Il Gran Tour della Poesia-Rito della luce arriva ad Agrigento

Ideato, organizzato e promosso dalla Fondazione Antonio Presti-Fiumara d’Arte. Oggi pomeriggio alla Casa Sanfilippo reading un incontro con alcuni
tra i più importanti esponenti della poesia contemporanea

AGRIGENTO – Oggi pomeriggio, venerdì 26 aprile, alle 19 il Gran Tour della Poesia – Rito della Luce 2013, ideato, organizzato e promosso dalla Fondazione Antonio Presti-Fiumara d’Arte, fa tappa ad Agrigento; alla Casa Sanfilippo reading con alcuni tra i più importanti esponenti della poesia contemporanea. La serata si svolge in collaborazione con il Parco della Valle dei Templi e l’Istituto Polacco di Cultura. L’ingresso è libero.

Da Varsavia, appositamente per il Gran Tour della Poesia, in Sicilia è sbarcato uno dei più grandi poeti polacchi: Jaroslaw Mikolajewki, poco noto al pubblico italiano, ma molto apprezzato all’estero ed in patria, anche per la sua traduzione della Divina Commedia e di diversi autori italiani, da Petrarca a Pasolini. «Ma l’opera che più ho amato tradurre – dice Mikolajeswki – resta il Pinocchio di Collodi».

Con il poeta polacco al reading alla Casa Sanfilippo di Agrigento, ci saranno alcune punte di diamante della poesia italiana: Antonella Anedda, Franco Arminio, Maria Attanasio, Sebastiano Burgaretta, Nino De Vita, Biagio Guerrera, Francesco Margani, Josephine Pace, Margherita Rimi. Parteciperanno anche alcuni giovani poeti del liceo classico “Empedocle” di Agrigento.

Invece, sabato 27 aprile alle 10, sempre alla Casa Sanfilippo i poeti incontreranno gli studenti del liceo scientifico “Martin Luter King” di Favara e dell’istituto tecnico “Brunelleschi-Foderà” di Agrigento.

 

«Per mancanza di fondi – dice Antonio Presti – lo Stato fa saltare la “Settimana della Cultura” e la Fondazione Fiumara d’Arte ne organizza una all’insegna della Poesia, ispirandosi a due grandi temi: “L’offerta della Parola – La Grande Madre/A ‘Ranni Matri” e “La Bellezza della Costituzione”. Una lunga semina per educare le nuove generazioni ai valori della cittadinanza attiva, basata sull’etica e sul rispetto».

In tutto, coinvolti 50 poeti, 30 scuole di 10 Comuni (Agrigento, Caronia, Castel di Lucio, Castel di Tusa, Cefalù, Mistretta, Motta d’Affermo, Pettineo, Santo Stefano di Camastra, Tusa), 3.000 studenti.

«Abbiamo voluto – spiega Presti – unire idealmente, sotto una stessa bandiera di impegno etico e civile, tre aree della Sicilia: i territori del Parco dei Nebrodi e del Parco delle Madonie,  e la Valle dell’Halaesa, in un percorso poetico di condivisione che coinvolge gli studenti, i docenti con incontri di approfondimento pomeridiani, e la cittadinanza con reading aperti al pubblico».

Il Gran Tour della Poesia culminerà nel RITO DELLA LUCE che per la quarta volta si terrà nel Solstizio d’estate (dal 21 al 23 giugno) a Motta d’Affermo, presso la Piramide 38° Parallelo di Mauro Staccioli. Un rito collettivo che vedrà nuovamente protagonisti gli studenti e i poeti che attraverso il linguaggio del verso esprimeranno e daranno sostanza al significato stesso della Piramide 38° Parallelo come faro, luce e metafora di cambiamento e rinascita.

Gli studenti reciteranno le poesie (una per ogni scuola partecipante), composte ispirandosi ad uno dei due temi del Gran Tour. La giuria composta da dirigenti scolastici e docenti assegnerà al miglior componimento un premio di 500 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *