Emozioni in musica al Teatro Mandanici con gli Jarabe de Palo

Sabato 24 marzo gli Jarabe de Palo in concerto al Teatro Mandanici in occasione del tour internazionale per i vent’anni di carriera del gruppo e i cinquanta del suo fondatore Pau DonésLocandina

Belle atmosfere e buona musica nel segno degli Jarabe de Palo, una singolare alchimia di note durante il concerto tenuto al Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto, sabato sera 24 marzo 2018, una delle tappe, unica in Sicilia, del tour internazionale “50 Palos” con cui la band festeggia i vent’anni di carriera a partire già dall’anno scorso.

Il gruppo di Pau Donés (voce e frontman del gruppo), attualmente composto insieme ad Andrea Amador (violoncello), Jaime de Burgos (pianoforte e tastiere) e Jordi Vericat (basso) celebra i vent’anni di spettacolo sulla platea internazionale insieme al traguardo dei cinquant’anni del leader del gruppo.

Jarabe_de_Palo 1

Una ricorrenza che andava festeggiata nel migliore dei modi dal momento che Donès negli ultimi tempi ha dovuto fronteggiare e sconfiggere il cancro per ben due volte. Nel 2017 è uscito infatti l’album “50 Palos” che scala le prime posizioni delle hit parade per diverse settimane ed è stato anche pubblicato il libro di Pau Donés, “50 stick”, giunto già alla quinta edizione.

Sicuramente un importante evento musicale di carattere internazionale quello a cui si è assistito in quasi due ore di concerto, con la calda e delicata eleganza delle note latine dei loro brani, tra i più famosi e no, rivisitati, per l’occasione della tournée, in una nuova veste fatta di piano, archi e voce: nuovi arrangiamenti che nascono dalla voglia di presentare i brani al pubblico così come sono nati, nel loro stato più puro.Jarabe_de_Palo 2

È così, infatti, che dal palco ha spiegato lo stesso leader del gruppo, Pau Donés, comunicando a nome di tutta la band quanto fossero felici di essere in Sicilia: “Non crediate che gli artisti dicano queste frasi ovunque vanno. Vi dico, veramente col cuore, che siamo contentissimi e felicissimi di essere qui perché noi amiamo tantissimo quest’isola e vi dico il perché…, perché io sono di Barcellona e non importa quale Barcellona sia, se di Catalogna o di Sicilia…” – scherza Pau Donés, gioca sulle due Barcellona e ha ricordato anche il profondo legame del gruppo con la nostra terra – “Ricordo che tanti anni fa il primo big tour lo abbiamo fatto in Sicilia perché il nostro produttore, di nome Pompeo, che noi con simpatia chiamavamo “Pomodoro”, era, se ricordo bene, di Palermo, ed è stato il primo a chiamarci in Italia e quindi il primo rapporto con l’Italia, riguardo al tour, è partito proprio da qui, dalla Sicilia, ed è qui che oggi siamo venuti a celebrare i 20 anni del gruppo insieme ai miei 50 anni con tante canzoni, quelle conosciute e quelle un po’ meno, e le presentiamo così come sono nate ovvero nella versione a strumento e voce…”.Jarabe_de_Palo 3

Ed è partito così l’avvolgente viaggio musicale dei Jarabe de Palo (con Pau Donés voce, chitarra e percussioni) attraverso lo scorrere dei brani che dal palco hanno donato emozioni, segnate anche da appropriate sequenze di essenziali giochi di luce: “Mucho más mucho mejor”, Dicen”,Tiempo” e anche i momenti di “Depende”, “Bonito”, “Déjame vivir”, la famosissima “La flaca” e tanti altri pezzi del loro ricco repertorio. Tra un brano e l’altro, circa una ventina, Pau ha raccontato alla platea anche delle storie legate ai loro concerti, alla loro terra, alla sua vita e particolarmente toccante è stato il momento in cui ha narrato di come: Noi siamo maggiormente conosciuti per le nostre canzoni d’amore, perché a me è sempre andata malissimo con le donne, e ogni volta che una donna mi lasciava io ho fatto una canzone, come per inventarmi una strategia per farla tornare e questa strategia è sempre andata malissimo… Due anni fa ho scritto una canzone per uno dei più grandi amori che ho avuto che è precisamente la vita… Ho scritto Con Pau Donés 4questa canzone proprio quel giorno che pensavo che la vita partiva da me, pensavo che la vita mi lasciava, come tante altre donne e tanti altri amori e allora ho scelto una canzone come strategia e questa volta è riuscita bene” e quindi ci ha regalato la bellissima ed emozionante “Fumo”, singolo del gruppo spagnolo  che ha visto la collaborazione con Kekko Silvestre, frontman del gruppo Modà.

Tante infatti le collaborazioni in questi “20 anos” con gli artisti italiani (Jovanotti, I Nomadi, Francesco Renga, Nicolò Fabi, Noemi, Kekko dei Modà, etc…) che Pau Donés ha voluto ricordare con vero piacere alla fine del concerto e proprio durante le calorose richieste dei bis ha eseguito (a segno del forte legame con gli artisti italiani) anche “Come un pittore”, il singolo dei Modà, brano che nel 2012 lo ha visto partecipe insieme a Kekko Silvestre, in cui ha cantato interamente in italiano.

Dal palcoscenico quindi forti energie, profonde emozioni e una felice e bella occasione che è stata offerta al pubblico per ritrovare gli Jarabe de Palo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *