L’associazione per onorare la memoria dei caduti nella lotta contro la mafia

Giovedì 21 Novembre ore 17:00 Palazzo delle Aquile Aula Consiliare del Comune di Palermo.

74276369_805209009910260_6128739660752486400_n (1)

“MAFIA E SEGRETI DI STATO”: intervista a Andrea Piazza avvocato cassazionista.
Andrea Piazza quale sarà Il tema del dibattito MAFIA e SEGRETI DI STATO?
“E’ stato ideato e concordato con Carmine Mancuso Presidente dell’Associazione Memoria dei caduti nella lotta contro la mafia.
Saranno presenti tre magistrati di rilievo il dott. Cartosio Procuratore Repubblica Termini
Imerese, Augeci già Aggiunto Procura di Palermo e Di Pisa già Procuratore Repubblica di Marsala.
Inoltre parteciperanno giornalisti, scrittori, storici con testimonianza di alcuni familiari di caduti contro la mafia incluso il sottoscritto. Ti allego l’intervento di Carmine Mancuso che introdurrà il dibattito.
Il mio intervento si incentrerà sulle primo blocco di indagine ( da marzo 1990 ) condotte dalla Squadra Mobile di Palermo…evidenzierò le criticità e le gravi negligenze del Dirigente Arnaldo La Barbera ( a capo dell’ufficio dal 1988 al 1997 ), lo stesso soggetto che ha strutturato il depistaggio nella strage Borsellino introducendo falsi collaboratori di giustizia come Vincenzo Scarantino.
Tra le attività in corso dell’Associazione Memoria Caduti nella lotta contro la mafia, ti allego copia della nostra proposta inoltrata al Presidente della Regione On. Nello Musumeci “ regolamento regionale in ambito commemorativo“.
Chiediamo un commento a Carmine Mancuso, che ricordiamo subì il grande lutto dell’uccisione da parte della mafia del padre Lenin Mancuso il 25 Settembre 1979; pochissimo tempo dopo che il giudice aveva chiesto di essere nominato capo dell’ufficio istruzione di Palermo. Si potranno palesare, secondo lei, i segreti di stato?
“La distinzione fondamentale che caratterizza i misteri di stato dai segreti non è meramente lessicale. I misteri sono di per se’ dogmatici, imperscrutabili, trascendenti da qualsiasi interpretazione della mente umana. I segreti di stato sono atti di gestione che come un fiume carsico hanno attraversato la travagliata storia della nostra democrazia ricomponendoli, infine, come matrice di azioni criminali.Oscurando le verità hanno dato vita ad un governo invisibile, illegale ed impunito. Occorre allora, che l’attuale commissione parlamentare antimafia proponga al parlamento di eliminare il segreto funzionale e di stato nonché gli omissis… dei dossier ancora giacenti negli scantinati di Palazzo Sammacuto, i quali sarebbero indispensabili per avere certezza che la vita democratica manomessa e vilipesa , non sara’ più frenata dal “Palazzo”.Eliminare il segreto di stato significa onorare la memoria dii tutte le vittime che sono state “immolate” e lenire il dolore dei sopravvissuti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *