Concerto in diretta streaming di Aida Satta Flores dedicato ad Aurelio Pes, Lelio Giannetto, Lello Sanfilippo e al piccolo Joseph, morto a soli 6 mesi nel Mare Mediterraneo

In programma alle 18.30 di oggi, lunedì 28 dicembre, dalla Cattedrale di Palermo. Un  evento con il patrocinio dell’assessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana.

Corrono sul filo dell’emozione palpabile le ore che precedono il concerto in streaming che l’Aida Satta Flores & Band con l’Ensemble d’archi diretto dal M° Valter Sivilotti terrà alle 18.30 di oggi, lunedì 28 dicembre, dallo splendido Complesso Monumentale della Cattedrale di Palermo.

d’Istanti” è il titolo di questo evento patrocinato dall’ Assessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana, dall’Arcidiocesi di Palermo Chiesa di “Maria S.S. Assunta” della Cattedrale di Palermo, e dall’associazione “Arte Senza Fine”.

Un concerto che va considerato come vero e proprio progetto culturale e musicale - al quale collaborano il M° Valter Sivilotti, che ha arrangiato tutti gli archi e ha la Direzione musicale, e la band internazionale dei Radiodervish - che prevede anche la realizzazione del videoclip a cura di Pietro Trippodo del primo singolo inedito “Senza voce, che sarà interamente girato in Cattedrale anticipando la pubblicazione, nel 2021, del CD+VINILE+DVD live “d’Istanti’.

«D’istanti è un progetto con il quale voglio chiedere scusa a nome di tutti alla nostra Signora Terra, a Capitan Mare e al Santo Cielo – spiega Aida Satta Flores - per avere trattato troppo male la nostra casa comune che è il Pianeta. Lo dedico non solo ai disagiati, a tutti coloro i quali si trovano nelle RSA, ma anche a tre pietre miliari, tre musicisti, tre artisti che non potremo mai dimenticare e ai quali vanno dei saluti speciali: saluto te, Aurelio Pes, che sarai sicuramente tutto di bianco vestito nei tuoi boschi tutti d’oro; saluto te, Lello Sanfilippo, che starai vagando con le rondini di Lucio Dalla dentro ai fili di una radio blu;  saluto te soprattutto, Lelio Giannetto, che avrai trasformato il Paradiso in un giardino sonoro, facendo impazzire e danzare tutti gli angeli col tuo contrabbasso.

Una cattedrale, e quella di Palermo ci emoziona, non è la pietra ma il cuore umano. Se ogni persona, soprattutto in questo periodo di disperazione e di lontananze, di crisi  economica, riesce ad accendere la propria luce interiore, anche un tugurio, pure la stanzetta di una RSA diventa una cattedrale. Sono felice e onorata di fare un concerto insieme a delle eccellenze siciliane, ringraziando per questo anche l’assessorato regionale che ci offre questa opportunità di portare la musica a casa delle persone, come anche l’Arcivescovo e la Diocesi di Palermo che ci ospitano.

Non esiste potere temporale e immanenza divina che tenga se c’è la fratellanza, quindi noi suoneremo, io canterò degli istanti d’autore tratti da Battiato, dal mio repertorio, da quello dei Radiodervish con  cui ho iniziato una collaborazione e con cui tornerà a suonare insieme, con la direzione musicale del Maestro Valter Sivilotti».

«Un’altra grande emozione – aggiunge il Maestro Valter Sivilotti – dopo l’evento del 21 settembre a Tindari. Sono felicissimo di essere a Palermo in un altro luogo straordinario come la Cattedrale di Palermo, vissuta con grande pathos sin da tempo immemore. Ripetere le canzoni di Aida sarà ancora una volta un momento speciale».

«Sono stati e sono mesi difficili per il mondo della musica e dello spettacolo, della cultura in genere e che come altri settori  hanno dovuto piegarsi all'emergenza sanitaria. Abbiamo dovuto rinunciare e stiamo rinunciando, non soltanto a una parte della nostra libertà ma anche a quella parte più bella della nostra vita che si rivolge al nostro tempo libero - dice l'assessore del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo, Manlio Messina -.  L’emergenza Covid, cominciata nel marzo scorso e purtroppo ancora in atto, ha cambiato le nostre abitudini e le nostre vite, ma non bisogna fermarsi mai e andare avanti con fiducia, coraggio e passione.  Il concerto di Aida Satta Flores & Band, con l’Ensemble d’archi e diretto dal maestro Valter Sivilotti, nella splendida Cattedrale di Palermo, dal titolo "d'Istanti" richiama al senso di responsabilità che dobbiamo mantenere rispetto al distanziamento sociale, ma anche agli istanti che sono momenti di vita da ricercare nelle note musicali e soprattutto da non sprecare nel ricordo di quanti ci hanno lasciato in questo anno di pandemia.  La musica, che si suona nei teatri, grazie ai canali social e alla tv - prosegue Messina - entra nelle case degli appassionati e oggi dobbiamo essere capaci di cogliere anche le opportunità da questo periodo buio e quindi ricercare e sperimentare nuovi percorsi significa arricchire la nostra esperienza, pronti per ricominciare come e meglio di prima».

Ad accompagnare Aida Satta Flores sarà la sua storica band (Alessandro Valenza, pianoforte; Lorenzo Profita, fisarmonica; Mario Tarsilla, basso elettrico; Fabrizio Francoforte, batteria e percussioni)e dall’Ensemble d’archi diretto dal Maestro Valter Sivilotti. (primi violini Davide RizzutoGirolamo Lampasona, Mariangela Lampasona Virginia Gurrera;secondo violino Marco Badami;viola Salvo D’Amato;violoncello Giuseppe D’Amato).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *