La Pennetta supera la Vinci nella finale tutta italiana e annuncia: «Mi ritiro»

Tennis, Us Open: nella finale tutta italiana Flavia Pennetta supera Roberta Vinci in due set con il punteggio di 7-6, 6-2 e si aggiudica il suo primo Slam. L’azzurra compie una grandissima impresa dopo quella della Schiavone che vinse a Parigi nel 2010. La brindisina alza il trofeo degli Us Open e annuncia: «Mi ritiro a fine anno»

Il tennis italiano può gioire per l’impresa che ha compiuto Flavia Pennetta agli Us Open 2015. A trentatré anni e mezzo l’azzurra si toglie la soddisfazione più importante della sua carriera cioè quella di trionfare sul cemento di Flushing Meadows quarto e ultimo Slam della stagione. La brindisina si aggiudica la finale tutta italiana superando la Vinci in due set con il punteggio di 7-6, 6-2 in un’ora e 33 minuti.

Per Flavia si tratta della prima vittoria in un torneo dello Slam e diventa così la seconda italiana a conquistare un torneo dello slam dopo Francesca Schiavone che vinse a Parigi nel 2010.

Flavia e Roberta si danno battaglia all’Arthur Ashe Stadium di fronte a circa 23 mila spettatori tra cui il nostro Presidente del Consiglio Matteo Renzi seduto in tribuna accanto all’Ambasciatore Claudio Bisogniero e al presidente del Coni Giovanni Malagò. Ma ci sono anche tante star internazionali che forse pensavano di vedere una finale con la Williams: Michael Douglas e Catherine Zeta Jones, Robert Redfortd, Stanley Tucci, il cantante James Taylor, Queen Latifah, Gabrielle Union di «Bring it on».

Nel sottofondo di voci «Viva l’Italia» ma anche «Viva la Puglia» danno inizio della sfida della brindisina e della tarantina, il primo set è equilibrato e si chiude al tiebreak a favore della Pennetta.

Il gioco della Flavia è più fluido ed è anche più cinico.

L’avvio della seconda frazione è devastante per Roberta che va sotto 4-0 e sebbene riesce a recuperare uno dei due break portandosi sul 5-2, deve arrendersi ai colpi precisi della Pennetta che chiude il set 6-2.

Una vittoria storica tutta italiana, indimenticabile non solo per i colpi d scena, ma anche per la solidarietà che vede le amiche di una vita che si contendono sul campo, e poi dopo la finale, il premio più ambito a New York e nel mondo.

Roberta Vinci scherzosamente minaccia di prendere lei la coppa e la busta da 3,3 milioni di dollari destinata a Flavia Pennetta. «Possiamo permetterci di fare così, giochiamo assieme da quando avevamo nove anni». Ma è anche incredula di fronte al risultato: «Non avrei mai pensato all’inizio del torneo di arrivare così lontano. È un’emozione imprevedibile. Chi comincia a praticare sport vuole essere un numero uno. È stato bellissimo giocare contro una vera amica che, per due settimane, ha giocato un grande tennis. Il primo match contro probabilmente lo abbiamo giocato quando avevamo nove anni».

Nel corso del torneo Flavia ci ha regalato tante emozioni, dalle vittorie alle lacrime e nel finale c’è spazio anche per un ultimo colpo di scena con un annuncio che nessuno poteva immaginare: «Devo dire un’ultima cosa –dice Flavia- questo è stato il mio ultimo match agli Us Open e non potevo immaginare di finire in maniera più bella, lascio il tennis».

Poi spiega: « È Fantastico vincere gli Us Open in questo modo, ed è per questo che ho deciso di ritirarmi all’apice della carriera». L’annuncio coglie tutti di sorpresa, anche il papà Oronzo commenta a caldo: «Quell’annuncio ci ha gelati. Siamo rimasti un po’ così, contenti per questa impresa straordinaria ma delusi per il ritiro. Cercheremo di convincerla a continuare a giocare. Non è così che deve chiudere la carriera. Aveva detto che lo avrebbe fatto, ma se fosse piombata al cinquantesimo posto nel ranking. Non dopo una vittoria di questa portata».

Il trionfo di New York  gli permetterà di risalire posizione nel ranking della classifica Wta (Women’s Tennis Association) e da lunedì sarà la numero 8 del mondo, mentre la Vinci risalirà fino alla 19esima posizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *