Suicidio Roma nella notte di Champions

Gli autogol di De Rossi e Manolas fanno male, tanto più in una sfida delicata come quella di ieri sera. A Barcellona è 4-1 per i padroni di casa

FC Barcelona vs AS Roma

I giallorossi di Eusebio di francesco si gettano da soli la "zappa sui piedi" nella sfida al Camp Nou contro Messi e compagni. Il risultato di 4-1 in favore dei padroni di casa è assolutamente beffardo dopo la buona prestazione messa in campo dalla compagine capitolina.

Cosa è mancato alla Roma? L'esperienza in campo europeo. Entrare in campo con serenità e giocarsi a viso aperto  una partita che vale l'intera stagione con un avversario nettamente più forte e più attrezzato sotto ogni fronte. Troppe le azioni sciupate da Dzeko e Perotti davanti la porta di Ter Stegen e, anche qualche errore di troppo da parte del direttore di gara, hanno condannato la Roma a dover cercare l'impossibile fra sette giorni.

Era cominciata bene la gara per gli uomini di Di Francesco, capaci di reggere gli affondi dei blaugrana per più di trentacinque minuti, prima che De Rossi con l'intento di spazzare via il pallone dal limite della propria area di rigore, spedisse la sfera alle spalle del proprio portiere Allisson. La Roma reagisce e pochi minuti dopo al limite dell'area di rigore avversaria Pellegrini viene abbattuto dai difendenti catalani ma, per l'arbitro è solo punizione dal limite. Opportunità, successivamente, fallita dallo stesso numero 7 giallorosso.

2

Nel secondo tempo la Roma entra bene sul terreno di gioco ma è ancora presente l'ansia da prestazione notata in tutta la prima parte di gara. Affondo del Barca e 2-0, ancora su autogol, questa volta di Manolas, il quale svirgola involontariamente con il ginocchio il pallone su una conclusione di Umtiti. Passano solamente trecento secondi e i giallorossi commettono un grosso errore difensivo all'interno della propria area di rigore, lasciando Pique libero di appoggiare in rete la terza marcatura della serata.

Entra Defrel al posto di De Rossi e, dopo pochi secondi dal suo ingresso sul terreno gioco, ha l'opportunità di accorciare il risultato, ma il portiere tedesco si impone con una parata da capogiro nei confronti dell'ex attaccante del Sassuolo. A dieci minuti dalla fine, però, la Roma trova finalmente la rete che accorcia le distanze grazie a Dzeko, servito al centro dell'area blaugrana da Perotti. Un rigore in movimento per l'attaccante bosniaco che questa volta fredda la difesa del Barcellona portando il parziale sul 3-1.

La "Lupa" sembra poter riuscire a trovare anche la seconda marcatura ma, Suarez a pochi minuti dalla fine trova il gol del 4-1 che abbatte la squadra di Di francesco.

Secondo round previsto per martedì 10 aprile alle 20:45. Poche le speranze di passare il turno ma il calcio è bello anche perché spesso è imprevedibile. Parola al campo.

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *