JOE T VANNELLI E IL MUSEO NAZIONALE SCIENZA E TECNOLOGIA DI MILANO INSIEME PER DIFFONDERE ARTE E CULTURA DIGITALI

Il dj suonerà alcuni vinili della sua collezione, destreggiandosi tra consolle analogica e digitale davanti al sottomarino toti e al razzo Vega. Live on tour, lo show itinerante del giovedì sera che fa ballare tutti in diretta Facebook, approda al museo

JTV Venezia

Milano 15 settembre 2020. Giovedì 17 settembre, Joe T Vannelli, il noto DJ e Producer di fama internazionale, torna nella sua Milano, e precisamente al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci per una live DJ session che promette grandi emozioni.
Per l’occasione Vannelli si destreggerà tra la consolle analogica e quella digitale, posizionato tra il mitico Sottomarino Toti, che ha tenuto tutti i milanesi col il fiato sospeso quando nel 2005 è approdato al Museo con un’opera di trasporto eccezionale, e il razzo Vega, il modello in scala 1:1 del primo vettore sviluppato dall’Agenzia Spaziale Europea e Avio.
Per il ritorno a Milano del Live on Tour, da cui lo show è partito, Vannelli suonerà anche alcuni vinili provenienti dalla sua viniloteca personale che vanta oltre 40.000 dischi che il DJ ha suonato almeno una volta nella sua carriera nei club più noti e glam del mondo, dagli Stati Uniti all’Australia, dall’Europa al Giappone.
Due consolle dunque: una digitale e una analogica in un percorso che unisce la musica e l’arte di Vannelli alla scienza, al progresso e alla tecnologia di cui il museo milanese è testimonianza nel mondo. Il Digitale è il trade d’union tra lo show di Vannelli ed il Museo: grazie alla tecnologia, infatti, il Live on Tour ha permesso a milioni di persone di godere della ricercata House Music del DJ in modo gratuito e in totale sicurezza, senza assembramenti, semplicemente da uno smartphone o da un PC.
In perfetto stile one-man-show, poliedrico e geniale, Vannelli piloterà anche l’immancabile drone per regalare a coloro collegati in diretta Facebook viste aeree mozzafiato del Museo, ormai una cifra stilistica delle sue performance.
L’appuntamento al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia, è un’altra importante tappa che l’artista aggiunge al suo tour, iniziato a Milano in pieno lockdown dal tetto di casa dell’artista e poi portato in esterna in moltissimi siti italiani di particolare valore paesaggistico, storico e artistico, tutti avvolti dal mistero e mai rivelati fino al momento della diretta, rigorosamente in solitaria, senza pubblico, per rispettare il distanziamento sociale, che di settimana in settimana fa registrare numeri da capogiro con oltre 4 milioni di visualizzazioni.
lanciatore-vega-gallery-03E’ proprio in questo scenario che strizza l’occhio al digitale e alle nuove possibilità che questo offre, il Museo rappresenta un’eccellenza tecnologica e ne è una voce autorevole, essendo stato il primo museo in Italia a creare, nel 1997, un proprio sito web e un ufficio dedicato allo sviluppo delle strategie e dei linguaggi digitali.

Live on Tour
Il Joe T Vannelli Live On Tour è nato in pieno lockdown, con la prima diretta da casa con vista Duomo, a Milano.
L’vento online è diventato un appuntamento fisso per i suoi fan e gli amanti della House e a fine lockdown il live si è spostato in esterna: Cava Ruggetta di Carrara, da cui Michelangelo attinse il marmo per le sue opere; Ca’ Marcello, villa palladiana del Settecento; la Fortezza di San Leo a Rimini; l’iconica terrazza dell’Hotel Danieli di Venezia; il Fortino Napoleonico nelle Marche; il Castello di Vezio sul Lago di Como; la Villa Borromeo sull’Isola Bella; Maratea, sotto al Cristo che domina il mare; il Castello Aragonese di Taranto della Marina Militare, la Lanterna di Genova, il borgo medioevale di Castell’Arquato, la Scalinata Monumentale a Santa Maria di Leuca, il carro del Carnevale di Fano, il Faro di Capo Grecale a Lampedusa, il Castello Aragonese di Reggio Calabria.
10_SottomarinoToti_Poppa_MuseoScienza@PaoloSoave

Il Museo
Nato nel 1953, è oggi uno dei più grandi musei tecnico scientifici d’Europa. Immerso nei chiostri di un monastero olivetano del Cinquecento, si estende per circa 50.000 mq. Il Museo è il luogo dove scoprire le esposizioni, le mostre e i laboratori interattivi dedicati all’energia, ai materiali, all’astronomia, ai trasporti, all’alimentazione e alla fisica delle particelle. Di recente apertura sono le Nuove Gallerie, la più grande esposizione permanente al mondo dedicata a Leonardo da Vinci. Un percorso scenografico tra 170 modelli storici, opere d’arte, volumi antichi e installazioni per raccontare la figura e l’opera di Leonardo ingegnere, umanista e indagatore della natura.
Tra gli oggetti iconici del Museo si trovano il Sottomarino Enrico Toti, treni a vapore, il catamarano AC72 Luna Rossa, il brigantino goletta Ebe, il ponte di comando del transatlantico Conte Biancamano e il lanciatore spaziale Vega oltre all’unico frammento di Luna presente in Italia, esposto nell’area Spazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *