Cutgana, presentato il progetto “Pianeta&Salute”

Un progetto di divulgazione scientifica rivolto a studenti, cittadini, enti pubblici e privati sulle problematiche ambientali che affliggono il Pianeta e in particolar modo sugli effetti negativi sull’uomo e sulla sua salute.

Logo

Promosso dal centro di ricerca universitario Cutgana – in collaborazione con il Laboratorio di Igiene Ambientale e degli Alimenti del Dipartimento “Ingrassia” e con l’Area della Terza Missione-Trasferimento tecnologico dell’Università di Catania -, il progetto multidisciplinare “Pianeta&Salute” è stato presentato oggi.

Ad illustrarlo la responsabile del progetto, la prof.ssa Margherita Ferrante, insieme con la referente e coordinatrice, dott.ssa Natalia Leonardi.

«Il progetto è finalizzato alla diffusione tra la collettività, in particolar modo gli studenti di ogni ordine e grado, dei risultati delle ricerche e delle scoperte effettuate nei laboratori del nostro ateneo nel campo della prevenzione e della riduzione dei rischi per la salute derivanti dall’inquinamento ambientale e della cultura della salute, come qualità della vita, con un confronto tra diversi ambiti disciplinari per individuare le problematiche ambientali che determinano la salute del singolo e della comunità – ha spiegato la prof.ssa Ferrante -. La “Salute”, infatti, non è solo l’assenza di malattie, ma è “lo stato di completo benessere fisico, mentale e sociale dell’uomo” così come recita la definizione di “Salute umana” dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ovvero l’uomo visto in un equilibrio dinamico fra le dimensioni del corpo, della mente, dell’ambiente e della società anche se la salute dell’uomo ha anche altre due dimensioni: la conoscenza e la prevenzione».

«Con una corretta informazione sarà possibile prevenire i rischi che riguardano il binomio ambiente e salute – ha spiegato la dott.ssa Natalia Leonardi – L’obiettivo è inserire nel sistema educativo-formativo tutte le azioni finalizzate a rendere lo studente e il cittadino “soggetti civili” in grado di gestire, con consapevolezza e responsabilità, stili e abitudini di vita e di individuare tutti quei comportamenti che, interagendo con l’ambiente, possono causare danni alla salute. Tra i temi che saranno affrontati ci saranno la prevenzione dei rischi ambientali, i microinquinanti, farmaci e ambiente, pesticidi, alimentazione, acqua e rifiuti».

Per il triennio 2019-2021 la tematica di ricerca principale sarà lo studio della “Microplastica” e delle cause e conseguenze della dispersione in ambienti marini e terrestri e del bio-accumulo di sostanze inquinanti derivanti dalla loro ingestione.

Sarà effettuato uno studio sulle varie componenti ambientali (acqua, aria e suolo) e viventi (animali e vegetali) per rilevare eventuali influenze relative all’assorbimento di microplastiche derivanti dalla cattiva gestione dei rifiuti. I dati saranno confrontati con quelli effettuati nelle riserve naturali gestite dal Cutgana. Gli studenti saranno coinvolti in una serie di attività in cui potranno confrontarsi sulle varie tematiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *