La viabilità della Sicilia romana e il miliario di Pistunina

La Conferenza-Dibattito si terrà oggi lunedì 4 marzo 2019 alle ore 16.30 presso la Soprintendenza Beni Culturali ed Ambientali di MessinaLocandina Miliario Ridotta

Oggi lunedì 4 marzo 2019, alle ore 16,30, presso la Soprintendenza Beni Culturali ed Ambientali di Messina (V.le Boccetta, 38 Ex Chiesa del Buon Pastore), si terrà la Conferenza-Dibattito: “La viabilità della Sicilia romana ed il miliario di Pistunina”

Dopo i saluti dell’Arch. Orazio Micali – Soprintendente BB.CC.AA di Messina e del Prof. Angelo Miceli, Presidente ADSeT, introdurrà i lavori la Dott.ssa Gabriella  Tigano, Direttore U.O.5, Sezione Beni Archeologici della Soprintendenza BB.CC.AA. di Messina mentre relatore sarà la Prof.ssa Lucietta Di Paola Lo Castro già Università di Messina del Dipartimento Civiltà Antiche e Moderne.

Sarà esposto al pubblico il reperto archeologico Inv. Me 22391.

Dott.ssa Gabriella Tigano

E’ nata a Messina il 14 settembre 1957. Dopo il conseguimento del diploma di maturità classica con il massimo dei voti presso il Liceo La Farina, si è iscritta, nel 1976, alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Messina, laureandosi nel 1981 in Lettere Classiche con indirizzo archeologico con il massimo dei voti e la lode accademica.

Ha frequentato il corso di Perfezionamento in Archeologia Classica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Catania, indispensabile per partecipare al concorso pubblico di accesso nell’amministrazione dei Beni Culturali. Tra il 1982 e il 1987 è stata chiamata a collaborare con la Soprintendenza Archeologica di Agrigento (scavi a Vassallaggi – CL e a Eraclea Minoa – AG). Nel dicembre 1987 ha vinto il concorso pubblico per titoli ed esami bandito dall’Assessorato Beni Culturali e Ambientali di Palermo e dal 1988 è Dirigente tecnico archeologo classico presso la Soprintendenza BB.CC.AA. di Messina. Dal 2002 al 2018, giuste nomine assessoriali, è stata responsabile, inizialmente della U.O. VII, unità operativa facente parte della Sezione Beni Archeologici e quindi, dal 2010, ha ottenuto l’incarico di direttore responsabile della U.O. X-Beni Archeologici, incarico confermato nel 2014 (U.O. 5- Sezione Beni archeologici). Si è occupata attivamente della ricerca e della tutela nel territorio della nostra provincia, dirigendo moltissimi scavi a Messina, Milazzo, Terme Vigliatore, Gioiosa Guardia, Alesa e Castel di Tusa.

E’ autrice di n. 130 articoli scientifici e di n. 4 volumi; è stata curatrice di n. 15 volumi. Particolarmente attenta alla valorizzazione del patrimonio archeologico ha promosso e curato n.12 allestimenti museali permanenti (antiquaria regionali e comunali) e n. 11 mostre temporanee.

“La Relatrice” Prof.ssa Lucietta Di Paola Lo Castro

Lucietta Di Paola Lo Castro è nata a Tortorici (Me) il 10/01/1945 e si è laureata presso l’Università di Catania, dove ha iniziato la sua carriera universitaria. Dopo aver insegnato per tre anni Italiano e Latino nei licei, è stata fino al recente pensionamento per quasi 40 anni, prima ricercatore e poi Prof. ssa di Storia romana e di Istituzioni e Società nell’antica Roma presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne (già Facoltà di Lettere e Filosofia) dell’Università di Messina. Ha fatto parte del collegio docente della Scuola di dottorato in Scienze storiche ed archeologiche. E’ stata coordinatore vicario del Corso di Laurea in Storia e membro di commissioni di concorsi universitari e di esami di ammissione al dottorato. E’ stata nominata referente internazionale all’esame finale di dottore di ricerca in Storia antica all’Università di Cluj-Napoca in Romania. Ha al suo attivo una cospicua partecipazione come relatrice a convegni nazionali e internazionali in Italia e all’estero. Ha tenuto e tiene seminari sia presso l’Ateneo peloritano che in altri atenei italiani e stranieri. Ha organizzato in collaborazione con altre Università e Istituzioni scientifiche: Convegni internazionali, Incontri e Giornate di studio. Fa parte di numerose associazioni scientifiche nazionali ed internazionali tra le quali: Accademia Romanistica Costantiniana di Perugia-Spello; Accademia papirologica e di Studi sul mondo antico di Firenze; Associazione Internazionale di Studi Tardoantichi di Napoli; Association Pour l’Antiquitè Tardive di Parigi; Association International d’Épigraphie Grecque et Latine di Zurigo; Società Archeologica Italiana di Cartagine; Association Européenne des Enseignants, sezione di Messina; Gabinetto di Lettura di Messina, Associazione degli Amici dei bambini congolesi. E’ stata insignita del titolo di “Visiting Professor” presso l’università di Lille in Francia. È stata partner di convezioni Socrates-Erasmus con diverse Università straniere. Ha fatto parte di progetti di ricerca interuniversitari (PRIN); ed ha coordinato progetti intrauniversitari (PRA) nell’Ateneo di Messina.

E’ stata Presidente del Kiwanis Club Messina-Centro. Ha ricevuto due volte il Premio Anassilaos per la ricerca. Ha avuto conferito dal Comune di Tortorici, per meriti culturali ed evergetici, il premio speciale Oricense.

E’ direttore della rivista culturale “Il Maurolico”. Fa parte del comitato scientifico della rivista “Civiltà Romana” di Roma; è “referee” della rivista Athenaeum di Pavia.

Ha pubblicato più di cento saggi e una decina di monografie. Ha curato ed edito inoltre presso l’Editore Gonnelli di Firenze tre volumi di Carteggi inediti di Sebastiano Timpanaro senior, fisico e direttore della Domus Galilaeana di Pisa, siciliano di Tortorici, a cui era legata da vincoli di parentela.

Si è occupata e continua ad occuparsi di storia istituzionale, amministrativa e socio-economica dell’antica Roma. Ha collaborato e continua a collaborare al progetto di traduzione del Codice Teodosiano elaborato dall’équipe dell’Università della Sorbona e dell’HALMA di Lille in Francia. Con il gruppo di studio dell’ISUM di Firenze coordinato dal prof. Andrea Giardina della Scuola Normale Superiore di Pisa ha tradotto e commentato alcune Variae di Magno Aurelio Cassiodoro, di cui sono stati già editi dall’Erma di Bretschneider di Roma, i primi quattro dei sei tomi previsti. Ha progettato e finanziato il restauro di opere d’arte sia a Tortorici che a Messina in collaborazione con la Sovrintendenza BB.CC.AA. Ha fatto realizzare a Tortorici e finanziato la fusione di una campana che è stata collocata in una cappella a Isoro in Congo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *