La storia di Santa Rosalia raccontata con i Pupi al Teatro Carlo Magno il 13 e il 14 luglio

Il teatro Carlo Magno di Enzo Mancuso riapre al pubblico e riporta in scena i suoi spettacoli. Rispettando i distanziamenti e le altre misure di sicurezza, nella fase post covid, il Teatro dei Pupi riapre il sipario e lo fa in occasione dei festeggiamenti della patrona di Palermo, Santa Rosalia.

foto santa rosalia

Lunedì 13 e Martedì 14 luglio alle ore 18:00 al teatro Carlo Magno (in via Collegio di Maria al Borgo,17 Palermo) si terrà lo spettacolo “La storia di Santa Rosalia raccontata con i pupi” con l’adattamento scenico, il cunto e la regia del maestro puparo Enzo Mancuso. Poiché i posti a teatro, per le normative vigenti, sono limitati, è possibile prenotare e inviare un messaggio whatsapp al nr. 3475792257 indicando nr. posti e cognome.

Il Festino di Santa Rosalia, nella più autentica tradizione palermitana, va considerato come un “memoriale”, ossia il ricordo di un evento del passato che si rivive nel presente e ci fa guardare con speranza al futuro.
I pupari della compagnia Carlo Magno della famiglia Mancuso raccontano i fatti di Santa Rosalia, legando l’aspetto mistico ai fatti realmente accaduti.
La devozione alla Santuzza si ritrova viva nei canovacci e nella tradizione orale dei maestri pupari e la Storia di Santa Rosalia fa parte delle cosiddette “serate speciali”, spettacoli in cui, al teatro dei pupi, in un unico episodio si raccontava la storia di un eroe o si raccontavano fatti e avvenimenti di una certa importanza. Lo spettacolo inizia con il cunto. Già nei primi anni del 1900 il cuntista mastro Camillo Camarda affabulava la gente con le sue storie legate ai Paladini di Francia nel quartiere Borgo Vecchio in via Collegio di Maria dove dal 2003 si trova il Teatro Stabile dell’opera dei pupi. Durante lo dello spettacolo, il pubblico potrà assistere alla scena in cui Ruggero entra a Palermo e uccide i quattro giganti, Baldovino che coraggiosamente salva il re Ruggero e uccide il leone, Rosalia che fugge in preda alla disperazione in seguito alla proposta di matrimonio fatta da Baldovino e tanto, tanto altro ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *