“Generazione Vintage” di Giusy Africano

L’autrice, attraverso i suoi pensieri pieni di rievocazioni per un fatto realmente accaduto, racconta la bellissima storia di un ragazzo inserita nel contesto degli    anni novantafront-copertina2

Dalla penna delicata della scrittrice catanese, Giusy Africano, ne è uscito fuori un romanzo avvincente a tratti drammatico. L’autrice, attraverso i suoi pensieri pieni di rievocazioni per un fatto realmente accaduto, racconta la bellissima storia di un ragazzo inserita nel contesto degli anni novanta, che vede infranti i propri sogni e progetti

Un giovane ragazzo con i suoi pruriti adolescenziali avvolti nella sua voglia di vivere dietro a un carisma per il suo amore per lei. Marco, come tanti giovani morti nel suo stesso periodo, non conoscerà l’avvento di internet o i voli low cost.

Forse ha vissuto gli anni del silenzio tecnologico, dove i sogni non andavano al di là di un tasto del tuo smartphone. Rimane la cicatrice e lo sconforto di una morte assurda, da chiedersi il motivo di tanta rabbia “divina” su un ragazzo in cerca di gloria.

Un incidente stradale spezzò la sua giovane vita, un frutto ancora acerbo, puro e genuino, appena raccolto dall’albero. Giusy Africano è riuscita a raccontare il vissuto di un’epoca in cui i giovani sfuggivano al conformismo, dove l’immagine da mettere in bella mostra, come si fa oggi, era celata dietro a una segretezza talvolta scomoda. Non era l’era di tanti fantocci messi in tv solo per denaro, erano gli anni novanta, gli anni dei diari segreti e della promessa d’amore riportata sul ciondolo di una collanina. Gli anni degli adolescenti cresciuti per quel domani che nessuno mai avrebbero immaginato di avere, nella ricerca di una passione che sfocerà nella voglia infinita di vivere.

La lettura è piacevole, senza fronzoli, inizi a leggere nella speranza di non arrivare mai alla parola FINE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *