La “Notte europea dei Musei”: i tour serali al Monastero, all’Orto e al Museo di Archeologia

La Notte europea dei Musei: i tour serali al Monastero, all’Orto e al Museo di Archeologia | sabato 18 maggio 2019 | Officine Culturali

orto_botanico_sera

Sabato 18 maggio in occasione della “Notte europea dei Musei”, a cura di Officine Culturali in collaborazione con l’Università degli Studi di Catania, si svolgeranno le visite guidate serali al Monastero dei Benedettini di San Nicolò l’Arena, all’Orto Botanico di Catania e al Museo di Archeologia dell’Università di Catania, un’opportunità per conoscere e scoprire in notturna uno dei conventi più grandi d’Europa, il giardino scientifico dell’Università di Catania e la storia dell’archeologia catanese.

Alle ore 20.00, 20.30, 21.00, 22.00, 22.30 e 23.00 le guide di Officine Culturali accompagneranno gli ospiti all’interno del Monastero dei Benedettini: i visitatori si sposteranno dall’epoca dei romani fino ai giorni nostri ripercorrendo più di 2000 anni di storia. La visita guidata dura un’ora e un quarto circa nella penombra della notte: le guide descriveranno e sveleranno i miti, le leggende e la storia controversa di un’architettura che è ostentazione del potere e del gusto dell’ordine cassinese.

ChiostrodiPonente

Dalle 19.00 e alle 23.00, un tour guidato ogni ora, prenderanno il via le visite guidate dell’Orto Botanico di Catania. Per gli ospiti sarà un vero e proprio viaggio per il in giro per il mondo grazie alle tante specie custodite nel giardino scientifico dell’Università di Catania, fondato da Francesco Tornabene nel 1858. L’Orto Generale custodisce, infatti, le specie naturali provenienti da tutti i continenti, alcune preziosamente curate nella grande serra e altre nei vialetti attorno al Monumentale edificio neoclassico, incorniciato dall’Albero del Drago.

Dalle 20.00 alle 23.00, un tour guidato ogni ora, i visitatori potranno visitare il Museo di Archeologia che occupa cinque stanze del Palazzo Ingrassia del Giardino di via Biblioteca, custodendo al suo interno la collezione Libertini risalente ai primi anni ’20 del secolo scorso, caratterizzata dalla presenza di reperti risalenti alla Preistoria e attraversando tutte le epoche arriva fino al ‘900 con i Falsi centuripini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *