Juve Campione d’Italia. Festa bianconera con il quinto scudetto consecutivo

La squadra bianconera a tre giornate dalla fine del campionato grazie alla sconfitta del Napoli a Roma conquista ufficialmente il suo 32esimo scudetto: il quinto consecutivo.

Foto LaPresse - Daniele Badolato 25/04/2016 Vinovo ( Italia) Sport Calcio ESCLUSIVA JUVENTUS La Juventus esulta per la vittoria del campionato Nella foto: i festeggiamenti Photo LaPresse - Daniele Badolato 25 April 2016 Vinovo ( Italy) Sport Soccer Juventus celebrating the winning of the season In the pic: victory ceremony

 

Per la Juventus è stata una cavalcata senza rivali che passa dalla crisi d’inizio stagione al record di vittorie. Soli dodici punti nelle prime dieci partite, poi arriva la svolta: seguiranno 24 vittorie in 25 partite, raccogliendo 73 punti su 75, un record per il nostro campionato. 

Foto LaPresse - Daniele Badolato 25/04/2016 Vinovo ( Italia) Sport Calcio ESCLUSIVA JUVENTUS La Juventus esulta per la vittoria del campionato Nella foto: i festeggiamenti Photo LaPresse - Daniele Badolato 25 April 2016 Vinovo ( Italy) Sport Soccer Juventus celebrating the winning of the season In the pic: victory ceremony

 

La Juve a tre giornate dalla fine del campionato è campione d’Italia per il quinto anno consecutivo. Si attendeva il risultato del Napoli a Roma per l’ufficialità che arriva grazie alla vittoria dei giallorossi per 1-0 sulla squadra di Sarriadesso sono dodici i punti di distacco della Juve sul Napoli, un vantaggio che consente alla squadra bianconera di aggiudicarsi il suo 32esimo scudetto della storia. Un successo che arriva dopo una marcia trionfale che passa dalla crisi d’inizio stagione al record di vittorie. Ricordiamo che la squadra di Allegri dopo le prime dieci partite aveva al suo attivo solo dodici punti in classifica e undici punti di ritardo dalla capolista.

La sconfitta contro il Sassuolo segna il punto più basso della stagione, quando lo scudetto sembrava compromesso. Poi arriva la svolta. I ‘senatori’della squadra uno su tutti il capitano Gigi Buffon prende una posizione netta per cercare di scuotere i giovani e i nuovi arrivati: «Alla mia età non mi va più di fare figure da pellegrini». Da quel momento in poi arrivano solo vittorie: 24 in 25 partite, raccogliendo 73 punti su 75, un record per il nostro campionato.

Foto LaPresse - Daniele Badolato 25/04/2016 Vinovo ( Italia) Sport Calcio ESCLUSIVA JUVENTUS La Juventus esulta per la vittoria del campionato Nella foto: i festeggiamenti Photo LaPresse - Daniele Badolato 25 April 2016 Vinovo ( Italy) Sport Soccer Juventus celebrating the winning of the season In the pic: victory ceremony

 

Ad inizio stagione arrivano Dybala, Mandzukic e Zaza per sostituire giocatori del calibro di Tevez, Pirlo e Vidal. La squadra viene rivoluzionata in nome del ricambio generazionale per aprire un ciclo e a Massimiliano Allegri è toccato il compito di trasmettere la filosofia vincente juventina e trovare un giusto equilibrio tra i nuovi arrivati, i giovani e i veterani del gruppo. Gran merito di questo successo va al tecnico livornese che ha lentamente costruito la sua opera d'arte, con pazienza e grande professionalità. Ha saputo gestire i giocatori in particolare Dybala utilizzato ad inizio stagione con il contagocce, ma poi risultato fondamentale per la conquista dello scudetto. E se lo scorso anno  aveva vinto il campionato ereditando la squadra vincente di Antonio Conte quest’anno il merito di avere creato un gruppo solido è tutto suo. Allegri non nasconde la sua gioia: «A ottobre eravamo dodicesimi, fuori da tutto, sembrava che l'allenatore poteva solo essere cacciato. La rimonta e lo scudetto sono merito di tutti, dei giocatori, dell'allenatore ma anche dei calciatori che hanno giocato negli scorsi anni. La storia di questi cinque scudetti è merito di tutte le persone che hanno lavorato per la Juve in questi anni».

Foto LaPresse - Daniele Badolato 25/04/2016 Vinovo ( Italia) Sport Calcio ESCLUSIVA JUVENTUS La Juventus esulta per la vittoria del campionato Nella foto: i festeggiamenti Photo LaPresse - Daniele Badolato 25 April 2016 Vinovo ( Italy) Sport Soccer Juventus celebrating the winning of the season In the pic: victory ceremony

 

Era dagli anni ‘30 che la Juve non vinceva cinque scudetti consecutivi e oggi i bianconeri eguagliano un primato storico. E per il futuro? Il direttore generale Marotta promette: «Allegri resta con noi e ci rinforzeremo». La Juve dunque, dati alla mano, ad oggi non ha rivali, almeno in Italia, da Conte ad Allegri la musica non è cambiata grazie ad una grande società che ha saputo costruire nel corso degli anni un progetto vincente. Il presidente Andrea Agnelli commenta così la conquista del quinto titolo consecutivo: «Tutti pronti a celebrare il nostro funerale. Invece... semplicemente abbiamo scritto la storia!».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *