Cucina, tradizione e sapori in “Ciuzz the book”: il libro di Lucia Mazzullo

Dal 19 Al 22 marzo si è svolta presso il Parco Commerciale “Le Zagare” la 3° festa del libro, piena di momenti di avvicinamento alla lettura e di scambio, uno degli incontri più importanti è stato quello del 19 Marzo con Lucia Mazzullo e il suo “Ciuzz the Book – Quattro stagioni di cucina siciliana”.

 

Un libro che raccoglie le ricette della tradizione siciliana, ricco anche di molti consigli, a moderare l’intervento della giornalista Antonella Guglielmino, direttore responsabile di Globus Magazine, che già aveva presentato il libro in settembre.

Lucia Mazzullo insegnante presso le Città del Gusto del Gambero Rosso di Catania e Palermo è anche uno dei cinque chef dell’Accademia del Sapore Lagostina ed ha avuto modo di rappresentare la Sicilia in numerose manifestazioni enogastronomiche. Ma non nasce come chef, questa sua passione torna a galla quando si confronta con alcuni colleghi della facoltà di chimica e decide di unire le sue conoscenze in qualcosa di nuovo e gustoso.

Ai fornelli cerca sempre l’alchimia fra gli ingredienti che abbina alla perfezione, ma dalle sue parole si percepisce soprattutto una dedizione amorevole verso la cucina.

A 11 anni su un piccolo libriccino inizia ad annotare tutte le ricette che la incuriosiscono di più, guidata dalla nonna che l’ha istruita alla tradizione siciliana, il nonno di Amatrice e la madre sarda, tutti hanno influito e le hanno permesso di avvicinarsi a tradizioni culinarie diverse fra loro ma importanti. Oggi dunque quello che troviamo nel libro lo dobbiamo alla sua esperienza ma soprattutto alla sua curiosità, Lei stessa di definisce una “curiosa del cibo”.

Traspare chiaramente da ogni ricetta l’amore per il semplice, l’importanza della stagionalità degli ingredienti e il rispetto per l’ambiente.

Infatti Lucia si impegna in numerosi modi a promuovere non solo la Sicilia e il suo territorio ma soprattutto per sensibilizzare al rispetto dell’ambiente e alla scelta di ingredienti stagionali. “Quando l’uomo comincerà a capire cos’è la stagionalità inizierà a distruggere di meno e guadagnare di più”.

Alla domanda in che spezia ti rispecchi Lucia risponde “il peperoncino” perché a volte ne senti il bisogno e può essere l’ingrediente chiave, come il suo libro nelle vostre librerie, il suo cibo preferito però è il pesce che ha largo spazio nel libro. “Abbiamo più di 1300 km di coste e trovare della carne buona ormai è difficile quindi il pesce diventa la scelta migliore” vi troviamo però anche alcuni primi e le ricette di dolci classici, come il cannolo, perché “per il dolce troviamo sempre uno spazio noi Siciliani”.

Della tradizione oltre ad aver recuperato alcune ricette quasi dimenticate come le cotolette di peperoni ne preserva l’importanza culturale, dice infatti di “lasciare le ricette vecchie così come sono, soprattutto se importanti” perché “La cucina è gioco e passione, ma bisogna conoscerne le regole e rispettarle!

Solo l’esperienza può spingerti a creare qualcosa di nuovo, per questo legge molto e studia continuamente nuovi abbinamenti, ma si diverte anche ad offrire consulenze in giro per la Sicilia.

In conclusione dice “abbiamo tutti i mezzi necessari per godere della cucina”. Se riusciremo ad usarli dipende solo da noi, e i suoi consigli, i “ciuzzytrucchi” ci possono sicuramente aiutare. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *