“Direzione Una marina di libri”: doppio appuntamento con la scrittrice Nadia Terranova

Comincia il percorso di avvicinamento all’undicesima edizione di “Una Marina di libri” che si svolgerà a Palermo dal 4 al 7 giugno 2020.

Nadia_Terranova

Il progetto “Un mare di storie”, proporrà con cadenza mensile incontri con autrici e autori italiani. Si comincia l’8 gennaio con un doppio appuntamento con la scrittrice Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, che sarà coinvolta in un doppio appuntamento: alle 11.00, nell’Aula magna del plesso Ferrara (ICS Amari-Roncalli-Ferrara), Piazza Magione, 1, incontrerà gli alunni e i docenti dell’Istituto prendendo spunto da libro “Omero è stato qui” (Bompiani), storie dello Stretto tratte dal mito (Scilla e Cariddi, Dina e Clarenza, i morti del terremoto del 1902) con le illustrazioni di Vanna Vinci; alle 17.00nella chiesa di Sant’Euno e San Giuliano a piazza Magione, la scrittrice presenterà in dialogo con Sara Scarafia il suo ultimo saggio “Un’idea di infanzia. Libri, bambini e altra letteratura” (Italo Svevo Edizioni).

Il libro raccoglie alcuni articoli pubblicati da «Il Foglio», «La Repubblica», «Robinson» a firma di Nadia Terranova, tra le autrici più in vista delle nuove generazioni, che ha fatto della letteratura per ragazzi l’oggetto principale della sua scrittura e della sua attenzione critica. Pinocchio, l’adolescenza, il male e le figure nei libri; Maurice Sendak e Suzy Lee, Vanna Vinci e Franco Matticchio: il libro va oltre le questioni affrontate di volta in volta, offrendoci una precisa idea di infanzia che va di pari passo a una altrettanto precisa idea di letteratura.

L’ingresso è libero. Sarà rilasciato un attestato di partecipazione a tutti i docenti intervenuti.

Un mare di storie” è un progetto di promozione alla lettura promosso dall’Ics Amari -Roncalli Ferrara, in collaborazione con Dudi – libreria per bambini e ragazzi – e CCN Piazza Marina & dintorni con il sostegno di MiBACT e SIAE all’interno dell’iniziativa “Per chi crea”, che coinvolge circa 200 studenti dai 5 ai 13 anni. A partire dalla lettura di testi narrativi che abbiano come filo conduttore il mare – emblema letterario del viaggio -, da gennaio a maggio gli studenti di sei classi guidati da Gisella Vitrano, Serena Ganci e Beatrice Gozzo trasporranno ciascun testo in un’altra forma letteraria: da un romanzo a una canzone, a un testo teatrale, a una graphic novel. Il risultato dei lavori sarà pubblicato e poi presentato a Palermo a giugno 2020 per l’XI edizione del festival Una marina di libri.

La scelta del tema “il mare” non è casuale: elemento naturale che ha affascinato gli scrittori di tutti i tempi, strettamente connesso al topos del viaggio, solcato da eroi e santi, legato a miti e leggende, oggi raccontare il mare significa anche riflettere sulle tragedie delle migrazioni, sui diritti negati di chi decide di attraversare il Mediterraneo, sfuggendo a guerre, ingiustizia sociale, dittatura o povertà, e in mezzo al mare spesso trova tristemente la morte.

Il progetto prevede anche visite a festival, librerie, biblioteche e case editrici, la partecipazione a spettacoli teatrali, il potenziamento della biblioteca scolastica e un ciclo di incontri con gli autori aperti alla cittadinanza: dopo Nadia Terranova il calendario degli incontri con gli autori proseguirà con Marco RizzoLelio Bonaccorso (a febbraio), Giuseppe Catozzella (a marzo), Carola Susani (ad aprile).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *