‘Inside Out’: gioiello animato e colorato inaugura il Taormina Film Fest

Presentato a Taormina ‘Inside Out’, il nuovo capolavoro animato di Pete Docter che colora le emozioni. 

La rabbia è un piccolo uomo quadrato e rosso, il disgusto è verde con lunghe ciglia, la paura è viola e longilinea, la gioia è gialla dagli occhi azzurri e dal sorriso aperto, e, infine, la tristezza è blu, coperta da una dolcevita a collo alto.

Stiamo parlando dei cinque protagonisti dell’ultimo capolavoro della Disney-Pixar, presentato Sabato al Teatro antico in occasione dell’inaugurazione della sessantunesima edizione del Taormina fest. ‘Inside Out’ è una meraviglia fatta di tecnica, colori e disegno, che dà corpo alle emozioni di una bambina e le governa i suoi stati d’animo e le sue pulsioni.

Questa la trama. Riley, 11 anni, subisce un trauma quando è obbligata a trasferirsi con la famiglia dal Midwest, luogo d’infanzia in cui è cresciuta, a San Francisco, ritrovandosi senza amici. L’umore peggiora di giorno in giorno, e i genitori, distratti dai problemi legati alla nuova casa, la trascurano. Riley decide così di fuggire per tornarsene da dov’era venuta.

Pete Docter, già regista di ‘Monsters & Co’, e di ‘Up’ che gli ha fatto vincere un Oscar, racconta nella pellicola distribuita dalla Disney, i sentimenti impegnati nel “quartier celebrale” della bambina.

Le emozioni dentro di lei, infatti, si mettono subito al lavoro, desiderose di guidarla attraverso i difficili ostacoli. Ma, si sa, un trasloco dalla città d’infanzia non è facile per nessuna bambina, e così, Gioia e Tristezza saranno relegate in un angolo remoto della mente di Riley, lasciando spazio a Paura, Rabbia e Disgusto. Gioia e Tristezza si avventurano in luoghi sconosciuti fra cui la Memoria a Lungo Termine, Immagilandia, il Pensiero Astratto e la Cineproduzione, nel disperato tentativo di tornare al Quartier Generale e da Riley.

Per Lasseter , genio dell’animazione di ‘Inside Out, la pellicola che sarà distribuita in Italia il 16 settembre, è un nuovo passo nel mutamento del linguaggio dell’animazione iniziato nel 1996 con Toy Story’: “L’animazione era praticamente morta, si faceva solo per la tv e per i bambini. Ma io amavo registi come Coppola, Scorsese, Spielberg, Lucas. Loro mi hanno ispirato, pensavo che volevo anch’io fare qualcosa di simile, cambiare il mondo dei cartoni animati”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *