Dolores O’Riordan, un anno fa la sua morte, una morte che non fa più rumore

Morte accidentale avvenuta in una vasca d’hotel per abuso di alcolici. Non fu un suicidio come qualcuno pensò al momento del ritrovamento del corpo

181804358-c5169f01-ad12-4935-a251-fcf17619ebf4

Morte accidentale avvenuta in una vasca d’hotel per abuso di alcolici. Non fu un suicidio come qualcuno pensò al momento del ritrovamento del corpo. Dolores O’Riordan, frontwoman dei Cranberries, la voce d’Irlanda che sognava il rock, morta un anno fa all’età di 46 anni, non voleva mettere fine alla sua esistenza, fu una morte causale.

La sua fu una vita segnata dai tanti successi discografici e da grandi dolori legati alla sua infanzia, il rapporto difficile con la fede cattolica, un abuso in famiglia da ragazzina e l’anoressia, faranno di lei una donna fragile dentro ma forte allo stesso tempo nei rapporti con una vita desolata che non voleva lasciarla vivere. “Durante l’adolescenza o decidi di ribellarti al tuo mondo o lo assecondi. Io non mi sono ribellata perché mi piace la musica da chiesa. Ma non mi hanno permesso di entrare in un gruppo rock fino alla fine della scuola” .

do

La sua carriera è ricca di collaborazioni con illustri colleghi inglesi e italiani, proprio in Italia dove amava tornare per esibirsi davanti ai suoi tanti ammiratori. Nel nostro Paese debutta con Zucchero e Giuliano Sangiorgi. Fu amore discografico ricambiato tempo dopo al “Pavarotti & Friends”.

La sua musica vera, dai tratti malinconici, come Zombie e Ode to my family, sono singoliispirati alle atmosfere degli accordi di chitarra degli Smiths. Era il 1993, il gruppo partì per l’America piccoli e tornarono da Star acclamati nella loro Irlanda. Negli Usa fecero da spalla alla band di successo Suede, qualcuno li notò e le radio iniziarono a trasmettere i loro brani considerati trasgressivi nel loro Paese.

La band si prepara nell’uscita dell’album postumo “In the end”, anticipandolo con il brano “All over now”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *