Fisica e fotografia: i laboratori di tutto il mondo aprono le porte

I principali laboratori scientifici di tutto il mondo annunciano oggi, 14 marzo, la competizione fotografica internazionale del photowalk per la fisica

photowalk

L’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) partecipa all’iniziativa, aprendo le porte a fotografi amatoriali e professionisti di tutti i suoi laboratori nazionali: i Laboratori Nazionali di Frascati, del Sud, di Legnaro e del Gran Sasso. Alla stessa iniziativa partecipano tante istituzioni di ricerca in tutto il mondo: dall’Asia all’Australia, dall’Europa al Nord America, dando agli appassionati l’opportunità di conoscere la scienza da dietro le quinte di un laboratorio.

La competizione è promossadal più grande network al mondo di comunicazione di fisica delle particelleINTERACTIONS e supportata dall’inglese Royal Photographic Society (RPS). Sarà articolata in due momenti: una gara nazionale e una globale. Le foto che vinceranno la competizione nazionale saranno inviate a una giuria internazionale, che selezionerà le foto finaliste. Le vincitrici saranno invece individuate attraverso un voto pubblico.

“Aprire le porte dei principali laboratori di fisica al pubblico ci permette di condividere l’entusiasmo di fare scienza.” Dichiara Fernando Ferroni, presidente dell’INFN. “È per questo che abbiamo aderito con convinzione all’edizione 2018 del photowalk e siamo curiosi di scoprire come i fotografi amatoriali e professionisti, che aderiranno a quest’iniziativa, sapranno cogliere l’arte che si cela nei nostri esperimenti.”

“Questa iniziativa rappresenta una festa dedicata alla bellezza stupefacente della scienza.” Racconta Mark Richardson, presidente della commissione scientifica della Royal Photographic Society, e continua: “Le migliori ricerche scientifiche al mondo sono frutto di collaborazioni internazionali, un melting-pot di conoscenze e competenze che mira a migliorare la società e l’economia globale. Il photowalk è un’opportunità, permette di catturare, scatto dopo scatto, il lavoro che si cela dietro i migliori laboratori scientifici al mondo.”

Oltre ai laboratori italiani, parteciperanno all’iniziativa anche il CERN, laboratori sotterranei negli Stati Uniti, in Australia e nel Regno Unito, e laboratori in Giappone, in Canada e, per la prima volta, anche in Cina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *