Erling P. Strand a Catania: grande disquisizione sui Fenomeni delle Luci Telluriche di Hessdalen

CATANIA – Attesa presenza a Catania, organizzata dal CUN Sicilia insieme con Globus Magazine, Lions Faro Biscari e Kiwanis Centro, di uno dei fondatori del Progetto Hessdalen

Grande e attesa presenza in Sicilia del prof. Erling P.Strand, esperto di fenomeni atmosferici sconosciuti, viaggio insulare culminato in due partecipatissime conferenze a Catania e Messina, per disquisire insieme sul Fenomeno delle Luci Telluriche di Hessdalen (Norvegia). Lo scorso 21 marzo Erling, prima della conferenza serale, è approdato anche a Globus Radio Station per una strepitosa intervista radiofonica.

Organizzato e promosso dal CUN Sicilia (Centro Ufologico Nazionale), in collaborazione con i Club Service Lions Club Catania Faro Biscari e Kiwanis International Catania Centro e con l’Associazione Sinuhe Third – Globus Magazine, l’atteso appuntamento catanese si è svolto presso la Sala Pegaso dello Sheraton Catania Conference Center.

Dopo i saluti di rito del Presidente del Kiwanis, d.ssa Rosaria Leonardi e del Lions, dr. Giuseppe Bellofiore, è stato onere ed onore del Presidente del CUN Sicilia, dr. Attilio Consolante, entrare nel vivo della serata, disquisendo in merito a “Misteri di Sicilia, da Canneto di Caronia a Tremonzelli”. ‘Già al 2004 risalgono le prime, apparentemente spontanee, autocombustioni nella zona di Caronia (ME), ma solo nel 2005 si cominciò a dedicare ai fenomeni, che sempre più spesso si verificavano, la dovuta attenzione. Numerosi strani oggetti erano anche stati avvistati nel cielo, proprio in quella zona: che connessione poteva mai esserci tra i due fenomeni?…Tante le ipotesi che furono avanzate, ma la magistratura ben presto archiviò i casi…Anche la Galleria di Tremonzelli meriterebbe la sua attenzione: macchine andate in fiamme, centraline elettriche bruciate, persone che dichiarano di esser state seguite in galleria da oggetti luminosi…C’è qualcosa che davvero non riusciamo ancora a spiegarci…’.

Giusto un assaggio, squisitamente stuzzicante, per introdurre gli altrettanto “strani” fenomeni ampiamente snocciolati dall’esperto relatore Erling: “The Hessdalen Phenomena, what has been done to find the solution on ‘what is it?’

Non vogliamo parlare semplicisticamente di UFO: noi preferiamo definirli “Fenomeni di Hessdalen” (Norvegia) e soprattutto “fenomeni”, al plurale. Perché si tratta di una serie svariata di avvistamenti. Basti pensare che nell’arco temporale che va dal dicembre 1981 all’estate 1984 quella zona è stata caratterizzata da circa 20 avvistamenti alla settimana…Oggigiorno, invece, vi sono pressappoco 20 avvistamenti l’anno…Si tratta di “luce”, che assume diversi aspetti e forme. L’estate dell’83 ha visto nascere il primo progetto di investigazione con letture strumentali, che confermò i fenomeni della zona, mentre risale al 1994 il secondo progetto, consistente in una stazione di misurazione automatica, resa attiva solo nel ’98…Vaste aree di questa zona hanno registrato strani fenomeni di luci, che rimanevano immobili – o pulsanti –  per parecchi ore sospesi sulla terra sottostante, creando strane ombre nelle montagne circostanti. Perché stiamo parlando di una vasta zona montuosa e quasi disabitata: non si può, quindi, pensare a luci derivanti da abitazioni, dato che non ce ne sono in quella zona, ma sono vere e proprie luci che sembra escano dalla montagna…’.

La serata si è conclusa con la consueta consegna dei guidoncini al relatore da parte dei Presidenti dei Club presenti.

Una conferenza che ha lasciato molti incuriositi, questo è certo, ma anche con il naso all’insù, nella curiosa speranza – o forse paura- di vedere qualcosa nel cielo, magari anche solo qualche luce sospetta…

Erling Strand

Erling Strand è nato nel 1955 e ha ottenuto nel 1981 la Laurea M.SC.EE. presso l’Università Norvegese di Scienza e Tecnologia (www.ntnu.edu). Ha lavorato dal 1981-1985, come “Research Fellow”, esperto di reti a fibre ottiche, presso il dipartimento di ricerca ” Telefon standard og Kabelfabrikk “. Dal 1985 al 1988 ha lavorato come “Research Manager” presso l’EDAS Maalesystemer AS, nello sviluppo di stazioni di misura automatiche. Dal 1988 è docente (Assistant Professor), presso la School of Computer Sciences, University College Østfold (www.hiof.no). É anche uno dei fondatori e dal 1993 project manager, del Progetto Hessdalen, che, come compito principale, ha quello di studiare le misteriose luci nella valle di Hessdalen in Norvegia ( www.hessdalen.org ). Il suo lavoro con le UAP (Fenomeni Atmosferici Sconosciuti ) ad Hessdalen è iniziato nel 1983, quando è stata fondato il Progetto Hessdalen. Ha avuto la responsabilità della parte scientifica e tecnica delle due ricerche sul campo, eseguite nel 1984 e nel 1985. Egli è l’ autore del rapporto della prima ricerca sul campo del 1984: « Progetto Hessdalen 1984 – Relazione tecnica finale»

(http://www.hessdalen.org/reports/hpreport84.shtml).

Nel 1988, una stazione di misura completamente automatica, è stato messa in funzione nella valle di Hessdalen . In questo luogo dal 2002 si effettuano “Campi Scientifici”, dove i giovani studenti trascorrono una settimana, alla ricerca della UAP, con a disposizione numerosi strumenti di misura.

Erling Strand ha partecipato a più di 80 diversi programmi televisivi, 100 programmi radiofonici e ha tenuto più di 130 Conferenze sui risultati e le attività del Project Hessdalen.
Tra i canali TV dove è stato ospite ricordiamo la National Geographic TV, Discovery TV, NRK Norvegia, TV2 Norvegia, TV3 Norvegia, TV Norvegia, SVT in Svezia, TV4 Svezia, Channel 4 Inghilterra, Rai2 e Rai TV in Italia, NHK Giappone, Canal + Francia e ARD Germania.
Erling Strand ha relazionato in merito al lavoro del Progetto Hessdalen in tutto il mondo tra cui presso:NTNU Norvegia, UIT Norvegia, UiO Norvegia, UMB Norvegia, FFI Norvegia, CNR Italia, CNES in Francia, Østfold University College Norvegia, SLAC di Stanford USA, UCLA Stati Uniti d’America, Kurchatov Institute Russia, GAUS, CUN Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *