Con la nascita delle Tv private finisce il monopolio della Tv di Stato e con le trasmissioni satellitari, la recezione televisiva diventa globale.
Caggegi a proposito di Tv private ha evidenziato che a Catania nel 1976 è nata Telecolor, la prima televisione privata in Italia e la terza in Europa.
Per Sciuto siamo immersi in un mondo di comunicazione, ma rispetto a taluni paesi siamo arretrati. Speriamo – ha dichiarato – che con l’Expo 2015  per l’Italia possa essere la volta buona. Il primo leader assoluto della comunicazione è stato Adriano Olivetti.
Per Vita il mercato delle comunicazioni si evolve rapidamente; e questo è importante sia per l’occupazione che per i prezzi che calano rapidamente. Il Teleporto realizzato in Sicilia, centro del Mediterraneo, consente di recepire un numero molto consistente di comunicazioni che successivamente, via satellite vengono erogati servizi dall’Africa alla Norvegia.
Mammana, infine, ha dichiarato che la banda larga ci consentirà di vivere in una Smart City, cioè in un centro abitato con un alto livello di qualità della vita dove grazie alle tecnologie l’acceso ai servizi è  più semplice, è possibile organizzare spazi urbani per favorire la mobilità, e realizzare una città veramente smart, cioè elegante, alla moda, intelligente.
Hanno concluso il Presidente di Zona dott. Alberto Rovelli e il Presidente di Circoscrizione dott. Salvatore Mammana i quali hanno espresso il loro plauso per gli argomenti trattati, di grande interesse ed attualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *