La Giornata mondiale della Poesia 2014

La Fondazione il fiore di Firenze in collaborazione con il Consiglio regionale della Toscana e la Comunità di San Leolino organizza venerdì 28 marzo 2014, alle ore 9,00 sino alla 19,00, nella Sala Gigli di Palazzo Panciatichi, a Firenze, una giornata di studio sulla testimonianza della poesia di Alberto Caramella

 

FIRENZE – Nella scia della “Giornata mondiale della Poesia”, la Fondazione il Fiore di Firenze organizza, nella sede del Consiglio Regionale della Toscana un convegno in cui la poesia del proprio fondatore, Alberto Caramella (Firenze 1928 – 2007), sarà messa a fuoco e analizzata in 14 punti di vista indipendenti, venerdì 28 marzo, dalle 9 fino alle 19 (ingresso libero), a Palazzo Panciatichi.

Apre i lavori su “La testimonianza della poesia: Alberto Caramella”, dopo il saluto del presidente della commissione cultura del Consiglio regionale della Toscana, Nicola Danti, la figlia Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione Il Fiore.

La prima relazione in programma è quella del critico letterario, nonché docente di letteratura italiana all’Università di Firenze, Marco Marchi, sul tema “la ‘Fame di forma’. quasi un ritratto di Alberto Caramella”. Poi sarà la volta della poetessa Paola Lucarini, presidente dell’associazione culturale ‘Sguardo e sogno’, che parlerà di “istinto e razionalità: similitudini nelle diversità”. Subito dopo, l’intervento dello scrittore romano Emerico Giachery su “poesia e architettura”. A seguire la relazione, della scrittrice calabrese Giuseppina Amodei, “Il colore della luce in Alberto Caramella”.

Giovanni Occhipinti, poeta e saggista di ragusa, terrà un intervento intitolato “La ‘casa della luce’ come allegoria della poetica del tempo che ispira l’estetica del verso di Alberto Caramella”. Vera Franci Riggio, scrittrice maremmana, affronterà “Il gioco: autentica chiave di lettura e punto di riferimento nella scrittura di Alberto Caramella”. E, ultima relatrice della prima sessione, Franca Bacchiega, già docente di letteratura anglo-americana all’Università di Firenze, parlerà de “il ‘flusso di coscienza’ nella poesia di Alberto Caramella”.

La sessione pomeridiana sarà avviata da Carmelo Mezzasalma, letterato d’origine ragusana e sacerdote della Comunità di San Leolino, che parlerà di “Alberto Caramella nella custodia della parola”. seguirà l’intervento della saggista letteraria di Roma Noemi Paolini Giachery sul tema “Il libro liberato: ultimo scampo”. Dante Maffia affronterà “La lotta tra razionalità ed emozionalità nella poesia di Alberto Caramella”; Sabino Caronia terrà una relazione intitolata “Foto di gruppo con mistero – Alberto Caramella tra letteratura e memoria”, mentre Claudio Mariotti, tratterà “Intersezioni: uno sguardo alla poesia di Alberto Caramella”. Il poeta milanese Guido Oldani parlerà de “Il sogno di Alberto” e Martha Canfield, poeta e traduttrice, interverrà su “La spada e la lettera: la poesia di Alberto Caramella”.

La giornata di studio si concluderà con una “conversazione circolare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *