Grande festa a Trecastagni, con il Galà dello Sport e le onorificenze del Coni per il merito sportivo

Fra i premiati, il segretario generale del Coni Roberto Fabbricini e il direttore generale di RCS Sport Paolo Bellino. Bloccato a Milano per un guasto all’aereo che lo doveva portare a Catania il vice presidente dell’Inter Javier Zanetti che affida ad un video realizzato sul momento il suo saluto: “Un grosso bacio, mi dispiace tantissimo, sarò a Trecastagni presto per una grande festa”

Javier-Zanetti-con-Pippo-Leone

Come sempre ricco il Galà dello Sport organizzato annualmente dalla Sicilpool di Pippo Leone. Una serata di grande livello nonostante l’imprevisto iniziale, importante, ma che non scalfisce il lavoro fatto dagli organizzatori. Javier Zanetti, fiore all’occhiello di questa dodicesima edizione, è rimasto bloccato all’aeroporto di Malpensa per un guasto all’aereo che lo doveva portare in Sicilia. L’organizzazione ha fatto di tutto per trovare una soluzione alternativa, ma è stato impossibile, vista anche l’esiguità dei tempi a disposizione, così il vice presidente dell’Inter ha affidato a un video, registrato proprio in aeroporto, il suo saluto: “Purtroppo siamo rimasti bloccati a Malpensa – ha detto Zanetti – non sono potuto partire per cause di forza maggiore indipendenti dalla mia e dalla vostra volontà. Mi dispiace tantissimo. So che siete in tanti lì che mi state aspettando, avrei voluto essere con voi, anche solo per un saluto. Vi prometto col cuore che tornerò e faremo una grande festa. A tutti gli organizzatori, grazie per la considerazione e per aver pensato a me per questo premio. Un grande bacio, grazie per l’affetto e sempre forza Inter”.

Il video è stato proiettato in avvio di serata, cominciata con circa mezz’ora di ritardo proprio nella speranza di poter fare arrivare Zanetti anche per un breve saluto. Non è stato possibile, ma il Galà è andato avanti e ha riservato come sempre nomi altisonanti, parole importanti e continue testimonianze d’amore per lo sport.

E poi, dirigenti di grande livello, come il segretario generale del Coni Roberto Fabbrcini e il direttore generale di RCS Sport Paolo Bellino. Da questa edizione, il comitato organizzatore ha voluto istituire anche un riconoscimento per le aziende o gli imprenditori che investono nello sport: il premio è andato a Videobank Spa.

LE PAROLE DEI PREMIATI

Fabbricini si è detto “onorato di un riconoscimento che considero assegnato al movimento sportivo e non solo alla mia persona. La Sicilia ha una tradizione e un grande impatto sullo sport, lo dimostrano le medaglie conquistate dai siciliani a Rio. L’obiettivo è sempre la tutela dei giovani in tutte le discipline sportive, calcio compreso. Un mondo, quello calcistico, che avrebbe bisogno di una rivisitazione. Ci vogliono norme nuove e un nuovo modo di intendere il pallone nei vari territori, una maggiore attenzione ai vivai e gente esperta che possa guidare verso lidi migliori. Nessuno al Coni vuole impossessarsi di cose che non sono di nostra competenza, ma vogliamo essere di supporto nell’ottica di una rivisitazione”. Il calcio è stato al centro anche dell’intervento di Sandro Morgana, vice presidente nazionale LND, che si è soffermato sull’incidenza dei dilettanti e sul poco spazio che i giovani talenti italiani hanno nelle squadre professionistiche.

Peppe Di Stefano, giornalista sportivo di Sky, catanese di nascita, ha avuto un tuffo al cuore ritornando in un luogo che lega all’inizio della sua carriera professionale. Ha parlato poi della situazione della nazionale e ha strappato l’applauso commosso del pubblico quando ha dedicato il premio ricevuto a Francesco Scuderi, grande dirigente e amico scomparso nel 2013.

Paolo Bellino è ripartito, nelle sue considerazioni, ancora dalla Sicilia e dalla sua importanza: “RCS Sport è figlia di Gazzetta dello Sport, il principale quotidiano sportivo italiano che ha sempre dato spazio a tutti gli sport. Il premio di Trecastagni è una sintesi perfetta di tutto questo. Gli organizzatori hanno coperto tutte le discipline sportive e si segnalano per la loro efficienza in una terra, la Sicilia, che anche l’anno prossimo sarà protagonista, con tre tappe del Giro d’Italia”. Silvia Salis, consigliere nazionale della Fidal, ha ricevuto il premio come dirigente dopo una grande carriera da atleta (campionessa d’Italia, varie volte, nel lancio del martello: “Non nascondo l’emozione nel ricevere un riconoscimento per la mia seconda carriera. E’ un’esperienza difficile ma affascinante. Ma mi sono temprata con la disciplina che praticavo e le sfide non mi spaventano”. L’imprenditoria nello sport è stato invece il tema dell’intervento di Gian Stefano Passalacqua, delegato CONI Ragusa, con gli imprenditori che scendono in campo in prima persona per portare la loro esperienza di manager, come nel caso di un altro premiato, Maurizio Ninfa, esperto di comunicazione e marketing, settori fondamentali per lo sport. Anche Passalacqua ha ricordato l’importanza del settore giovanile e dello sport aperto a tutti e senza barriere. Da rimarcare il suo impegno per il basket in carrozzina.

Presente in sala anche il grande Alberto Cova, cittadino onorario di Trecastagni, amico personale di Pippo Leone e leggenda della nostra atletica, oltre al vice presidente vicario nazionale del Coni, Enzo Parrinello: “E’ stata la consacrazione del Galà dello Sport. La presenza di personaggi prestigiosi come il segretario generale del Coni – ha ricordato Parrinello – è il suggello per un premio che ha superato, e di gran lunga, i confini locali. E’ la testimonianza della caparbietà di Pippo Leone che riesce a coinvolgere personaggi che non sempre è facile coinvolgere”. “Siamo felici – ha detto a fine serata Pippo Leone – ci spiace immensamente per l’inconveniente legato a Zanetti, ma non è dipeso dalla volontà di nessuno e il suo messaggio riflette un vero rammarico: perché anche lui ci teneva molto. Nel complesso è stata una serata di grande livello, con personaggi di spicco e ci prepariamo ad un’edizione del 2018 ancora più ricca”. “Premiare gli atleti e i dirigenti – ha sottolineato il presidente del Coni Sicilia Sergio D’Antoni – serve anche per aiutarci a diffondere la cultura dello sport. Perché lo sport è di tutti, migliora la salute e fa da volano per l’economia. Ci stiamo impegnando perché questo pensiero diventi dominante anche in Sicilia”. “Lo sport – chiude il delegato provinciale del Coni Enzo Falzone, unisce personaggi importanti a chi, con sacrificio giornaliero, porta avanti la propria passione. A questo ci siamo ispirati per la consegna delle Stelle al merito. Lo sport a Catania è vivo e vogliamo che lo sia sempre di più”.

LA LISTA DEI PREMIATI CON LA CASTAGNA D’ARGENTO

Roberto Fabbricini Segretario Generale CONI

Javier Zanetti Vice Presidente INTER

Paolo Bellino Direttore Generale RCS SPORT

Silvia Salis Consigliere Federale FIDAL

Sandro Morgana Vice Presidente Nazionale LND Calcio

Peppe Di Stefano Giornalista Sportivo SKY SPORT

Maurizio Ninfa ex atleta di pallavolo

Giovanni Licata atleta nazionale Rugby

Gian Stefano Passalacqua Delegato CONI Ragusa

Videobank Spa

Il Galà dello Sport è stato organizzato dalla Sicilpool di Pippo Leone con la collaborazione del Comune di Trecastagni con in testa il sindaco Giovanni Barbagallo e gli assessori Raffaele Trovato e AlfioDi Paola; decisiva anche la collaborazione del Coni con cui si è cementato negli anni un rapporto di costante partnership, attraverso il delegato provinciale di Catania, Enzo Falzone. La serata presentata con verve e puntualità da Ruggero Sardo e da una sempre attenta Martina Leone ha offerto momenti di spettacolo con Danzamica di Conchita Condorelli.

IL PROLOGO CON LE ONORIFICENZE DEL CONI

Il rapporto consolidato fra il Galà dello Sport, giunto alla sua dodicesima edizione, e il Coni, diventa sempre più stretto.

La consegna delle onorificenze al merito per dirigenti sportivi e società, delle palme per i tecnici e delle medaglie per gli atleti ha rappresentato il migliore dei prologhi per il Galà

I PREMIATI

Stella d’argento dirigenti: Sergio Parisi (nuoto), Giovanni Strazzeri (judo e karate)

Stella di bronzo società sportive: Polisportiva Canottieri Catania, Randazzese baseball

Stella di bronzo dirigenti: Davide Bandieramonte (atletica), Ignazio Fonzo (calcio e impegno polisportivo), Filippo La Spina (calcio), Fabrizio Messina (canoa polo), Antonino Puleo (rugby), Michelangelo Sangiorgio (basket), Carmelo Strano (kick boxing), Cristina Vinci (motonautica)

Medaglia di bronzo atleti: Marco Busetta (terzo nel campionato europeo a squadre di parapendio), Giuseppe Coco (campione italiano di pesca sportiva), Marco Commisi (campione italiano di pesca sportiva per le attività marittime), Rocco Daniele Ficara (campione italiano di lotta greco romana, cat. 130 kg), Enzo Lo Piano (campione italiano di pesca sportiva), Francesco Lombardo (campione italiano di pesca sportiva), Katia Risicato (Campionessa italiana di lotta 48 Kg), Alberta Santuccio (Campionessa italiana di spada a squadre)

Medaglia d’oro atleti: Rosaria Aiello (pallanuoto)

Palma di bronzo: Agostino Tilotta (pallamano)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *