Incontro con i racconti di Piero Juvara poeta dell’anima

Piero Juvara, giornalista free lance, commediografo, autore di testi teatrali, un uomo, un artista dall’animo profondo e dal sorriso gentile

IMG-20190417-WA0036

Piero Juvara, giornalista free lance, commediografo, autore di testi teatrali, un uomo, un artista dall’animo profondo e dal sorriso gentile.

Un viaggiatore che ha trasformato i suoi viaggi in resoconti pieni di vita e di emozioni.

Uno scrittore, che con attenzione ed estrema sensibilità riesce ad appassionare i suoi lettori con le sue narrazioni sempre ricche di suspense ed introspezione. Una fotografia lucida e profonda del reale è quella che emerge attraverso la lettura del libro “Il pozzo delle tre Lune” Algra Editore, scritto da tre autori siciliani, Piero Juvara, Mario Lo Giudice e Adriano Di Gregorio.

Quattordici racconti dal carattere diverso ma figli della stessa passione congenita nei siciliani, la passione per la vita, per la propria terra, per le proprie origini.

Durante i racconti di Piero Juvara il tempo sembra fermarsi tra le pagine, i suoi racconti entrano nell’anima, e come di incanto le sue storie di vita comune diventano quelle del lettore, rapito dalle emozioni dei personaggi.

Il rapporto con l’esoterico è l’invisibile fil rouge che caratterizza la scrittura dell’autore, la pazzia dell’essere umano emerge nella normalità della quotidiano vivere.

La figura della donna occupa sempre un ruolo importante nei suoi testi, ora vestita di incanto ora di fascino ammaliatore ora di povertà, costretta ad “ingannare” il suo interlocutore pur di riuscire a sopravvivere in questa amara società.

Piero Juvara, riesce sempre a rendere vivi i protagonisti dei suoi racconti, e non solo perché questi sono a volte tratti da “casi” realmente accaduti, ma perché grazie alla delicatezza dei sentimenti messi a nudo nelle sue trame, nulla è lasciato al caso riuscendo così a dar voce alle parole scritte.

Uno sguardo attento allo spirito vitale dell’essere umano, è questo il segreto della poesia di Piero Juvara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *