GDF ROMA. INCONTRO CON LE SCUOLE SUL TEMA DELLA LEGALITA’ E DELLA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE

Dopo una breve presentazione dell’attività del Corpo nel settore, la giornata è proseguita con la proiezione del docufilm “La fabbrica fantasma”

IMG_20190213_161456_489

250 studenti degli Istituti di Istruzione Secondaria di Secondo Grado del Lido di Ostia-Roma hanno partecipato, presso la Scuola di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza, a una giornata di incontro per parlare di legalità e rispetto delle regole, approfondendo il tema della lotta al falso, alla pirateria e ai fenomeni illeciti a questa connessi. La contraffazione colpisce gravemente il sistema produttivo globale e nazionale ed è un catalizzatore e un moltiplicatore di illegalità, in quanto connesso a numerose attività illecite, quali il lavoro nero – anche minorile – l’evasione fiscale, il commercio abusivo, il riciclaggio, lo sfruttamento dell’immigrazione clandestina, gli interessi della criminalità organizzata.

L’OCSE, in un documento del 2016 riferito al 2013, ha stimato il valore del commercio internazionale di merci contraffatte in 461 miliardi di dollari, pari a circa il 2,5% del totale degli scambi mondiali. Il CENSIS, di recente, ha pubblicato una stima aggiornata del fatturato della contraffazione in Italia per il 2017, pari a 7 miliardi e 208 milioni di euro.

IMG_20190213_161453_994

La Guardia di Finanza, quale Forza di Polizia economico-finanziaria e Polizia giudiziaria a competenza generale, con una forte proiezione a contrasto dei traffici illeciti, anche sul piano internazionale, sviluppa un’ampia azione operativa contro questo grave fenomeno fondata sul presidio delle frontiere terrestri e marittime, sul controllo economico del territorio, del mare e dello spazio aereo sovrastante, sulle attività investigative volte a ricostruire l’intera filiera del falso ed i canali di finanziamento e di reinvestimento dei proventi illeciti conseguiti, nonché sui dispositivi permanenti di contrasto alle reti di venditori abusivi di merce contraffatta, pericolosa e lesiva del “made in Italy”, nelle aree urbane e nelle zone a maggiore vocazione turistica.

Dopo una breve presentazione dell’attività del Corpo nel settore, la giornata è proseguita con la proiezione del docufilm “La fabbrica fantasma” del regista Mimmo Calopresti – che ripercorre in maniera efficace tutta la filiera criminale della contraffazione – e, infine, con la rappresentazione teatrale “Tutto quello che sto per dirvi è falso” di Andrea Guolo e con protagonista l’attrice Tiziana Di Masi.

Coinvolgendo i ragazzi presenti (degli Istituti Enriques, Labriola, Faraday, Anco Marzio, Carlo Urbani e Toscanelli) e raccontando il “falso quotidiano”, che viene ogni giorno proposto in diverse forme, l’attrice ha saputo catturare l’attenzione della platea; il modo più efficace e diretto per far conoscere e approfondire temi così complicati. Considerata la finalità “educativa” e “sociale” dell’iniziativa didattica, nel corso dell’incontro è intervenuta la Prof.ssa Giuliana di Pillo, Presidente del Municipio Roma X, che, al termine dell’evento, ha, tra l’altro, commentato: “Una giornata importantissima per il nostro territorio e per questo ringrazio la Guardia di Finanza…per averla organizzata e per aver scelto come platea quella di giovani studenti. Sono loro infatti i destinatari principali di un messaggio che può portare ad un processo virtuoso così da contrastare la mostruosa macchina della contraffazione e del falso”.

La giornata si inserisce in un ciclo di approfondimenti mirati sul tema della contraffazione che vedrà interessati, il prossimo 26 febbraio, i corsi in atto presso la Scuola di Polizia Economico-Finanziaria e gli altri Istituti d’Istruzione del Corpo, nonché gli studenti di alcuni Atenei della Capitale, in una giornata di studi dedicata all’approfondimento tecnicogiuridico dei principali strumenti normativi per il contrasto al fenomeno nelle sue molteplici manifestazioni, con l’intervento di magistrati ed esperti del settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *