La Pittura Cosmogonica e Iniziatica di Marisa Falbo

Opere portali del tempo e rimodulazione stilistica. “Ecce homo” battuto all’asta attraverso la critica della scrittrice Melinda Miceli.FB_IMG_1530122940300

ECCE HOMO-L’INGANNO, opera esposta a Roma e battuta alle Aste d’Arte di  Gastone Raniero Indoni di Urbis&Artis presso la sua Galleria PULCHERRIMA di Roma, insieme alla recensione del critico Melinda Miceli sulla pittrice esoterica di Palermo, Marisa Falbo.

Sulla Falbo scrive la Miceli

Nell’arte pittorica della grande pittrice palermitana Marisa Falbo, che vede come protagonista la mitologia, contemporaneamente al surrealismo e alle geometrie sacre, tramite un lavoro onirico, svolto dal sistema intrapsichico, avviene la trasfigurazione di significati psicologici reali e latenti di un sogno, in contenuti manifesti carichi di significati alchemici. Il pensiero dell’artista si solleva alla sfera della vita quotidiana e come un ponte verticale si eleva attraverso tutti i mondi raggiungendo un piano più alto, vicino alla divinità, riuscendo a percorrerne l’intera gerarchia passando di piolo in piolo.

Le sue creature, simulacri dell’eterno, come se fossero immerse nell’acqua di un pozzo, emergono evanescenti spesso in metamorfosi e mentre si ridisegnano e si delineano con perizia artistica ineguagliabile ci trasportano in un’altra dimensione che quasi ci risucchia e suggestiona con le sue ampollose potenzialità estetiche.
Sulle sue tele sbocciano farfalle, locuste, cigni e fenici che trasmettono una luce divina, quasi soprannaturale, visioni, immagini fantastiche particolarmente raffinate e garbatamente sensuali che possiedono il raro senso della “poesia pittorica”. FB_IMG_1530122965375Solo attraverso la simbologia è possibile penetrare nel colto teatro dell’anima di Marisa Falbo e comprendere il mondo spirituale e quello psicologico dell’artista alla ricerca della “sublimazione della materia“. Nelle sue opere di estrema eleganza ed originalità, “tessuti filtrati” trascendono l’anonimo palcoscenico della vita di tutti i giorni e con quelle ali che l’artista tanto ama dipingere sposa il sogno, ricco di mistero e velature cromatiche realizzando quadri unici per stile e soggetto, velati di trasparenze eteriche, illustrando l’incedere divino nella trasformazione dell’essere, per generare flussi d’energia purificatrice.
L’euritmia dei pitagorici applicata all’architettura viene qui applicata dalla pittrice sull’anatomia umana dove il senso di proporzione e bellezza si trasfonde in figure mitologiche come Mercurio, Leda, Giove, la Nike di Samotracia, che ci inondano di diluviante energia cosmogonica.
Dalla pittura di Marisa Falbo voci di presenze oniriche e mitologiche attraversano la verticalità della storia e del mito. Marisa dialoga tra il sapere dell’inconscio e il sapere dell’istinto proiettando psiche nel punto di sintesi tra altezza creativa e percezione ancestrale e ogni cosa vive per misteriosa simpateia a dimostrazione di un oscuro esistere parallelo all’apparire.
L’influenza del  maestro spirituale Drunvalo Melchizedek, si manifesta nella comparsa del simbolo antichissimo del fiore della vita, inserito dall’artista con una finezza e sensibilità prodigiose. I suoi lavori presentano un esteso spessore culturale e un’espressività affidata ai contrasti cromatici e ad un metissage compositivo variato e ibridato che delinea un perimetro interiore immane dal quale si dipana un filo che collega epoche ed ere. I dipinti attingono immagini e fascinazioni da un’inesauribile enciclopedia nella quale si compendiano ariostescamente tutte le forme dell’universo. La sua fabula ideativa interiorizzata dalla ripresa dello studio iconologico e immaginario genera un ordito concettuale ricco di configurazioni estranee al tempo presente e strutturate su molteplici coordinate spaziali e temporali.
In lavori come La “Signora del Tempo” rivela una capacità incredibile di trasmettere messaggi profondi  dal suo mondo incantato, centro segreto da cui si declinano messaggi esoterici di epurazione. Vera sintesi tra classico e moderno, il lungo percorso artistico e culturale si esprime in una pittura le cui tecniche riflettono la sua poliedrica preparazione ed il suo formidabile talento che fonde luce e colore per dilatarsi nell’universo alla ricerca dell’infinito e dell’immortalità. IMG-20180627-WA0022Queste opere d’arte, portali del tempo racchiudono profondi significati esoterici tipici della tradizione iniziatica, intrise di surrealismo colto e supportate dalla tecnica dell’ “osmografia” da lei creata, intese a inscenare il sogno nonché a decifrare la complessità dell’universo, trasmettono spiritualità e un incessante e originalissimo processo creativo guidato da un’intelligenza superiore.
Le figure angeliche possono essere considerate come collegamento tra mondo terreno e mondo celeste, tra l’Uomo e Dio, una trasposizione nella quale allo stesso modo disegnata una figura, essa continua a vivere indipendentemente e l’immagine trova la ragione di esistenza, la sua giustificazione, il suo significato, nel bestiario culturale di Marisa.
Nell’ultima produzione artistica dedicata agli inganni, opere come l’Ecce Homo, Il Corteggiamento o l’Inganno  Materiale, l’Inganno di Leda, avviene una rimodulazione in chiave di transizione stilistica epocale che focalizza soggetti sacri di provenienze diverse in un dialogo interreligioso  attualizzandoli con la tecnica della filigrana della banconota attraverso la quale si può ripercorrere parallelamente al soggetto, le vicende di un periodo storico difficile che arriva fino ai momenti più drammatici dell’oggi. Marina Falbo
Nell’Ecce Homo, la Falbo racconta con stile grafico pop che trabocca di nuances indaco e rosse e sfarzo di contrasti cromatici eterici, l’Ecce Homo, ovvero il Cristo così nominato da Pilato sangiunante, con una corona di spine, un mantello purpureo, “punito” e successivamente crocifisso. La sua ingiusta passione per trapasso ed iganno lo spoglia dello Scettro di Dio riducendolo a uomo, in senso biblico, per  liberare gli umani dai peccati. La storia conferma che così non fu e che si tratta dell’inganno sacro più doloroso compiuto nell’eternita’ dello spazio e del tempo.
Dopo aver notato la sofferenza del Cristo tra l’elaborata maglia grafica e multitonale del dipinto, la  flagellazione di Falbo, pone chiare le esigenze estreme del pensiero dell’Artista che ne esaspera i termini dell’accusa e dell’affermazione; fra l’altro è l’America, e soprattutto lo spirito dell’Impero a essere additato tramite il dollaro, simbolo del materialismo, che inserito a cornice per virulenza e acutezza è stato elaborato dietro la drasticità della formulazione, dietro il grandioso gesto teatrale e pittorico che regge il tutto.
FB_IMG_1530123738647Molte cose sono da scoprire in questa misteriosa tela dietro la quale Marisa Falbo sembra voler configurare il destino umano, dove anche la sua arte labirintica dà una prova suprema e non meraviglia che molti si possano perdere nei meandri di questa quinta sacra che sembra quasi un proclama cosmico.
Certo è che quest’opera è un unicum e con essa deve confrontarsi alla fine chiunque si avvicini al sacro; vi troverà un’essenza che con la forza della verità del veggente annuncia cose che in buona parte aspettano ancora di essere capite dell’umanità.
La dottoressa Erika Eramo direttrice della nota rivista “La vetrina dell’arte” di Urbis et Artis dove questa recensione fu pubblicata per accompagnare le opere e il genio di Marisa così si esprime: “Onorata di avere alla Galleria Pulcherrima di Roma il nome di Marisa Falbo che sempre a stupirci. Basti pensare che l’opera “Ecce Homo – L’Inganno”, è stato battuto all’asta dal critico Gastone Raniero Indoni e venduto a un colosso come Panella“.
MelindaNomi e intercapedini letterarie amalgamano soggetti diversi, protagonisti dell’arte visiva e colta di un’ autentica fuoriclasse sul profilo tecnico e stilistico. Tutti questi elementi di grande pregnanza culturale pongono la pittrice Marisa Falbo nella schiera degli artisti più evoluti, maturi e raffinati dell’olimpo artistico contemporaneo.
Melinda Miceli, scrittrice e critico letterario-artistico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *