David Bowie produrrà un musical ispirato a “L’UOMO CHE CADDE SULLA TERRA”

Il Duca Bianco, al secolo David Bowie, torna a far parlare di sé, stavolta in veste di produttore di musical.

Dopo quasi quarant’anni dal film che ha segnato il debutto cinematografico di David Bowie “L’uomo che cadde sulla Terra”, viene oggi riadattato in versione musical e avrà come titolo “Lazarus”.

Il poliedrico Bowie ha rivelato un’altra “sorprendente dimensione” del suo talento. Lo abbiamo conosciuto come cantante, cantautore polistrumentista e attore, ma questo “tassello” mancava alla biografia di questo impareggiabile artista.

Per la realizzazione dello spettacolo che sarà ispirato all’inquietante romanzo di fantascienza “L’uomo che cadde sulla Terra”, scritto da Walter Tevis nel 1963, Bowie collaborerà con il drammaturgo irlandese Enda Walsh.

Thomas Newton, lo straniero proveniente dal pianeta Anthea che scende sulla Terra per trovare il modo di salvare il suo popolo, è la figura-chiave dello spettacolo che conterrà nuove canzoni di David Bowie e nuovi arrangiamenti della colonna sonora che venne utilizzata nel film che Nicolas Roeg produsse nel 1976, ma il ruolo del protagonista non verrà interpretato dal Duca Bianco e la regia sarà affidata all’olandese Ivo Van Hove.

Non so se definirlo musical sia il termine più appropriato– afferma il direttore artistico del New York Theatre Workshop, in un intervista al New York Times sta crescendo come un gioco con personaggi e canzoni che io chiamo “teatro musicale”, ma non so davvero che forma stia prendendo. Ho soltanto un’incredibile fiducia nella loro versione creativa”.

David Bowie ha già calcato le scene di Brodway nel 1980 quando per tre mesi fu “L’uomo elefante” nei teatri di New York, lasciando la critica entusiasta della sua egregia interpretazione. Ma siccome non finisce mai di stupire, ha deciso dopo 35 anni di riprendere questo cammino, lasciando tutti, fans e non, a bocca aperta e con la trepidante attesa di rivederlo sul palcoscenico, in un’altra delle sue “dimensioni” artistiche e umane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *