‘La Bayadere’ al teatro Nuovo Giovanni da Udine

UDINE – Un grande classico del balletto è andato in scena per la prima volta al Teatro Nuovo Giovanni da Udine “ La Bayadere ” con il Saint Petersburg Theatre Ballet, compagnia diretta da Konstantin Tachkin.

La trama de “ La Bayadère ” racconta l’amore della danzatrice del tempio Nikiya  per Solor il più valoroso guerriero del regno.

Il loro amore però è minacciato dal sacerdote Grand Brahmino che innamorato della Bayadère le promette ricchezze immense pur di avere il suo affetto ma viene rifiutato dalla fanciulla che ama solo il giovane Solor.

Durante la notte di festa il sacerdote assiste all’incontro dei due innamorati e preso dalla gelosia decide di vendicarsi.

Intanto al Palazzo reale il Rajah Dugmanta annuncia che sua figlia Gamzatti diventerà la moglie del nobile guerriero Solor e alla cerimonia per il fidanzamento è invitata anche Nikiya per danzare.

Il Gran Brahmino approfitta della festa per comunicare al Rajah Dugmanta dei voti d’amore tra Solor e Nikja che egli stesso ha udito, ma nonostante la notizia il Rajah non cambia idea, sua figlia sposerà Solor mentre la danzatrice dovrà morire.

Gamzatti ha sentito i discorsi del padre e fa chiamare Nikiya dalle sue ancelle,le due donne discutono e Nikiya disperata per la paura di perdere il suo amore aggredisce Gamzatti e la ferisce pugnalandola, la principessa giura che la Bayadère dovrà morire.

Sono in corso magnificenti celebrazioni per il fidanzamento di Solor e Gamzatti ed a Nikiya  è stato ordinato di danzare, ma la fanciulla non riesce a nascondere la sua sofferenza.

La schiava di Gamzatti porge a Nikja un cesto di fiori che il Rajah Dugmanta dichiara essere un ultimo regalo per lei da parte di Solor.

Con il cesto tra le braccia la bayadera continua a danzare, ma improvvisamente un serpente velenoso spunta tra i fiori e la morde. È la vendetta della figlia del Rajah.

 Il Gran Brahmino corre in aiuto di Nikiya e le offre l’antidoto per il veleno, in cambio però vuole il suo amore che la giovane rifiuta preferendo la morte, e mentre  vede Solor e Gramzatti andare via, morente, ricorda a Solor le reciproche promesse d’amore.

Solor non sa darsi pace e Magdaveya per distoglierlo dai brutti pensieri che lo ossessionano gli offre dell’oppio e chiama un incantatore di serpenti, ma gli incubi e le visioni della sua amata Bayadère non lo abbandonano quindi si avvicina alla cesta dei serpenti e si fa mordere dall’animale che lo uccide.

Lo scintillio dei costumi di Galina Solovieva e le bellissime coreografie di Simon Pastikh hanno incantato il pubblico di Udine portando una piacevole atmosfera accompagnata dalle accattivanti danze orientali.

 

St Petersburg Ballet Theatre SPBT
direttore Konstantin Tachkin

LA BAYADERE

su libretto di Marius Petipa e Sergei Khudekov
coreografia originale Marius Petipa (1877)
musica Ludwig Minkus
scene Simon Pastukh
costumi Galina Solovieva

 

Nikiya Anna Samostrelova
Solor Dmitry Rudachenko
Il Gran Brahmino Dimchik Saykeev
Il fachiro Magdaveya Mikhail Ovcharov
La Principessa Gamzatti Ekaterina Geraskina/Olga Pavlova
Il Rajah Dugmanta German Shnaider
L’idolo d’oro Erkin Rahmatulaev
Tre ombre soliste

Olga Pavlova/Ekaterina GeraskinaSofia LitkinaLilia Bereznova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *