Jacqueline Kennedy Onassis, una vita sotto i riflettori

L’anti casalinga per eccellenza, Jacqueline Kennedy Onassis

ja

Jacqueline “Jackie” Lee Kennedy Onassis, nata Bouvier, è la first lady statunitense più discussa della Casa Bianca. Nata a Southampton, comune (city) degli Stati Uniti d’America della contea di Suffolk, in una famiglia dell’alta società newyorkese. Conosciuta per una classa di stile eccezionale, l’anti casalinga per eccellenza, fu l’amante occasionale di molti uomini. A lei si perdonava tutto, anche le tante chiacchiere sul suo passato di alcolista. La vita di  Jacqueline, o Jackie, come veniva chiamata abitualmente, fu quasi un romanzo dalle tante sfaccettature. Sposò John Fitzgerald Kennedy, astro nascente del Partito Democratico, 35° presidente degli Stati Uniti d’America, sconfiggendo di misura Richard Nixon, il 12 settembre del 1953, cerimonia celebrata dall’arcivescovo di Boston Richard James Cushing e seguita da un sontuoso ricevimento per 2000 invitati. jackieJacqueline Kennedy seguì il marito nella lunga corsa per la presidenza degli Stati Uniti d’America, nonostante il pancione della seconda gravidanza. Qualche anno dopo, a Dallas, era il 1963,  alle 12:30 ora locale, John Fitzgerald Kennedy fu assassinato mentre viaggiava con la moglie Jacqueline sulla limousine presidenziale. L’America e il mondo intero, ne uscirono feriti da questo episodio tragico. Non passerà tanto tempo, il 20 ottobre del 1968 Jacqueline sposò l’armatore greco Aristotele Onassis sull’isola di Skorpios, una relazione coniugale regolata da un contratto pre-matrimoniale, convertendosi alla Chiesa Ortodossa. Non fu un matrimonio felice, i due, per motivi di lavoro non stavano mai insieme. Rimasta di nuovo vedova, per la seconda volta, ritorna in America e si riconcilia alla Chiesa Cattolica. Nel 1994 le viene diagnosticato un linfoma non Hodgkin. Muore il 19 maggio all’età di 64 anni, non prima di sposare in articulo mortis un noto commerciale di diamanti belga. Con la sua morte finisce l’era di una donna che visse sempre sotto i riflettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *