GUARDIA DI FINANZA REGGIO CALABRIA: OPERAZIONE “VIA VAI”

GDF REGGIO CALABRIA: OPERAZIONE “VIA VAI”. NOTIFICATO AVVISO CONCLUSIONE DELLE INDAGINI NEI CONFRONTI DI 22 DIPENDENTI PUBBLICI ASSENTEISTI DELLA CITTÀ METROPOLITANA – EX PROVINCIA REGIONALE – DI REGGIO CALABRIA, PER TRUFFA AGGRAVATA AI DANNI DELL’ENTE DI APPARTENENZA.

guardia-di-finanza

All’esito di una delicata, incisiva e articolata attività di indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria – diretta dal Procuratore Capo, dott. Giovanni Bombardieri –, militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria hanno notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari emesso nei confronti di nr. 22 dipendenti pubblici assenteisti della Città Metropolitana – ex Provincia Regionale – di Reggio Calabria, tutti indagati per truffa aggravata ai danni dell’Ente di appartenenza. Le indagini in questione, condotte dai finanzieri della Compagnia Pronto Impiego di Reggio Calabria, sono state coordinate dal Procuratore Aggiunto, dott. Gerardo Dominijanni, e dirette dal Sostituto Procuratore, dott. Paolo Petrolo. La complessa attività investigativa, corroborata da oltre tre mesi di riprese video e servizi di osservazione, pedinamento e controllo, ha consentito di smascherare la truffa ai danni dell’Ente di appartenenza posta in essere da parte dei 22 dipendenti pubblici. Nello specifico, gli indagati, attraverso un collaudato sistema basato su favori reciproci ed espedienti posti in essere per attestare la presenza lavorativa presso gli uffici di appartenenza, riuscivano ad assentarsi indisturbati dal luogo di lavoro anche per diverse ore al giorno. Alcuni impiegati, addirittura, non facevano neppure ingresso presso la sede, sebbene figurassero regolarmente in servizio. Un sistema di malaffare che, per i suoi caratteri di pervasività e diffusione nel contesto amministrativo dell’Ente, non poteva che realizzarsi e perdurare nel tempo attraverso atteggiamenti di radicata complicità tra i singoli indagati; il tutto per perseguire personali benefici, in un clima di cronico disinteresse per le funzioni pubbliche svolte e di totale assenza di senso del dovere. In concreto, con artifici e raggiri, i dipendenti attestavano falsamente la propria presenza lavorativa, raccogliendo, a rotazione, più tessere magnetiche vidimandole per certificare la presenza del personale, facendo sì che il solo “vidimatore” intraprendesse il servizio e che, solo in seguito, arrivassero alcuni degli altri, riuscendo così ad eludere ogni forma di controllo interno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *