Una kermesse all’insegna della grande lirica e di Caravaggio al Teatro Greco di Tindari

Lunghi applausi per la seconda replica della “Tosca” pucciniana prodotta dal Coro Lirico Siciliano, che dopo il debutto a Siracusa, ieri sera ha entusiasmato anche la platea del Teatro Antico di Taormina.

lr-tindari-theatre-sea-sicily-1
La regia di Alessandro Cecchi Paone, coadiuvata dalla collaboratrice Anna Aiello, ha saputo coniugare l’intensità dei quadri di Caravaggio – esaltati dalle scene di Alfredo Troisi e dal disegno luci di Claudio Mantegna – con l’universalità dei sentimenti umani. Protagonisti sulla scena, il soprano bulgaro Svetla Vassileva e il tenore augustano Marcello Giordani hanno fatto rivivere gli amati personaggi di Floria Tosca e Mario Cavaradossi con una performance emozionante ed appassionata. Nei panni del temibile barone Scarpia il baritono Nebojša Babić, che ha egregiamente sostituito il titolare Alberto Mastromarino, assente per problemi logistici, ma che tornerà protagonista sulla scena domenica 4 agosto sul prestigioso palcoscenico del Teatro Greco di Tindari, dove si terrà l’ultima replica siciliana dello spettacolo. Anche in questo caso, a dirigere l’orchestra sarà il maestro Gianluca Marcianò. Le parti corali saranno affidate come sempre al “Coro Lirico Siciliano”, che stavolta sarà affiancato dal “Coro di voci bianche” di Brolo e della “Accademia Music Art” diretti da Fabio Catina, Michele Persechino e Carolie Camuti. Comprimari Sinan Yan (Angelotti), Claudio Levantino (il sagrestano, Sciarrone, un carceriere), Francesco Congiu (Spoletta) e Adonà Mamo (un pastore).
Il melodramma in tre atti, su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica, si ascrive all’interno di un cartellone più vasto e articolato. Sempre a Tindari, martedì 13 agosto alle ore 21.00 si terrà “Cavalleria Rusticana” di Pietro Mascagni, la cui regia sarà affidata ad Antoniu Zamfir, con la direzione del Maestro Bruno Nicoli. Santuzza sarà Giovanna Casolla, ruolo in cui il soprano napoletano debuttò nel 1980. Il tenore Angelo Villari, reduce della fortunata edizione del Maggio Musicale Fiorentino, sarà invece Turiddu.
Il Teatro Greco ospiterà poi altri due eventi. Domenica 25 agosto alle ore 21.00, sarà la volta del Gala Concert “Fuoco di gioia”. A rendere indimenticabile lo spettacolo, durante il quale verranno ripercorse alcune pagine memorabili delle più belle opere liriche mai scritte, la voce ambrata del soprano greco Dimitra Theodossiou e il carisma del basso pattese Gaetano Triscari, che si esibirà nella sua città. A dirigerli il maestro del CLS Francesco Costa.

La conclusione della rassegna è infine affidata a Monsignor Marco Frisina, uno dei più noti compositori contemporanei di musica sacra, che sabato 14 settembre alle ore 20.00 dirigerà lo spettacolo “Nigra Sum”, un omaggio fra canto e danza alla Vergine Nera di Tindari. Per l’occasione il corpo di ballo della Blueverse Dance Company diretto da Claudio Mantegna, darà vita alle più suggestive tele di Caravaggio attraverso danza, acrobatica, musica e videoproiezioni.

Professionisti siciliani e grandi star del palcoscenico renderanno il “Festival dei Teatri di Pietra” un’esperienza imperdibile nel cuore della bella Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *