IV Edizione Lions Lifebility Award, premiate innovazione, originalità e cultura solidale delle giovani eccellenze italiane

Il concorso nazionale Lions e dell’Associazione Lifebility premia i giovani talenti aprendogli le porte del mondo del lavoro. Soddisfatto Enzo Taranto, Presidente del Comitato Lions Lifebility Award. 

 Milano, 2014 – Si è conclusa la quarta edizione del Lifebility Award, concorso nazionale nato nel 2009 per volontà dei Lions, con l’obiettivo di rispondere a due emergenze del nostro paese, il rapporto tra etica sociale e giovani e la mancanza di lavoro e sbocchi professionali. Reso possibile anche grazie alla sponsorizzazione della Camera di Commercio di Milano, la collaborazione di Prospera e il patrocinio della Regione Lombardia, il concorso ha visto la premiazione di 7 tra i 173 progetti ricevuti, con un riconoscimento speciale aggiudicato al progetto a maggior impatto sociale.

 Sulla strada del “Service” verso i giovani e della diffusione dell’etica comportamentale Marco COLUMBRO, volto noto, genuino e positivo dello spettacolo ha accettato di unirsi a Lifebility per evidenziare con la consueta amabile ironia le caratteristiche dei progetti vincitori e dei problemi sociali che gli stessi puntano a risolvere. Nel suo sempre simpatico intervento “I giovani italiani, soprattutto in questo periodo in cui è difficile affermarsi nel mondo del lavoro, devono avere fiducia in stessi. Questo non vuol dire essere saccenti e ostentare una sapienza superiore a quella posseduta ma dimostrare con umiltà le proprie capacità ed avere sempre la determinazione di raggiungere i propri obiettivi”.

Il concorso premia progetti e idee innovative sostenibili e sociali proposte da giovani tra i 18 e i 30 anni, orientate al miglioramento, alla semplificazione e alla fruibilità dei servizi pubblici e privati della comunità. I giovani possono presentare progetti che devono rientrare in 6 categorie: Energia e Ambiente – Trasporti e Mobilità – Comunicazione, Immagine e Design – Bioingegneria e Biotecnologie – Nutrizione e Qualità della vita – Turismo e Beni Culturali.

I vincitori della quarta edizione del Lifebility Award hanno ricevuto o un premio in denaro del valore di 5.000,00 euro, al lordo della imposte e tasse, o uno stage retribuito presso uno degli sponsor dell’iniziativa o un supporto allo start up di impresa, per realizzare e concretizzare il proprio progetto.

 Quest’anno i progetti premiati per ogni categoria sono:

 CATEGORIA ENERGIA E AMBIENTE

Pimp my Solar Pump. Acqua, Sole e trasportabilità” di Giulia Lomi, Laura Rebeschini, Samuele Saccardi e Tommaso Cambi di Firenze, che hanno vinto il carnet di voucher per lo start up d’impresa offerto da Make a Cube e dai professionisti Lions. Il progetto si focalizza su un sistema di pompaggio idrico mobile per fini agricoli e domestici, alimentato ad energia solare. 

http://lifebilityaward.ideatre60partner.it/energia_e_ambiente_4/lb4w_105

 CATEGORIA TRASPORTI E MOBILITA’

RuotaLibera” di Mattia Zago di Verona, che ha vinto la borsa di studio di €5.000,00 offerta dall’Associazione Lifebility. Il progetto, di stampo imprenditoriale, è volto allo sviluppo e alla commercializzazione di soluzioni mirate alla ricerca di indipendenza per i portatori di handicap motori.

http://lifebilityaward.ideatre60partner.it/trasporti_e_mobilita_4/lb4w_61

 CATEGORIA COMUNICAZIONE, IMMAGINE E DESIGN

 “NEETing Point: incontro di persone e risorse” di Camilla Crescentini di Verona, che ha vinto la borsa di studio di € 5.000,00 offerta dalla Camera di Commercio di Milano. Il progetto nasce con l’intento di stimolare la presa di coscienza, l’impegno e l’inclusione sociale di quella fascia di popolazione giovanile che risulta disoccupata o inattiva e che dunque rappresenta una grande risorsa inespressa. http://lifebilityaward.ideatre60partner.it/comunicazione_immagine_design_4/lb4w_118

 CATEGORIA BIOINGEGNERIA E BIOTECNOLOGIE

 “R.G.T. (Rapid GluTest)” di Alessandra Rossi di Padova, che ha vinto il carnet di voucher per lo start up d’impresa offerto da POILIHUB MILANO e dai professionisti Lions. Dispositivo economico e monouso in grado di riconoscere il glutine all’interno degli alimenti in maniera semplice e veloce prelevandone una piccola porzione, utilizzabile sia da privati, sia da esercizi commerciali.

http://lifebilityaward.ideatre60partner.it/bioingegneria-e-biotecnologie_4/lb4w_49

 CATEGORIA NUTRIZIONE E QUALITA’ DELLA VITA

Applicazioni interattive per disabilità infantili” di Francesco Clasadonte di Legnano, che ha vinto la borsa di studio di € 5.000,00 offerta dal Club Lions Milano – Bramante – Cinque Giornate. Circa il 5-7% della popolazione mondiale ha una disabilità motoria o intellettiva. Da questa considerazione è nata FifthElement: la prima piattaforma di supporto terapico alle disabilità infantili basata sui paradigmi pedagogici/riabilitativi di gioco e movimento corporeo.

http://lifebilityaward.ideatre60partner.it/nutrizione_e_qualita_della_vita_4/lb4w_111

  CATEGORIA TURISMO E BENI CULTURALI

Braillebooking.com” di Arianna Orlando e Matteo Scaldaferri di Milano, che hanno vinto il carnet di voucher per lo start up d’impresa offerto da Make a Cube e dai professionisti Lions. L’idea proposta è quindi quella di creare un sito internet multilingua accessibile e pensato appositamente per persone non vedenti che permetta loro di ricercare e prenotare hotel e strutture ricettive in totale autonomia.

http://lifebilityaward.ideatre60partner.it/turismo_e_beni_culturali_4/lb4w_86

Come per la passata edizione, è stato inoltre assegnato il Premio Social Plus, votato dal pubblico e nato con lo scopo di premiare quel progetto che, partecipando al Lifebility Award, si è ulteriormente distinto per la maggiore attenzione posta al risvolto sociale del progetto stesso. 

Il progetto premiato è stato “Vuoto…a rendere” di Chiara Lentini, Laura Giordano, Laura Nigro e Sergio Tarquinio di Catania, che hanno ricevuto una targa offerta dall’Associazione Lifebility. L’idea consiste in un modello sociale ed economico che miri a convertire aree urbane inutilizzate in isole culturali a beneficio di tutti, con strategie economicamente sostenibili e replicabili su vari territori.

http://lifebilityaward.ideatre60partner.it/nutrizione_e_qualita_della_vita_4/lb4w_107

 Molte le istituzioni e le aziende che hanno voluto aderire a questa iniziativa, per dare un supporto concreto ai giovani e al loro inserimento nel mondo del lavoro. La quarta edizione del Lifebility Award ha avuto il patrocinio della Camera di Commercio Milano, della Camera di Commercio di Firenze, della Regione Lombardia e del CNR – Comitato Nazionale delle Ricerche. Inoltre, è stato sostenuto da aziende come: Fondazione Bracco, Fondazione Pietro Carsana, GERI HDP, SEA, Serravalle Technologies, Zepter e da incubatori come POLIHUB e Make a Cube.

 Questo premio rappresenta un’occasione unica per i giovani di entrare in contatto con il mondo del lavoro” ha affermato Enzo Taranto, Presidente del Comitato Lions Lifebility Award. “Molti dei giovani che hanno vinto nelle passate edizioni hanno trovato un impiego, spesso nelle aziende presso le quali avevano svolto lo stage vinto. Inoltre, si tratta di un modo per spingere i giovani a impegnarsi in prima persona in ambito sociale, grazie alla propria capacità di sviluppare idee innovative e sostenibili”.

 

Tra le aziende partner del Lifebility Award: ACTL Sportello Stage, AlmaLaurea, Associazione Italiana di Bioingegneria, Assintel, Bachelor, Borsani Comunicazione, Circolo della Stampa di Milano, Formaper, HR Services Net, IdeaTre60, Prospera, Sintema PKF, SnapKode, Studio Esse, Tangram Strategic Design.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *