I vincitori del “Premio Nazionale di Teatro Luigi Pirandello”

La cerimonia di premiazione è in programma il 14 dicembre a Palermo

Tra i premiati i giovani Alberto Oliva ed Emanuele Aldrovandi 

PALERMO -  Sono stati resi noti i nomi dei vincitori della XIX edizione del Premio Nazionale di Teatro Luigi Pirandello, il prestigioso premio teatrale promosso dalla Fondazione Sicilia. I premi sono stati assegnati dalla Giuria al termine di una lunga selezione, alla quale hanno partecipato 184 opere in concorso, fra cui 167 lavori teatrali di varia natura e 17 saggi sul teatro.

Di grande livello la giuria, presieduta da Giovanni Puglisi, presidente della Fondazione Sicilia, e composta da celebri nomi del teatro e della cultura italiana, quali Giorgio Albertazzi, Paolo Bosisio, Pietro Carriglio, Michele Guardì, Paolo Mauri, Maurizio Scaparro ed Elisabetta Sgarbi.

Il “Premio nazionale per l’opera teatrale” è stato assegnato a Emanuele Aldrovandi, per Felicità, dramma in due tempi, che tratta di un medico che vede realizzarsi nello stesso giorno tutti i suoi desideri: viene nominato primario e la donna che ama aspetta un bambino. Ma lui, invece di gioirne, congela il proprio sentimento, per evitare di compromettersi emotivamente: vuole essere distaccato, per preservarsi da possibili sofferenze future. Questo genera una scissione nel personaggio, tra la parte razionale e quella emotiva. La lotta fra queste due entità si concretizza in un conflitto tragico che non può ricomporsi in nessun modo.

Il “Premio Internazionale” è andato ad Alberto Oliva, ritenuto uno dei più interessanti giovani registi italiani. Nato a Milano nel 1984, Oliva è laureato in Scienze dei Beni Culturali all’Università Statale di Milano e si è diplomato in regia alla Scuola d’arte drammatica Paolo Grassi.

Il “Premio per il saggio storico-critico” è andato al libro Pupi e attori ovvero l’Opera dei pupi a Catania (Bulzoni), di Bernadette Majorana. Il volume presenta una dettagliata e ricca ricostruzione dell'opera dei pupi a Catania. Grazie all'utilizzo di materiali inediti, di testimonianze orali raccolte nel corso delle ricerche e di un'ampia bibliografia l'autrice offre un esaustivo e puntuale quadro dell'opera dei pupi a partire dagli anni trenta dell'Ottocento, fino alla fine del Novecento.

Il “Premio per il saggio filologico” è stato assegnato a Henrik Ibsen. Drammi moderni (Rizzoli)., a cura di Roberto Alonge. Il libro è un ritratto del mondo della famiglia e dei rapporti tra i sessi, frutto di un’analisi degna della perizia di Freud. Un universo popolato da eroici capitani d’industria che sacrificano amore coniugale e paterno al lavoro e al potere, come il console Bernick o il costruttore Solness.

Il “Premio alla carriera” è stato assegnato a Mario Missiroli, ritenuto uno dei più provocatori e innovativi registi italiani. Ha diretto numerosi spettacoli, fra cui si possono ricordare I giganti della montagna e Sei personaggi in cerca d'autore di Pirandello, Eva Peron di Copi, L'ispettore generale di Gogol, La locandiera e Trilogia della villeggiatura di Goldoni, Il Tartufo di Molière, Zio Vanja di Čechov, Verso Damasco di August Strindberg, La Mandragola di Niccolò Machiavelli e molti altri ancora. Ha diretto numerosi attori di primissimo piano della scena teatrale. In teatro dirige attori di alto profilo.

La cerimonia di premiazione della XIX edizione si terrà il 14 dicembre nella suggestiva cornice di Palazzo Branciforte, edificio cinquecentesco che si trova nel cuore di Palermo, restaurato proprio grazie alla Fondazione Sicilia e ad un capillare intervento di recupero firmato dall’indimenticabile architetto Gae Aulenti. Il 2012 quale anno per la cerimonia di premiazione non è casuale, perché coincide con il novantesimo anniversario della prima rappresentazione dell’Enrico IV di Luigi Pirandello, avvenuta nel 1922 al Teatro Manzoni di Milano: una decisione, presa per celebrare, proprio in questo modo, la figura del grande drammaturgo siciliano.

Nel corso della serata Claudio Collovà effettuerà un reading tratto da una novella di Luigi Pirandello, con l’accompagnamento al pianoforte di Ornella Cerniglia.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *