Eurobasket: un’Italia monumentale ‘mata’ la Spagna

Partita perfetta degli azzurri che battono la “roja” favorita e tornano in corsa per la qualificazione. Belinelli e Gallinari super, oggi pomeriggio (ore 17:45) ci sarà la Germania.

Strepitosa. Non esiste altro termine per descrivere la prestazione degli azzurri contro la Spagna nella serata di ieri, in una Berlino che si è nuovamente tinta di azzurro a 9 anni di distanza. Dopo la sconfitta all’esordio contro la Turchia e la vittoria sofferta sull’Islanda, arriva la prima prestazione convincente dei ragazzi di Pianigiani. 105-98 il risultato finale di una gara combattuta fino all’ultimo, o almeno fino a quando Marco Belinelli (27) e Danilo Gallinari (29) non hanno deciso di trasformarsi in extra terrestri; non bastano i 34 punti di Paul Gasol tra gli spagnoli, adesso il discorso qualificazione è totalmente riaperto.

Match che inizia subito forte, canestri su canestri, sorpassi e controsorpassi per arrivare all’intervallo lungo in perfetto equilibrio, con gli iberici avanti per 45-42. Ma il meglio deve ancora arrivare; nel secondo tempo gli azzurri sfornano una prestazione stellare, merito soprattutto dei tre tenori militanti in NBA. Belinelli e Gallinari iniziano a bombardare il canestro avversario da ogni posizione e Bargani (18), nonostante i quattro falli a carico, da una grossa mano ai suoi compagni sia in attacco che in difesa.

L’Italia rimonta lo svantaggio e si porta a +7 a pochi secondi dalla fine del terzo quarto, prima che il campione dei Sacramento Kings  porti il punteggio sul 73-63 grazie a una ‘bomba’ sulla sirena che fa impazzire i tifosi azzurri presenti alla Mercedes-Benz Arena.

Nell’ultimo periodo la Spagna prova a reagire riducendo il distacco fino al -4, ma ancora Belinelli (7 su 9 dall’arco e 25 punti su 27 nel secondo tempo) e, soprattutto, un devastante Gallinari tengono gli azzurri a distanza di sicurezza fino al termine della gara per il definitivo +7. Va sottolineata comunque l’ottima prestazione dell’intero gruppo, da Gentile (13) ad Aradori (11), fino a Melli (4) e Cusin (3). Oggi pomeriggio sarà la volta della Germania padrona di casa, ma adesso l’Italia non ha più paura di nessuno. Adesso ci crediamo tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *