Giornata della memoria: Bianco al Cutelli depone “Pietra d’inciampo” in ricordo di Salanitro

Giornata della memoria:  Bianco al Cutelli depone “Pietra d'inciampo” in ricordo di Salanitro 

dav

Nel corso di una cerimonia, il sindaco Bianco e la preside Colella hanno ricordato la figura dell'ex professore del liceo deportato e assassinato a Mauthausen. Erano presenti l'assessore alla Scuola Mastrandrea, il professore Distefano e una delegazione di studenti, di radio cutelli, e il coro della scuola.

“La giornata della memoria significa  riflettere sui problemi che la nostra società ha avuto e ricordare le grandi personalità, anche della quotidianità, che con la loro vita esemplare hanno costruito mattonella su mattonella quello che è il paese di oggi”.

Lo ha detto il sindaco Enzo Bianco intervenendo alla  XVIII Giornata della Memoria organizzata dal liceo Classico Mario Cutelli, guidato dalla dirigente Elisa Colella,  nel ricordo dell'ex professore del liceo, Carmelo Salanitro, deportato e assassinato a Mauthausen nel 1945 per i suoi principi di libertà e democrazia. Nel corso della cerimonia, il sindaco Enzo Bianco e la preside Elisa Colella hanno deposto una mattonella commemorativa sul marciapiede davanti all'ingresso della sede di via Firenze, in sintonia con il progetto “Pietre d'inciampo”, dell’artista tedesco Gunter Demnig, che vede Catania prima città in Sicilia ad aderire. L'idea, già condivisa  da centinaia di città europee,  è quella di depositare, nel tessuto urbanistico e sociale una memoria diffusa dei cittadini deportati nei campi di sterminio nazisti e di sollecitare, con l'inciampo, un momento di riflessione. La mattonella è stata deposta in attesa di collocare l’opera originale realizzata dall’artista tedesco.

Erano presenti alla cerimonia, con il sindaco Bianco e la preside Colella,  l'assessore alla Scuola  Maria Ausilia Mastrandrea, il capo di Gabinetto Gian Luca Emmi, una delegazione di studenti del Cutelli, guidata dal professore Salvatore Distefano, che ha reso omaggio a Salanitro con alcune letture e un momento musicale. Virginia Indaco, della classe 3A, ha declamato la lettera che il docente scrisse alla madre nel 1943 dal carcere per spiegare il proprio sacrificio in nome di “un avvenire migliore e più giusto”, Maria Carla Merlo della 3E ha letto  “Se questo è un uomo” di Primo Levi, il coro del liceo ha  intonato il canto di tradizione ebraica Shalom Aleikhem. A documentare il tutto, i ragazzi della neonata Radio Cutelli Simone Lemmo, Claudio Grillo e Sofia Pappalardo.

La preside Colella, dopo aver letto una testimonianza della nuora del prof. Salanitro, Maria Salanitro Scavuzzo, impossibilitata a partecipare,  ha sottolineato ”di aver voluto una giornata della memoria che fosse non celebrativa ma un momento di conoscenza storica e riflessione nel ricordo doveroso delle vittime, e in particolare del sacrificio del prof. Carmelo Salanitro, docente del liceo  Cutelli, fulgido esempio di intellettuale che  nel 1940 per la sua attività pacifista e di difesa della democrazia e della libertà di pensiero, si schierò contro la guerra e per questo motivo fu denunciato, arrestato, processato e poi inviato a morire nel campo di sterminio di Mauthausen”.

“Ringrazio gli studenti di questa meravigliosa scuola – ha detto al termine dell'incontro Bianco -per aver voluto ricordare un grande protagonista della vita della città in un modo così semplice ma anche così intenso”.

Il testo dell’incisione della mattonella recita:

“Qui ha insegnato Carmelo Salanitro (1894-1945)

assassinato a Mauthausen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *