LC Catania Faro Biscari: Impatto della plastica in mare al “Politecnico del Mare Duca degli Abruzzi”

Mare Mostro: Un Mare di plastica? All’Istituto Nautico di Catania, l’importante incontro di informazione e sensibilizzazione sull’impatto della plastica in mare. Organizzato con l’ausilio di Marevivo e la partneship del Lions Club “Catania Faro Biscari”.

comandante-pantano-dirigente-morsellino-di-penta-marevivo

A Catania, presso l’Auditorium dell’I.S.I.S. “Politecnico del Mare Duca degli Abruzzi”, Nautico di viale Artale Alagona, martedì scorso si è svolto un incontro di informazione e sensibilizzazione giovanile sull’impatto della plastica in mare.
Oltre gli organi scolastici, presenti organi istituzionali come la Direzione Marittima di Catania, il CNR di Catania, l’ARPA Sicilia, di ricerca come ISPRA/SZN e associativi come l’Ambientalista Marevivo, sociale come il Lions Club Catania Faro Biscari.

Convegno sotto l’egida del CoNISMa (Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare) e Castalia (Italia Marine Ecology Company).

FOTO22Un incontro-convegno per discutere, informare ma sopratutto responsabilizzare le giovani generazioni – scolastiche e non – verso il destino di una delle più importanti risorse della terra. Il continuo inquinamento globale, infatti, potrebbe portare il mare ad avere nel 2050 più plastica che pesci con la conseguenza che gli oceani, come li conosciamo oggi, potrebbero non esistere più.
Da qui il dibattito tenutosi presso l’aula magna all’ISIS “Duca degli Abruzzi” dal titolo “Mare Mostro: un mare di plastica?”.

oznor

Una conferenza dei servizi che ha visto come relatori la dirigente scolastica Brigida Morsellino, il Comandante Francesco Pantano, capo servizio operativo della Capitaneria di Porto di Catania, che ha portato i saluti del Contrammiraglio (CP) Gaetano Martinez, della Direzione Marittima di Catania e Federico di Penta International Relation e Comitato Direttivo Marevivo.
Hanno dato il loro contributo al tema Maria de Filippo di Marevivo Catania, Franco Andaloro Dirigente di Ricerca ISPRA/SZN, Ignazio Ragusa Presidente Regionale Sib-Confcommercio, Vincenzo Ruvolo ARPA Sicilia, Concetto Puglisi CNR Catania. 26904365_748198348704385_5430999510264458222_n

Il tema trattato rientra anche nei Service del Centenario  del Lions International “Campagnia Proteggere il Pianeta” TEAM Verde, per cui presente l’avv. Fabio Vincenzo Pistorio, presidente del “Catania Faro Biscari”, sodalizio Lions che ha sposato i “Suggerimenti per ridurre, riutilizzare e riciclare” la plastica nelle discariche, nei fiumi e in mare.

L’introduzione dei lavori alla padrona di casa, la dirigente del Politecnico del Mare Brigida Morsellino che ha spiegato il tema dell’incontro, le motivazioni dell’Istituto scolastico, che comprende l’Istituto Tecnico Nautico ‘Duca degli Abruzzi’, l’Istituto Professionale per le Attività Marinare ‘Cristoforo Colombo’ e l’Istituto Tecnico per l’Amministrazione e Marketing e Liceo Scientifico ‘Luigi Einaudi’ ed ha aperto il tavolo di confronto salutando gli ospiti intervenuti, i rappresentanti dello Stato e delle Forze dell’Ordine, la Marina Militare, il Lions Club “Catania Faro Biscari” e la professoressa Elisabetta Giustolisi, referente per la Sicurezza e Legalità dell’Istituto.

WhatsApp Image 2018-01-23 at 14.48.57La preside Morsellino ha sottolineato come «nel corso dei secoli il mare è stato fonte di ricchezza, di unione, di commerci e di aggregazione. Un mezzo per conoscere, condividere e unire. Oggi però assistiamo ad un momento dove questa grande ricchezza può diventare sinonimo di rifiuti e desertificazione. Scarichi incontrollati e materiali nocivi distruggono un ecosistema di vitale importanza per tutti noi».
– Nel 2015 ci saranno più rifiuti che pesci. Il Mare, come lo conosci oggi, potrebbe non esistere più – questo il monito a cui dobbiamo stare attenti !!!

Un breve indirizzo di saluto del presidente Pistorio del Lions durante la conferenza: “sono molto felice di essere qui presente, innanzitutto perchè sono un amante del mare e poi perchè rappresento il Lions Club Catania Faro Biscari, che ha  come simbolo un Faro, cosa che è molto importante per voi ragazzi che andate per mare. Rivolgo un grazie all’Associazione Marevivo e un grazie alla Marina Militare. Altresì voglio ringraziare la preside per l’accoglienza ricevuta e per questa iniziativa che è un momento di luce: bella, importante ed interessante, e pertanto, voglio donare il guidoncino del club quale riconoscimento per l’attivita didattica svolta e l’impegno sociale manifestato per la tutela dell’ambiente da questa scuola che è così ben rappresentata“.

cof

Nel mondo oggi ci sono cinque vortici oceanici in cui si accumulano i rifiuti.
Il “Great Pacific Garbage Patch” è grande quanto l’intero Mediterraneo. Un vero e proprio mare di plastica sotto forma di isole galleggianti. AP449596617010
«In questo contesto è fondamentale fare squadra – spiega Federico Di Penta Comitato Direttivo Marevivol’inquinamento marino da plastica colpisce regioni come la Sicilia dove il turismo e la pesca costituiscono risorse importanti. Ecco perchè occorre un’azione congiunta di sensibilizzazione e formazione che, nel corso di questi ultimi anni, ci ha portato a sviluppare e far approvare leggi che aiutino a proteggere il mare. Oggi non si può fare a meno della plastica ma si deve evitare l’impiego di quella “usa e getta” e delle microplastiche. E’ tempo, quindi, di cambiare rotta».FOTO20
La plastica è il maggior detrito inquinante degli oceani a causa dell’uso indiscriminato ed eccessivo da parte dell’uomo.
Solo nel 2014 sono finiti in mare 270.000 tonnellate di rifiuti di plastica. Dati sottolineati dai filmati e dagli interventi che si sono susseguiti durante la mattinata.
Esperti che hanno visto alternarsi Maria De Filippo di Marevivo Catania, Franco Andaloro Dirigente di Ricerca ISPRA/SZN.

oznor

Momento speciale è stato dedicato al “power point” presentato dagli stessi studenti dell’Isis Duca degli Abruzzi per entrare in merito all’importanza dei polimeri biodegradabili. Oggi il mare copre il 71% della superficie del Pianeta, produce l’80% dell’ossigeno che respiriamo e assorbe un terzo dell’anidrite carbonica in eccesso. Come un organismo vitale svolge la sua funzione grazie ad un equilibrio dinamico. Quindi non bisogna oltrepassare i limiti imposti. Basta, dunque, con la pesca indiscriminata, la cementificazione delle coste, gli scarichi killer, l’acidificazione delle acque, la perdita di biodiversità e il riscaldamento globale.
FOTO DI GRUPPOConcetti ribaditi pure da Ignazio Ragusa Presidente Regionale Sib-Confcommercio, Vincenzo Ruvolo ARPA Sicilia, Concetto Puglisi CNR Catania durante i loro interventi che, a turno, hanno riscosso notevole successo e approvazione da parte degli studenti presenti.

cof

Attenta la platea degli ospiti e degli studenti che vedono dipinto negli insegnamenti dei relatori il loro futuro di cittadini e di servitori della Repubblica. Globus Magazine sempre presente. Finito l’incontro tutti gli ospiti, guidati dalla preside, hanno potuto ammirare la piazzetta a fianco del porticciolo peschereccio-turistico di Ognina, consegnata ai cittadini e “adottata” da una classe dell’Istituto Nautico, che si trova proprio di fronte.1495205535391

(foto sopra La Sicilia.it – fonti aggiuntive nel testo da com. stampa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *