INFN: TECHNART 2015 Catania, il più grande congresso internazionale per la conservazione del Patrimonio Culturale, Artistico e Archeologico

Dal 27 al 30 aprile al Monastero dei Benedettini a Catania: TECHNART 2015 

A Catania oltre 500 scienziati, storici dell’arte, archeologi e restauratori da tutto il mondo per discutere sulle recenti applicazioni di tecniche chimico-fisiche innovative e non invasive per la conoscenza e la conservazione del Patrimonio Culturale, Artistico ed Archeologico.

Si apre lunedì 27 Aprile 2015 alle ore 9, nella splendida sede del Monastero dei Benedettini di Catania “TECHNART 2015 – Non destructive and microanalytical techniques in Art and Cultural Heritage”. Si tratta del più grande congresso internazionale che vede a raccolta oltre 500 scienziati, storici dell’arte, archeologi e restauratori provenienti da ogni parte del mondo, per confrontarsi sulle recenti innovazioni ed applicazioni di tecniche chimico-fisiche per la caratterizzazione e la diagnostica del Patrimonio Culturale, Artistico e Archeologico per approfondirne la sua conoscenza e pianificarne una più efficace conservazione. 

Inaugurata per la prima volta a Lisbona nel 2007, TECHNART si è successivamente svolta ad Atene nel 2009, Berlino nel 2011 ed Amsterdam nel 2013 presso il prestigioso Rjiksmuseum. L’edizione 2015 è organizzata a Catania grazie all’impegno dell’IBAM-CNR, dei Laboratori Nazionali del Sud dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e dal Dipartimento di Scienze Chimiche dell’Università di Catania.

TECHNART rappresenta l’appuntamento più importante a livello internazionale per i ricercatori e gli scienziati che operano nell’ambito dello sviluppo e nell’applicazione di tecniche spettroscopiche applicate allo studio e alla conservazione dei Beni Culturali. Al Congresso partecipano, oltre ai più importanti Enti di Ricerca, Infrastrutture ed Università italiane e straniere, anche i rappresentanti dei più grandi Musei del mondo quali, tra gli altri, il Metropolitan Museum, la National Gallery, il Louvre, il Rjiksmuseum, la Tate Gallery, l’Art Institute of Chicago e il MoMA.

E’ un evento di rilevanza internazionaledichiara il dott. Paolo Romano, ricercatore IBAM CNR e Chair della Conferenza che ha richiesto un impegno organizzativo scientifico e logistico notevole, considerato l’incredibile numero di partecipanti che ha superato di gran lunga quello delle passate edizioni. La risposta della comunità scientifica internazionale è stata infatti impressionante e faremo il massimo per onorare al meglio queste aspettative

Technart 2015 rappresenta un momento di passaggio estremamente importante per la realtà scientifica catanese coinvolta in attività di ricerca finalizzate alla messa a punto di nuovi metodi per lo studio di oggetti d’artesottolinea il prof. Giuseppe Spoto, co-Chair della Conferenzauna realtà caratterizzata da una consolidata posizione in ambito internazionale, come il grande successo della Conferenza testimonia. Le costanti interazioni tra gruppi di ricerca operanti in differenti Dipartimenti del nostro Ateneo e gruppi afferenti ad altri Enti di ricerca, come il CNR e i LNS dell’INFN, sono il punto di forza del sistema catanese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *