Guizzo del Palermo, Genoa battuto e giovedì al Barbera arriva il Pescara…

I rosanero la spuntano al Ferraris. 3-4 che premia i ragazzi di mister Eugenio Corini che punta a chiudere il 2016 nel migliore dei modi

logo-palermo-calcio

Il Palermo torna alla vittoria. Espugnato il ‘’Luigi Ferraris’’ 3-4, al termine di una sfida entusiasmante. Per i rosanero a segno Quaison, Goldaniga, Rispoli e Trajkovski.

Corini sceglie il 3-4-2-1 con Posavec in porta. Difesa affidata a Cionek, Goldaniga e Andelkovic. A centrocampo, Rispoli e Aleesami agiscono sulle fasce mentre al centro ci sono Jajalo e Gazzi. A supporto dell’unica punta Nestorovski, invece, ci sono Quaison e Bruno Henrique.

L’avvio del match è subito in salita per i rosanero, che al 4’ sono in svantaggio. Simeone sfugge alla difesa del Palermo e a tu per tu con Posavec col destro non sbaglia. Il Genoa continua ad attaccare a testa bassa ed è ancora Simeone a sfiorare il raddoppio al 10’ su assist di Laxalt: il tiro da posizione ravvicinata dell’argentino termina alto sopra la traversa. Quattro minuti, azione corale da sinistra a destra con Laxalt che serve Rigoni, appoggio per Simeone la cui girata termina sul fondo.

La reazione rosanero è sterile ma c’è. Prima Aleesami crea il panico sulla sinistra con Munoz che è costretto a deviare in fallo laterale, poi Quaison colpisce l’esterno della rete. Al 26’, arriva il giallo per Andelkovic dopo un’entrata su Rigoni.

Episodio dubbio in area Genoa al 28’, dopo un contatto Bruno Henrique-Cofie. Un minuto dopo, esce Veloso per Ntcham nei rossoblu. Il predominio territoriale diventa rosanero ma la squadra di Juric dà la sensazione di essere pericolosa in contropiede. Il Palermo non demorde e al 42’ trova il pareggio. Nestorovski avanza verso l’area avversaria, la palla arriva a Quaison che scarta due avversari in area e col destro appoggia alle spalle di Perin. Due gli ammoniti, tutti in casa Palermo: Andelkovic e Cionek.

L’inizio del secondo tempo è positivo per il Palermo, che è compatto e deciso. La squadra di Corini sfiora il vantaggio al 5’ con Nestorovski, che a due passi da Perin non trova il gol. E’ letale invece Simeone, quando al 12’ gira in rete un cross di Izzo dalla destra. Posavec è bravo al 19’ a tenere in vita i rosanero sul tentativo di Ninkovic da posizione ravvicinata, ma un minuto dopo il numero 99 del Genoa è freddo nell’anticipare di testa Andelkovic e realizzare il terzo gol.

Il Palermo però non molla, anzi. Al 24’ punizione perfetta del neo-entrato Diamanti per la testa di Goldaniga che riapre la partita battendo Perin. Corini poi sceglie anche Hiljemark e Trajkovski, che entrano al posto di Jajalo e Cionek. Una squadra a trazione anteriore dunque nel finale, cercando la rete del pareggio. Il finale di gara è entusiasmante. Rispoli al 43’ pareggia sugli sviluppi di un calcio d’angolo, ma è Trajkovski a far esplodere i tifosi rosanero presenti al Marassi con un destro chirurgico al 45’ che batte Perin. Dopo cinque minuti di recupero, termina la partita. Il Palermo torna alla vittoria. Giovedì si torna in campo. Al ‘’Barbera’’ arriva il Pescara.

(fonte: palermocalcio.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *